Gli schiavi del pomodoro

Li ho visti l’altra mattina nelle campagne del Tavoliere, decine di braccianti neri, lucidi e piegati sotto la calura a raccogliere i pomodori. E li ho rivisti ieri nelle immagini quei dodici corpi uccisi in un incidente dopo una giornata di fatica. Non sarà razzismo ma questa non è schiavitù, mi ha detto qualcuno? Si, sarà schiavitù, anche se si tratta di persone giunte qui di loro volontà e per loro volontà ingaggiate. La schiavitù classica era fondata sulla costrizione, quella dei nostri giorni è fondata sulla disperazione che è poi una speranza inacidita, quella di trovare salvezza lontano dai loro paesi, da noi. Ma le condizioni di ingaggio, di lavoro e di vita di quei braccianti sono davvero oltre i limiti della schiavitù. Conosco le accuse allo sfruttamento, al caporalato, alle paghe assurde e minime che ricevono per spaccarsi la schiena a racimolare pomodori. E d’impulso vorrei dar ragione a don Ciotti che chiede di far funzionare la legge sul caporalato e pretende diritti, dignità e giusta retribuzione per loro. Ma quando ho cercato di tradurre nella realtà la predica mi sono imbattuto in un’amara sensazione che chiamerò di pietà impotente, o carità impraticabile. Si può fare qualcosa contro il racket e nei collegamenti con la mafia; o sui mezzi di trasporto e sui soldi che succhiano ai braccianti per trasportarli come bestie in campagna. Ma alla radice il problema resta.

Dunque, ragioniamo. La frutta in questi giorni sui mercati pugliesi era scesa a cifre ridicole, un chilo di albicocche trenta centesimi, e così i pomodori. A raccoglierla con questi prezzi non conviene, se non tramite la paga da fame per il bracciantato. È per questo che gli italiani non ci stanno; c’è poco da fare crociate contro i meridionali sfaticati che non vanno a zappare e a raccogliere, non si può per cifre così irrisorie andare all’inferno.

Ma se pretendi che quei braccianti, indigeni o stranieri, prendano compensi decorosi e in linea con lo statuto dei lavoratori, alle aziende, ai proprietari terrieri, a chi volete voi, l’impresa chiuderebbe, andrebbero in perdita. Non puoi pretendere di raddoppiare, triplicare i prezzi dei pomodori, senza assistere poi al fenomeno seguente; arrivano da altre parti a prezzi più bassi, laddove i salari sono ancora infami e dunque possono produrre con costi minimi. E allora le soluzioni che restano sono due: i pomodori non si raccolgono più, e così la frutta che costa poco sui mercati, i terreni vengono espiantati, come è accaduto per esempio agli agrumeti in Sicilia e vengono utilizzati per altro. Il deserto, e la frutta viene dall’estero. Così restano a terra imprese agricole, braccianti e coltivatori diretti. Oppure subentrano le macchine che evitano il bracciantato, la campagna si modernizza, non ci sono più schiavi, ma i migranti suddetti passano dal sublavoro al nulla. L’alternativa per lo schiavo è non trovare nemmeno quel sottolavoro, senza dignità, e dunque fare la fame, o pretendere che il welfare state funzioni per loro, a nostro carico. O, terza soluzione, rimandarli nei loro paesi d’origine. Questa è una tragedia perché non ha soluzioni. Arrivo a dire che se si trattasse di qualche migliaio di migranti uno stato compassionevole, pur indebitato come il nostro, potrebbe anche integrare la paga con una indennità o con altri sostegni. Ma come fai a mettere un numero chiuso alla carità con i preti, i papi, le agenzie umanitarie, gli speculatori del traffico di umani, che ti stanno addosso e ti chiedono di aprire a tutti? Come fai a dire che il diritto è riservato solo a questi, quando sai che fuori premono in milioni, forse in miliardi che aspirano a venire da noi.  E quando chiedi in che modo, Bergoglio ti risponde col miracolo della moltiplicazione dei pesci e dei pani. Ma chi è in grado di ripetere il miracolo divino?

Per questo io dico che la pietà è impotente. E lo dimostra l’ultimo spartacus che ho letto ieri, l’attore dauno Michele Placido, che dedicò un film, Pummarò, alla piaga del bracciantato e del caporalato. Qual è la soluzione, chiedono a Placido in un’intervista uscita ieri. Ecco la risposta: “Non facendo spegnere subito i riflettori su questi incidenti e su altri problemi di queste persone. Ricordandoli anche nel lavoro che hanno fatto: grazie a loro mangeremo scatole intere di pomodori”. Traduco: la soluzione è fare dibattiti, denunciare, fare cortei e comizi, fare film e spettacoli sul tema. E quando mangi i pomodori ti devi ricordare che grazie a loro ti stai facendo la pummarola. Cambia qualcosa per loro, gli schiavi? Nulla. Non ci resta che fuffa, con un’appendice maliziosa. Non potendo risolvere il problema, ci limitiamo ad agitarlo: così i poveri schiavi restano tali o in alternativa disoccupati, e chi invece trova qualcosa da fare sono i politici, i sindacalisti, la stampa, i cineasti, che campano sul problema denunciandolo, senza poterlo minimamente risolvere. Così i caporali, ora in gran parte neri, puoi pure cacciarli, spezzare il loro racket e magari affidare il reclutamento a sindacati, preti e affini. Ma a parte i dubbi criteri di reclutamento in mano a questi selezionatori, se non riesci a migliorare le condizioni lavorative raddoppiando le paghe o il personale, non hai fatto nulla. E questo non puoi farlo, perché altrimenti l’impresa non vale la spesa. Ecco perché il film di Placido è di 28 anni fa e stiamo ancora a parlare di questo, nonostante tutta l’attenzione, i fari accesi, i governi di sinistra, i registi e le anime belle che quando mangiano il pomodoro rivolgono un pensiero commosso agli schiavi. O per protesta preferiscono la pasta in bianco, magari al tartufo.

MV, Il Tempo 8 agosto 2018

Ti potrebbero interessare

Sempre contro gli italiani L'altro giorno Michele Serra confessava onestamente su la Repubblica che quando sente la notizia di uno stupro si augura vivamente che gli stupratori siano italiani, perché teme l'...
Ecco come andrà a finire Lo so come andrà a finire. Lo so perché conosco la storia, conosco la gente, conosco i potentati, conosco gli immigrati. Li conosco come li conoscete voi, per esperienza, precedent...
Difendere l’Italia è reato Povera Italia, schiacciata nella morsa tra l'Europa e i migranti. E al suo interno un cavallo di Troia che apre le porte e i porti per consentire l'invasione. Accompagnato da una m...
Condividi questo articolo
  • 1.7K
  •  
  •  

Tags: ,



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Una famiglia ci vuole

    "Una famiglia ci vuole, anche per il gusto di andarsene via. La famiglia non è un monumento senza graffi e non è un lenzuolo candido e profumato. La famiglia è a volte un peso, a volte un incubo e perfino una zona scura o maleodorante come i calzini che vostro figlio semina per casa; a volte la famiglia è un pachiderma che si siede sullo stomaco e da cui sogni di fuggire. Ma una famiglia ci vuole, anche quando pensi di evadere; un punto di riferimento saldo e verace, dove torni te stesso e dove sei accolto a prescindere, non perché dai o perché fai ma perché sei, semplicemente sei. Tu, padre, figlio, fratello, nonno o nipote. Sei uno di loro, non devi pagare l'iscrizione."

    MV, Ritorno al sud ow.ly/Z3Fr30mUQYI
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube