Che fine hanno fatto i giovani?

Quante volte abbiamo sentito dire: ai giovani mancano i valori. E se fosse vero il contrario, che stanno annegando in un oceano di valori, in un mare soffocante di moralismo? E se il male venisse proprio dalla retorica sui valori? Spesso quei valori espressi in fiera, ai congressi, a scuola e in tv sono dei palloncini gonfiati, pieni d’aria, cioè di nulla. Sono la decorazione superflua di una realtà cinica che è la pura volontà di dominio. Sono la flatulenza del mercato, che non a caso impone i suoi valori che poi sono i prezzi. O l’ornamento di un nuovo, petulante moralismo, permissivo e intollerante.

Ma ai ragazzi funzionano più gli esempi che le lezioni. Esempi noti. Se si volesse sintetizzare in un’immagine il codice genetico dei Valori come sono oggi presentati ai ragazzi, non pensate a un libro, a una teoria, a un pensatore. Pensate a un cantante, a una canzone di portata planetaria. Per esempio Imagine di John Lennon, oggetto di culto riverito nel mondo e perfino nella politica, canzone di pace e di valori. Frughiamo dentro quell’inno oltre lo splendore della sua musica. Il messaggio dice: “Immagina che non ci sia il paradiso…e nessun inferno sotto di noi…Immagina la gente vivere per l’oggi…Immagina che non ci siano più patrie…Nessun motivo per cui morire o uccidere, nessuna religione…”.

Che splendida vacuità. Se si vive solo per l’oggi, senza più motivi per vivere e per morire, se non ci sono paradisi e inferni, anime e percorsi dopo la vita, se non c’è più dio, né patria, né radice, che farsene di quel guscio vuoto di valori, variamente battezzato per negazione (no alla violenza, no al razzismo, no alla guerra). Non restano che valori gonfiabili per poi viversi addosso come peggio si crede.

Negando la naturale vocazione a legarsi ad un’origine, ad un luogo, ad un senso, ad una religione, dove finirà quel potenziale umano se non alla ricerca di selvatiche parodie dell’origine, del senso e della religione? È quel che succede con la naturale esuberanza e aggressività, la naturale predisposizione al rischio; una volta negata, rimossa e non incanalata e incivilita in forme rituali e condivise, esplode nelle forme peggiori e gratuite.

Se negate ogni trascendenza alla vita, al presente, all’io, di che lagnarsi se poi un ragazzo resetta il mondo, perde il senso della realtà e lo confonde con il virtuale, e va ad abitare in un mondo a una piazza? Il loro egoismo nasce da quei “valori”, o perlomeno si nutre anche di quelli.

“Schiavi di ogni capriccio, legati ad ogni istante, vittime di ogni padrone, sitibondi nel fluire dell’acqua, affamati nella sovrabbondanza”; così scrisse un ragazzo, che si uccise a ventitré anni. Si chiamava Carlo Michelstaedter. Vuoi dire che i giovani di oggi sono peggiori dei giovani di ieri? No, è uno stupido luogo comune di ogni generazione imprecare contro la generazione successiva. Suppergiù sono come gli altri, non più scemi, non più cattivi, semmai un po’ più fragili e introversi. Ma le loro forme di espressione, i loro modi di essere, le loro valvole di sfogo, il loro patrimonio di conoscenze sono in quell’orizzonte sconfinato e chiuso.

Non ha senso cercare di chi è la colpa: essere innocentista o colpevolista, due modi d’essere cretini con giudizi a priori. È causa loro, della famiglia e della scuola, infine del mondo che li circonda, media in testa. Ma la cosa peggiore non è la scomparsa dei giovani come categoria sociale, come risorsa pubblica, e il loro diventare quasi invisibili; ma il loro appartarsi, il loro sconnettersi da ogni rete, da ogni legame, da ogni storia, da ogni linguaggio comune. Terminali spenti. La cosa più terribile che si può dire di loro è questa, parafrasando Karl Kraus: vedendo un giovane oggi non mi viene in mente niente.

MV, Il segreto del viandante (Mondadori, 2003)

 

Ti potrebbero interessare

La piccola donna e il suo paradiso perduto Mattino lucente a Capri, ancora fresco e disabitato di gente, dominato dalla luce mediterranea. Perché non fuggire a Punta Tragara a godersi i faraglioni inondati dal sole? Un libr...
Sulla felicità e la tristezza Caro Seneca, perché chi parla di felicità ha gli occhi tristi? Lo notavo l’altra sera a Taormina in un convivio sontuoso che mi ha ricordato le cene romane di Trimalcione. Guardav...
Gli ayatollah della felicità obbligatoria Un estratto da un articolo di Veneziani pubblicato su Il Giornale nei primi anni Duemila. Una riflessione sulla felicità, sull'infelicità e sulla condizione umana più attuale che m...
Condividi questo articolo
  • 263
  •  
  •  



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Miguel Bosè e il suo compagno, dopo aver ‘comprato’ ciascuno una coppia di gemelli da un utero in affitto, si separano. Questa per voi è civiltà, modernità, libertà o egoismo, capriccio, abuso di maternità e violenza a minori?
    MV
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Diego Fusaro avrà tutti gli eccessi verbosi e narcisisti che dite, e saranno pure improponibili i suoi accostamenti tra Marx e la tradizione, a patto di aggiungere che ha belle letture, espone in modo brillante e non è conformista. Non entro nel merito e nella sua vita sessuale ma chiedo solo una cosa: sarebbe stato ridotto a macchietta, a parodia di filosofo se fosse stato pro-migranti, pro-lgbt, gay, antifascista e antipopulista? Ci sono tanti palloni gonfiati in quel mondo, tra scrittori, femministe, preti ong, ma nessuno li prende in giro né li bullizza, come fanno invece con lui.
    MV
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube