Il pezzo di pane che si è fatto uomo

Se cercate un po’ di ottimismo accendete verso la fine del Tigìuno. C’è un ciccio che anche in piena crisi è felice come una pasqua, ride e ci parla ogni giorno del miglior film o attore del mondo, del migliore cantante o concerto di tutti i tempi, del miglior libro, fumetto, ballerino o spettacolo teatrale dell’universo. Ogni giorno, dallo scorso millennio, annuncia al tg1 un capolavoro assoluto, contando sull’alzheimer di massa. E domani sarà uguale.

Si chiama Mollica, il nome non importa, conta il sostantivo. È buono come il pane, farina O e nei suoi giudizi non c’è mai un po’ di crosta, niente di duro, tutto mollica. Morbida, spugnosa, permeabile. Ci piace immaginare, come s’intravede dagli schermi, che anche lui sia fatto della stessa materia dei suoi sogni, dei suoi giudizi e del suo cognome, un essere morbido e mollicoso, tutto adipe, pappagorgia e mammelle.

Lo vedi ridere a ogni minima fregnaccia del suo ospite, è sempre compagnone e divertito. Non vi dico poi quando gli capita tra le pagnotte Benigni o Fiorello. Cade in uno stato di trance euforica, tra l’apparizione della madonna e l’orgasmo puro. Si diverte come un bambino a cui fanno il solletico sotto le ascelle o sotto la pappagorgia. Gode alla prima sillaba, al primo sguardo. E si scompiscia lungo l’intervista, anzi si smollica.

Non riuscirei mai a criticare uno come lui che non ha mai criticato nessuno e non ha mai usato un aggettivo che non fosse superlativo. Il sabato ha una rubrica a suo nome, con la sigla che si ripete da millenni, sempre dedicata a lui, intestata al mollichismo, che solletica la sua vanità sotto il suo ventre molle.

Ma infonde agli italiani un senso euforico globale. Mollica è l’unico italiano che nella depressione generale si diverte come un matto, felice di essere in video, convinto di vivere nel migliore dei mondi possibili, incontrando ogni giorno i più grandi geni di tutti i tempi, anche tra quelli che vi sembrano assoluti idioti e poveri dementi.

La sua è la tv delle meraviglie, la fiera dei prodigi. Un paese avvilito come il nostro adotti Mollica come apostolo e top model di una nuova filosofia di vita: il pagnottimismo.

MV

Ti potrebbero interessare

Il conte Zorro E mò? Tre lettere e un punto interrogativo riassumono lo sguardo spaesato degli italiani davanti al Mite Ignoto che si è assunto la veste di Avvocato del Popolo. Si procede per imp...
De Felice restituì il fascismo all’Italia Il 25 maggio ricorre l’anniversario della morte dello storico italiano. Il suo ritratto da Imperdonabili Renzo De Felice scriveva male e parlava peggio. I suoi testi sul fascism...
Destinazione ignota Stavolta non è una bufala. Il professor Giuseppe Conte ha realmente ricevuto da Mattarella, dopo un lungo colloquio, l’incarico di guidare il governo pentaleghista.  Il presidente ...
Condividi questo articolo
  • 404
  •  
  •  



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    L’anticipazione di “68 TESI CONTRO IL ‘68”

    I. NON-EVENTO
    Nel '68 cambiò tutto ma non successe nulla. Non c'è un evento cruciale, storico, simbolico che abbia caratterizzato il 1968. Nessuna presa della Bastiglia, nessun assalto al Palazzo d'Inverno, nessuna decapitazione di sovrani e nessun avvento al potere. Non accadde nessuna rivoluzione e nemmeno un'insurrezione con vincitori e vinti, vittime e prigionieri. Non ci fu una guerra e nemmeno vere battaglie. Un anno povero di grandi eventi legati alla Contestazione ma pieno di parole, traboccante di slogan, di gesti simbolici, di sfilate, di proteste, di scontri, ma senza bilanci storici. Verboso, parolaio; interminabili e scontrose assemblee. Pochi fatti, tanta Chiacchiera. Il '68 non è un avvenimento storico ma un clima, un humus, forse un virus, una nube tossica o un gas esilarante, insomma un'ineffabile atmosfera che permeò un'epoca tutt'ora vigente e ne dettò le tendenze. Fuochi fatui per un incendio globale.

    (MV, “68 TESI CONTRO IL 68” (PP.120, 7 EURO) IN VENDITA DA MARTEDI' PROSSIMO NELLE EDICOLE CON “IL GIORNALE”
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    [I tweet di MV]
    È penoso, ma ci tocca difendere il governo-feto dei grillo-leghisti dall’aborto forzoso imposto dalla dittatura eurotedesca e dai domestici nostrani. I tiranni di fuori e i servi di dentro.
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Da martedì in edicola in allegato a “Il Giornale”
    “‘68 tesi contro il ‘68”, un pamphlet su un anno che dura da un’eternità (120 pp, 7 euro)
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube