Date l’incarico a Pirandello

Come possiamo leggere i giorni politici che stiamo vivendo sotto il profilo culturale o addirittura letterario? A qualcuno scapperà subito da ridere per l’accostamento ardito tra cultura, letteratura e la misera giostra politica del presente. Ma anche i periodi più bassi e confusi hanno una loro chiave di lettura, anche il caos e perfino la barbarie ha letture culturali. E allora per dirla in breve non è a uno storico o a un analista politico che dobbiamo riferirci ma è il teatro di Pirandello che è uscito dalle scene ed è entrato nella realtà, si è fatto politica.

Siamo entrati nella fase pirandelliana della politica: il relativismo assoluto, il gioco delle parti e delle combinazioni, il paradosso come criterio di scelta e di comprensione, il rovesciamento continuo dei ruoli e degli scopi.

Tutti possono allearsi con tutti e con nessuno, tutti possono recitare a soggetto, tutti restano prigionieri di se stessi prima che della situazione, ciascuno può augurarsi a giorni alterni di accordarsi, di sottrarsi a ogni accordo, di stare fuori, dentro, sopra o sotto le intese, senza mai coincidere in modo definitivo. Le variabili sono infinite e impazzite. A tutti conviene non andare a governare, a nessuno conviene governare in condominio, ma tutti professano di voler governare per salvare l’Italia e si dichiarano pronti a dialogare con tutti. È la babele allo stato puro, il caos prima della creazione. Torna persino il detto di Longanesi, la democrazia si replica per assenza di dittatore… Perché il relativismo assoluto di solito evoca, e invoca, il suo contrario, un bel tiranno che mette fine al chiacchiericcio e al caos, al ballo di san Vito delle alleanze e alla latitanza di governi e punti fermi.

Solo Pirandello colse il Prisma contemporaneo in tutte le sue sfaccettature, il gioco di luci e ombre, comparse e scomparse, posizioni e fluttuazioni di quel grande palcoscenico che è la condizione umana, moderna, e nello specifico italiana. Anche se lui poi si rifugiò sotto le ali del fascismo, che non a caso un filosofo pirandelliano, Adriano Tilgher, aveva definito l’assoluto relativismo trapiantato sul terreno della politica. Definizione che non dispiacque allo stesso Mussolini.

Solo Pirandello, del resto, può spiegare perché ora l’Italia si affida a un Fico prematuro, dopo un’improbabile Casellati. Solo Pirandello può spiegare quello che sta succedendo nel Pd, o tra gli alleati del centro-destra o nel pentolone grillino tra integralisti e trasformisti, schifati, scafati e scafisti, gente che schifa tutto e poi è pronta ad allearsi con tutti.

Solo Pirandello può capire la mimica di Berlusconi all’uscita dalle consultazioni con Mattarella, o le prediche on the road dell’Imam Diba, o il rapporto contorto tra Renzi e il suo partito, e soprattutto potrà dare una spiegazione illogica a ciò che sta accadendo.

Tutto è esilarante, come il gas. Ma come il gas, è letale. Se cercate gli arsenali chimici non mandate gli ispettori in Siria ma da noi. Saranno le esalazioni dall’immondizia che sommerge le strade di Roma, saranno le voragini che si aprono nelle strade come nella logica e nei bilanci della Capitale. Sarà che non riusciamo a liberarci del negativo perché si sono chiuse pure le discariche della politica, non c’è nessuna Malagrotta in cui scaricare i rifiuti accumulati. Ma c’è qualcosa di assurdo e malefico nell’aria che non riusciamo a decifrare.

Solo Pirandello ci può aiutare. Dategli l’incarico.

MV, Il Tempo 20 aprile 2018

Ti potrebbero interessare

6 agosto 1945: l’Apocalisse La bomba atomica è il peccato originale del mondo contemporaneo. Se la Shoa chiude tragicamente gli orrori di un’epoca passata, finita con la caduta del Terzo Reich e la morte di H...
La miserabile guerra dei vitalizi A costo di scandalizzarvi vi dirò che questa storia dei vitalizi la trovo a dir poco miserabile. E non solo e non tanto perché si ridurrà a un mezzo raggiro e il Senato poi la modi...
Al buio in pieno solleone Siamo entrati nel fuoco dell'estate senza avere un mezzo profilo di chi guiderà l'Italia nel futuro prossimo. Pochi mesi ci separano dal giudizio elettorale ma non si intravede un ...
Condividi questo articolo
  • 1.1K
  • 1
  •  



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    L’anticipazione di “68 TESI CONTRO IL ‘68”

    I. NON-EVENTO
    Nel '68 cambiò tutto ma non successe nulla. Non c'è un evento cruciale, storico, simbolico che abbia caratterizzato il 1968. Nessuna presa della Bastiglia, nessun assalto al Palazzo d'Inverno, nessuna decapitazione di sovrani e nessun avvento al potere. Non accadde nessuna rivoluzione e nemmeno un'insurrezione con vincitori e vinti, vittime e prigionieri. Non ci fu una guerra e nemmeno vere battaglie. Un anno povero di grandi eventi legati alla Contestazione ma pieno di parole, traboccante di slogan, di gesti simbolici, di sfilate, di proteste, di scontri, ma senza bilanci storici. Verboso, parolaio; interminabili e scontrose assemblee. Pochi fatti, tanta Chiacchiera. Il '68 non è un avvenimento storico ma un clima, un humus, forse un virus, una nube tossica o un gas esilarante, insomma un'ineffabile atmosfera che permeò un'epoca tutt'ora vigente e ne dettò le tendenze. Fuochi fatui per un incendio globale.

    (MV, “68 TESI CONTRO IL 68” (PP.120, 7 EURO) IN VENDITA DA MARTEDI' PROSSIMO NELLE EDICOLE CON “IL GIORNALE”
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    [I tweet di MV]
    È penoso, ma ci tocca difendere il governo-feto dei grillo-leghisti dall’aborto forzoso imposto dalla dittatura eurotedesca e dai domestici nostrani. I tiranni di fuori e i servi di dentro.
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Da martedì in edicola in allegato a “Il Giornale”
    “‘68 tesi contro il ‘68”, un pamphlet su un anno che dura da un’eternità (120 pp, 7 euro)
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube