Francesco, un papa estroverso

Papa Francesco riprende la cristianità dal basso; si preoccupa di svegliare la devozione dei popoli a partire dagli umili, a colpo di catechismo e carità. Con lui la Chiesa torna alle elementari.

Come definire Papa Francesco dal punto di vista teologico e pastorale, umano e caratteriale? Un Papa estroverso. Ma non tanto nell’accezione corrente del termine, cioè una persona comunicativa, gioviale, socievole. Quanto in un significato più strettamente legato alla sua missione di Papa.

Bergoglio è un Papa tutto proiettato all’esterno, si rivolge meno ai credenti cattolici e più ai protestanti o agli islamici, di cui soccorre e adotta famiglie in Vaticano, si preoccupa più dell’accoglienza dei migranti che della nuova povertà delle popolazioni nostrane, dialoga più con gli atei che con i teologi, legge più giornali laicisti come La Repubblica che giornali come L’Osservatore Romano o L’Avvenire.

Qualcuno dirà che è missione evangelica preoccuparsi, prendersi cura più dei lontani che dei fratelli vicini. Un papa non deve chiudersi dentro portoni di bronzo di una chiesa in crisi ma uscire allo scoperto, parlare al mondo.

Così dicono i suoi difensori.

Ma siamo sicuri che un Papa ad uso esterno avvicini alla fede, alla cristianità, alla chiesa i più lontani e refrattari? A giudicare dai dati, dalle percezioni e dai fatti, l’effetto è opposto. Il Papa si allontana dai fedeli senza avvicinare alla fede e alla chiesa gli atei gli agnostici o i credenti di altre fedi.

Demotiva gli uni senza motivare alla fede i secondi.

E allora cosa resta del suo pontificato, dei suoi dialoghi con protestanti, islamici, atei e scettici? Rimane la sua popolarità mediatica, a prescindere dal senso religioso.

Resta, al più, la simpatia, ma per lui non per quel che lui rappresenta, e poi nulla. Anzi quel che lui rappresenta come Istituzione è considerato quasi d’ostacolo all’empatia con lui; la sua nobiltà viene riconosciuta nella sua lotta per smantellare il potere della curia e l’inerzia pietrificata della tradizione, i dogmi della dottrina e le ipocrisie del clero.

Non ci sembra che il passaggio da un Papa “introverso” e colto, legato alla dottrina cristiana e alla tradizione, come fu Ratzinger, a uno estroverso e un po’ istrione, aperto al mondo e a coloro che cristiani non sono, abbia mutato, invertito, la tendenza alla scristianizzazione.

Anzi. Da qui la sensazione che un Papa estroverso lasci scappare le sue pecore dall’ovile senza portarne di nuove a casa. Per dirla con Flaiano, è un papa che rischia di finire non in odore di santità, ma in odor di pubblicità. Forse non si addice a un Papa essere acclamato da Time e dai media “personaggio dell’anno”.  Chi è missionario dell’eterno non può essere ridotto, in un corso accelerato di secolarizzazione, a star mediatica dell’anno.

MV, Tramonti (Giubilei Regnani, 2017)

Ti potrebbero interessare

Il papa dilaga, la fede si ritira Anziché curarsi dell'effetto mediatico delle sue apparizioni, dei rohingia islamici perseguitati (quelli cristiani interessano meno) o di scaricare ogni anatema sui complotti e le ...
La fine della cristianità Tratto da Tramonti (ed.Giubilei Regnani, p.304, 18 euro), il nuovo libro di Marcello Veneziani C'è un processo straordinario che sta avvenendo sotto i nostri occhi e dentro le n...
Accoglieteli nelle vostre case Voi che ritenete un diritto migrare e un dovere accogliere, voi che elogiate il Papa, la Chiesa, la sinistra, le Ong e quanti spalancano le porte e gli aiuti ai migranti, avete una...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  

Tags:



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Animali estinti: il Politologo

    Come li compatisco, i politologi. Un tempo fiorivano, sui rami dei giornali erano appesi a grappoli, brillavano giulivi nei cieli della politica, per dirla in gergo mentanese.

    Il politologo era un incrocio tra l'ostetrico, l'esorcista e il veterinario dei politici. Adesso prova a dare del politologo a qualcuno, rischi la querela. I politologi sono animali estinti o quiescenti e i superstiti sono tornati al mestiere d'origine: si fanno chiamare storici, economisti, sociologi, scienziati, perfino giornalisti.

    A me politologo? Dillo a tua sorella. Perché è scomparsa la materia prima, la politica, o è irriconoscibile alle loro analisi, sono saltati i partiti e i sistemi, i paradigmi e le ideologie. E i politologi, come i venditori di mangiadischi, sono fuori mercato.

    Da noi la politica è riassunta nella formula 4.0 – quattro leader animatori e poi zero – si risolve nelle loro personalità e nel sedare gli insubordinati delle rispettive tribù monoteiste. Sicché il politologo si è atrofizzato, prima gli si sono paralizzati gli arti, destro e sinistro, poi è stecchito. Non è colpa sua.

    Anch'io un tempo ero tacciato di essere politologo, poi mi curai, riuscii a smettere. Ora scrivo su tre toni, il comico, per cogliere il lato ridicolo e grottesco della politica e non solo; il nostalgico, per nutrire il sentimento della vita e il pensieroso, per cercare il pensiero dopo la morte della filosofia. Il politologo oggi è un monologante. O un politico virtuale o mancato. O peggio, è un guardone incline alla coprofilia. Scomparso dai media il Politologo lo trovate nei parchi jurassici, tra il mammut e il tirannosauro.
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube