Il degrado dell’uomo in condominio

Se volete conoscere la bestialità di un uomo, dovete vederlo in condominio. I peggiori screzi, sfregi e odii non sono in politica o al lavoro, ma covano nel condominio. È lì che dà il peggio di sé. Sapevo di riunioni condominiali in cui si azzannavano: ogni amministratore è sospettato come mariuolo e nella stragrande maggioranza dei casi l’accusa è fondata. I condomini si dividono in lagnosi, morosi, rognosi e minacciosi. Finora non avevo mai partecipato a una riunione di condominio, l’avevo scampata tra deleghe e fughe. Ma cambiando casa, ho appreso la triste notizia che le riunioni del palazzo si facevano di solito nella mia casa e dunque non ho potuto darmi alla latitanza. Così ho debuttato nel surreale conclave. Tutto, dalle lampadine all’immondizia, è materia di conflitto, e io sono fortunato perché vivo in un condominio piccolo e civile. Mi vergogno a dirlo, ma sono stato acclamato presidente, pur ignaro di tutto; o forse proprio per questo. Una carriera fulminante. Nel condominio al mare, invece, ogni dissesto idrogeologico, stradale, ogni minaccia all’incolumità fisica e psichica dell’intero caseggiato risale secondo alcuni alberofobi ai tre pini di cui sono l’indegno proprietario. Alcuni condomini sono letteralmente pignoli, chiedono la pena di morte per i tre pini, temono le pigne più di ogni altra calamità naturale, arma letale o malattia mortale.

Di solito, nei condomini come nei gialli di Agatha Christie, c’è sempre la Vittima e l’Assassino e l’amministratore fa Poirot. Da noi in città c’erano più vittime di pagamenti impropri, danni e molestie, e c’era l’assassino, che non paga da anni, procura rumori e danni. C’è la paninoteca di sotto che consuma fiumi d’acqua ma non paga, e il condominio deve pagare anche quella, altrimenti tagliano l’acqua a tutti. Ho provato a proporre di separare i contatori, ma nei condomini la logica non vale, prevale il fato. È impossibile, dobbiamo pagare noi, e versare pure il doppio per “il fondo morosi”. Sono uscito allucinato e turpe, con i canini più aguzzi, invocando i tecnici, il golpe, il terrore. Se mi è permessa la licenza grammaticale e proverbiale: Homo condomini lupus.

MV, Cucù 2013

Ti potrebbero interessare

Un Papa da schiaffi Confesso di seguire divertito la svolta manesca di Papa Francesco. Prima il pugno a chi parla male della mamma o di Madre Chiesa, poi il calcio nel fondo schiena ai corrotti e il m...
Craxi e i sette nani “Ho fatto tutto di corsa in una specie di frenesia che mi bruciava l'animo. Ho così commesso anche molti errori. E tuttavia, quello che io penso è che nella mia vita ho reso grandi...
Non date consigli ai politici Una replica all’articolo di Salvo Iavarone, “Due consigli alla destra”, sul Corriere del Mezzogiorno. Il primo consiglio che darei a chi vuol dare consigli alla destra e in gene...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

  • Twitter

  • Canale Youtube