Almirante cancella Fini

Zitti zitti, nel silenzio dei media, i Fratelli d’Italia della Meloni hanno compiuto un cambio di rotta: hanno cancellato Alleanza nazionale dal loro simbolo e sono tornati alla fiamma nuda.

La ragione principale è di marketing politico: si sono accorti che- come abbiano notato più volte su queste colonne – il ricordo del Movimento sociale italiano è più vivo nella gente della memoria di An.

La gente preferisce votare in memoria di Almirante anziché di Fini. È la rivincita postuma del maestro sull’allievo che tradì. Ma è anche la sua cancellazione, dopo gli sviluppi della vicenda Tulliani.

Ma al di là del caso Fini, quella svolta simbolica racconta due cose, una di carattere generale e l’altra più specifica per la destra sociale e nazionale.

La prima è che non solo a destra ma ovunque c’è stata la rottamazione del passato prossimo e la riabilitazione del passato remoto. Ovvero, i leader della seconda repubblica sono finiti tutti maluccio, a eccezione di Berlusconi risorto nelle vesti di Silvio VII.

E così i loro partiti, non ce n’è uno che non sia stato cancellato e ristrutturato: da Alleanza Nazionale alla Lega padana, da Rifondazione comunista al Pds e all’Ulivo, dai cristiano-democratici ai verdi, più i numerosi cespugli, i tecnici e i loro partitini.

In compenso giganteggia la memoria dei padri politici della prima repubblica: in primis Berlinguer per la sinistra e Almirante per la destra, tra i democristiani De Gasperi e Moro, tra i socialisti e laici Craxi e Pannella.

In realtà la prima repubblica non fu quella cosa seria e gloriosa che appare agli occhi di oggi, i governi cambiavano ogni nove mesi, i partiti erano tanti, i guai cominciarono allora, la media dei politici era scadente.

Ma con la seconda repubblica, o presunta tale, riuscirono a fare peggio. E in ogni caso la partecipazione politica fino agli anni ’90 era ancora alta, l’appartenenza ideologica e militante, oltre che l’affiliazione clientelare e carrierista, ai partiti era molto elevata.

In questo contesto, il ricordo della fiamma missina scalda i cuori più delle coccinelle e dei simbolini spaziali di Alleanza nazionale.

Ma per Fratelli d’Italia c’è una ragione specifica che dice molto più di una semplice svolta: il Msi come partito di testimonianza e di opposizione permanente lascia un buon ricordo, in fondo non deluse i suoi votanti. An, invece, fu la destra di governo, e quell’esperienza è meglio dimenticarla.

Lasciò rovine più che risultati. Fu nella migliore delle ipotesi una partecipazione secondaria, marginale, ininfluente. E nella peggiore lasciò strascichi giudiziari, ombre di inettitudine e di affarismo e soprattutto tanta paura ad affermare al governo centrale e locale le proprie idee di destra.

Poco o nulla si fece in tema di famiglia e di nascite, di salvaguardia dell’identità nazionale e di memoria storica e difesa culturale, dell’ordine pubblico e del senso dello Stato, per non dire del resto, in materia sociale ed economica, fiscale e di opere pubbliche.

Insomma, l’esperienza di An è da dimenticare. Perfino la Fondazione che porta ancora il suo nome, deve in realtà larga parte del suo patrimonio all’eredità del vecchio Msi.

Tutto questo ci induce a insinuare un legittimo dubbio: visti i precedenti, a questa destra non si addice allora un ruolo di opposizione e di testimonianza piuttosto che di governo e di gestione? Su quali basi forma e seleziona la sua classe dirigente, i suoi candidati? Non è meglio tornare a Colle Oppio piuttosto che al Campidoglio?

A questi dubbi l’unica risposta possibile è che se ti vedi intorno, gli altri non stanno messi meglio di FdI. E quindi nel festival degli inadeguati, piazzisti e dilettanti, c’è posto anche per i destri.

Non sfigurano al confronto.

MV, Il Tempo 5 dicembre 2017

Ti potrebbero interessare

Il festival itinerante del Migrante È cominciata in tutta Italia la festa itinerante della Sinistra Pensante. Durerà tutta l'estate e porterà in processione il Santissimo, che quest'anno avrà la faccia nera del Migra...
Tele-Razza Va in onda TeleRazza, il telegiornale monografico a reti unificate che ogni giorno invade le case degli italiani. Razzismo è la parola chiave più ricorrente, anzi ossessiva, che ap...
Non distraeteci coi vitalizi Posso confessarvi una cosa che magari non vi piacerà? Provo fastidio e dissenso per questa incessante campagna contro i vitalizi dei parlamentari. E lo dico da immune, da extraparl...
Condividi questo articolo
  • 2.6K
  •  
  •  


Un commento a Almirante cancella Fini

  1. Nino di Lillo ha scritto:

    È stato fatto dopo che l’ex parlamentare fedelissimo di Fini , ha presentato il movimento sociale italiano . Una difesa del simbolo ?


Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    [I tweet di MV]
    I barbari a Parigi brindano alla coppa del mondo saccheggiando negozi di vini e champagne. Ieri la presa della Bastiglia oggi la presa della Bottiglia
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Coltivate un paese dentro di voi

    "Sfreccio in treno davanti al mio paese natale e mi appare, come i santi, dentro una campana di vetro chiamata finestrino. In quella scatola trasparente e sfuggente c’è tutto il mio mondo d’origine, le persone, i luoghi, gli anni più cari, compresi tra due torri di guardia sul mare. Stento a riconoscere nella velocità del passaggio sagome di case, di vie, di lame e campagne familiari, strisce di mare all’orizzonte, abbozzi di vita e ombre di campanili. Intravedo al passaggio due figure umane fra gli ulivi e, improvvisato sciamano, trasloco dalla mobile località al loro fermo paesaggio. Tramite loro respiro quell’aria, tocco quei tronchi, entro nella loro inerzia. Cos’è il tuo paese natale…

    Non è il luogo dove resti pietrificato una vita, e nemmeno il luogo che abbandoni e cancelli; ma ti resta per sempre, come irraggiungibile ma sempre vicino nella sua lontananza. Quella cartolina appena balenata al passaggio è la cassaforte dove sono depositati i miei tesori, viventi o sepolti. La mia cassetta di sicurezza di gioielli immateriali, ma non privi di corpo.

    Coltivate un paese dentro di voi. Un posto che ami, dov’è la tua origine e che devi lasciare. Ma quel paese poi torna, nei sogni, nelle pause, nei lampi del viaggiatore che sfreccia veloce davanti ai suoi primi vent’anni. E ai secoli addietro da cui provieni e ai secoli postumi in cui tornerai in quel posto, in mezzo ai tuoi cari, terra tra i tuoi conterranei. Alla fine del viaggio si prega restituirmi al mittente."

    MV, Ritorno al sud ow.ly/Othj30kXnHr
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube