Almirante cancella Fini

Zitti zitti, nel silenzio dei media, i Fratelli d’Italia della Meloni hanno compiuto un cambio di rotta: hanno cancellato Alleanza nazionale dal loro simbolo e sono tornati alla fiamma nuda.

La ragione principale è di marketing politico: si sono accorti che- come abbiano notato più volte su queste colonne – il ricordo del Movimento sociale italiano è più vivo nella gente della memoria di An.

La gente preferisce votare in memoria di Almirante anziché di Fini. È la rivincita postuma del maestro sull’allievo che tradì. Ma è anche la sua cancellazione, dopo gli sviluppi della vicenda Tulliani.

Ma al di là del caso Fini, quella svolta simbolica racconta due cose, una di carattere generale e l’altra più specifica per la destra sociale e nazionale.

La prima è che non solo a destra ma ovunque c’è stata la rottamazione del passato prossimo e la riabilitazione del passato remoto. Ovvero, i leader della seconda repubblica sono finiti tutti maluccio, a eccezione di Berlusconi risorto nelle vesti di Silvio VII.

E così i loro partiti, non ce n’è uno che non sia stato cancellato e ristrutturato: da Alleanza Nazionale alla Lega padana, da Rifondazione comunista al Pds e all’Ulivo, dai cristiano-democratici ai verdi, più i numerosi cespugli, i tecnici e i loro partitini.

In compenso giganteggia la memoria dei padri politici della prima repubblica: in primis Berlinguer per la sinistra e Almirante per la destra, tra i democristiani De Gasperi e Moro, tra i socialisti e laici Craxi e Pannella.

In realtà la prima repubblica non fu quella cosa seria e gloriosa che appare agli occhi di oggi, i governi cambiavano ogni nove mesi, i partiti erano tanti, i guai cominciarono allora, la media dei politici era scadente.

Ma con la seconda repubblica, o presunta tale, riuscirono a fare peggio. E in ogni caso la partecipazione politica fino agli anni ’90 era ancora alta, l’appartenenza ideologica e militante, oltre che l’affiliazione clientelare e carrierista, ai partiti era molto elevata.

In questo contesto, il ricordo della fiamma missina scalda i cuori più delle coccinelle e dei simbolini spaziali di Alleanza nazionale.

Ma per Fratelli d’Italia c’è una ragione specifica che dice molto più di una semplice svolta: il Msi come partito di testimonianza e di opposizione permanente lascia un buon ricordo, in fondo non deluse i suoi votanti. An, invece, fu la destra di governo, e quell’esperienza è meglio dimenticarla.

Lasciò rovine più che risultati. Fu nella migliore delle ipotesi una partecipazione secondaria, marginale, ininfluente. E nella peggiore lasciò strascichi giudiziari, ombre di inettitudine e di affarismo e soprattutto tanta paura ad affermare al governo centrale e locale le proprie idee di destra.

Poco o nulla si fece in tema di famiglia e di nascite, di salvaguardia dell’identità nazionale e di memoria storica e difesa culturale, dell’ordine pubblico e del senso dello Stato, per non dire del resto, in materia sociale ed economica, fiscale e di opere pubbliche.

Insomma, l’esperienza di An è da dimenticare. Perfino la Fondazione che porta ancora il suo nome, deve in realtà larga parte del suo patrimonio all’eredità del vecchio Msi.

Tutto questo ci induce a insinuare un legittimo dubbio: visti i precedenti, a questa destra non si addice allora un ruolo di opposizione e di testimonianza piuttosto che di governo e di gestione? Su quali basi forma e seleziona la sua classe dirigente, i suoi candidati? Non è meglio tornare a Colle Oppio piuttosto che al Campidoglio?

A questi dubbi l’unica risposta possibile è che se ti vedi intorno, gli altri non stanno messi meglio di FdI. E quindi nel festival degli inadeguati, piazzisti e dilettanti, c’è posto anche per i destri.

Non sfigurano al confronto.

MV, Il Tempo 5 dicembre 2017

Ti potrebbero interessare

Dov’è la Vittoria Le istituzioni si accingono a celebrare la Vittoria come una festa dell'Europa, mettendo in sordina la Vittoria dell'Italia. Invece la Prima guerra mondiale fu esattamente il contr...
Lo spread esiste, il popolo no Il Corriere della sera, in un editoriale di Angelo Panebianco, è arrivato a sostenere che lo spread è reale, mentre il popolo è un’astrazione, non esiste, se non nella propaganda s...
Il Centro-destra, fine corsa Il centro-destra come lo abbiamo conosciuto non esiste più. Lo ha detto l'altro giorno Giorgetti, il numero due della Lega parlando a una platea di destra. Ha detto semplicemente l...
Condividi questo articolo
  • 2.6K
  •  
  •  


Un commento a Almirante cancella Fini

  1. Nino di Lillo ha scritto:

    È stato fatto dopo che l’ex parlamentare fedelissimo di Fini , ha presentato il movimento sociale italiano . Una difesa del simbolo ?


Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Miguel Bosè e il suo compagno, dopo aver ‘comprato’ ciascuno una coppia di gemelli da un utero in affitto, si separano. Questa per voi è civiltà, modernità, libertà o egoismo, capriccio, abuso di maternità e violenza a minori?
    MV
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Diego Fusaro avrà tutti gli eccessi verbosi e narcisisti che dite, e saranno pure improponibili i suoi accostamenti tra Marx e la tradizione, a patto di aggiungere che ha belle letture, espone in modo brillante e non è conformista. Non entro nel merito e nella sua vita sessuale ma chiedo solo una cosa: sarebbe stato ridotto a macchietta, a parodia di filosofo se fosse stato pro-migranti, pro-lgbt, gay, antifascista e antipopulista? Ci sono tanti palloni gonfiati in quel mondo, tra scrittori, femministe, preti ong, ma nessuno li prende in giro né li bullizza, come fanno invece con lui.
    MV
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube