La destra è un gas nobile

La gente continua a chiedermi, come se fossi il custode: ma che fine ha fatto la destra? La risposta più immediata e un po’ subdola è: sta lì, dirimpetto alla sinistra. Già, ma la sinistra è sparita in un imprecisato altrove. Nello stesso altrove è la destra.

La sinistra è in liquidazione, anzi in liquefazione. Renzi è stato il san Gennaro della sinistra italiana: ha compiuto il miracolo di liquefarla, scioglierla come accade al sangue del santo. Forse l’ha fluidificata per consentirne poi l’espettorazione, come un catarro. Se la sinistra è passata dallo stato solido allo stato liquido, adeguandosi alla modernità liquida descritta da Zygmunt Bauman, la destra ha fatto di più, si è sublimata, passando allo stato gassoso. La destra sublime, secondo Pasolini.

In termini zodiacali, la sinistra è un segno d’acqua, la destra è un segno d’aria. La parabola chimica della destra è stata la seguente: fu pastorizzata a Fiuggi, poi fu sterilizzata da Fini, infine è stata polverizzata negli ultimi tre anni. Si è così tradotta in un pulviscolo atmosferico che si vede solo in controluce. Resta il frammento di Fratelli d’Italia, i cui corpuscoli sono leggermente più grandi e dunque più visibili, ma quell’area d’opinione in Italia è ormai da tempo allo stato gassoso.

È uno stato d’animo anche diffuso, una nube anche estesa, comunque un gas, si spera non tossico né intestinale. La destra invisibile si è ritirata tra le nuvole, come capita agli angeli, ai defunti e ai volatili d’alta quota. La destra è nell’aria.

MV, Il Giornale 18 novembre 2014

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbero interessare

Dentro e fuori dal letto. Le “larghe intese” servono (anch... Propongo ai relatori, agli ascoltatori, agli amanti attivi, passivi e occasionali di sottoscrivere il seguente documento amoroso. Quarantaquattro serie, semiserie e paradossali per...
Era mio padre ed è morto da bambino Mio padre aveva gli occhi azzurri e guardava la vita con tenerezza celeste. Non reggeva la sua durezza, ne fuggiva le asprezze e si rifugiava nel mare, nel sole, nella scuola e nel...
La politica è un topo morto La politica è un topo morto. È questo il responso globale delle urne. Mezza Italia non va a votare e la metà che resta, vota in larga parte per tutto ciò che è nuovo, è fuori, è co...



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    L’essenza giocosa del mito

    "C'è qualcosa di giocoso nel mito. Un clima, un tono, un'energia ludica. Una leggerezza che non è frivolezza. Una rappresentazione che non è simulazione.

    Il mito è come la festa, irruzione gioiosa dello straordinario nella vita ordinaria, sospensione favolosa del tempo nell'evento speciale. È rito, incanto, sfida.

    Il mito è l'anello nuziale tra il gioco e il sacro, un ponte tra l'infanzia e gli dei. I giochi pitici a Delfi sono l'esempio di un mito che si fa festa, gioco e sacro.

    Anche i misteri si presentano come enigmi e tramutano in gioco, gara e mito".

    MV, Alla luce del mito goo.gl/rINbJn
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Modernità? Tecnologia? Dovrebbe esserci una forma di compensazione... ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube