Il ritorno dei Monti viventi

L’altra sera ero a cena a Montiano e pensavo ai casi strani della vita. Pochi anni fa di questi tempi, montiano era l’intero nostro Paese, dal Capo dello Stato all’ultimo dei pierfurbi. Montiano erano il governo, l’Europa, il centro-sinistra e il centro-destra. E lui, il Titolare, sarebbe diventato non so cosa: Capo dello Stato, oltre che Capo del Governo, Presidente dell’Euro-club, Pontefice. Ora Montiano indica solo una frazione della Maremma con neanche 500 abitanti.

Il declino montiano mi suggeriva non solo pensieri sulla vanità e brevità della gloria e della fortuna e il turn over pazzesco di leader momentanei dalla parabola veloce: Monti, Grillo, Bersani, Berlusconi, Bossi, Fini, Renzi… Ma il Professore mi tornava in mente per associazione di idee con le parole spread e borsa che furono le sue ali e ora tornano alla ribalta. Non sto dicendo che il copione si ripete e Monti risorgerà dalle ceneri del suo centrino, anche se si vede assai spesso in tivù, quasi come la Fornero. E se per la sigla di chiusura facessimo un governo riassuntivo delle puntate precedenti? Prodi, Amato, Monti, Dini, Letta, Renzi, e collegato da casa Berlusconi? Tutti sul palco, vestiti come ballerini di cancan, per salutare il pubblico. In banca già scorrono i titoli di coda.

Intanto che sta succedendo a Mary Mount? Dico Mario Monti in versione export e trans-tecnico. Era un grigio e impassibile professore, poi fu un grigioplumbeo e compassato eurocrate, infine diventò un luttuoso e sadico premier che seminava cordoglio e terrore. Ma sempre composto, come si dice dei cadaveri. Ora invece tira mazzate, minacce e iettature. Ma che succede, ha avuto una tempesta finanziario-ormonale, sua moglie lo ha lasciato per Draghi, ha la prostata infiammata dallo spread, si è sparato un’overdose di derivati tossici? A vederlo così fuori di testa, nonostante mantenga un finto aplomb, sembra che abbia aderito alla Scapigliatura lombarda.

Dopo aver guidato l’autunno italiano nell’inverno europeo, capeggia ora la primavera araba contro il governo. Senectù Bruciata. Siamo preoccupati. Ditelo ai suoi genitori, Napolitano e la Merkel, che il ragazzo sta svogliato e scostante, forse sta passando un brutto periodo, si chiude a lungo in bagno, va su certi siti… Che si stia candidando come capitano della squadra dei Poteri Forti?

Scherzi a parte, Monti è un professore di valore e una persona per bene, però a un certo punto fu messo in mezzo e fu esaltato come il Salvatore d’Italia, d’Europa e forse dell’Umanità e si montò la permanente. Perse il senso della realtà, massacrò gli italiani per il Bene Contabile e annunciò loro che avrebbero visto la luce dopo il tunnel, ma è la luce che vedono i morti durante il trapasso. E ora è stranito, immusonito e risentito col mondo intero. Perciò ha scatenato la guerra montiale.

MV, 9 ottobre 2018

Ti potrebbero interessare

Solgenitsyn, dal gulag all’oblio «Sono infinitamente difficili tutti gli inizi, quando la semplice parola deve smuovere l’inerte macigno della materia. Ma non c’è altra strada se tutta la materia non è più tua, no...
La marcia leghista su Roma SPQR, Salvinus PopulusQue Romanus. Oggi ci sarà a Roma il battesimo ufficiale della Lega di Salvini come prima forza nazionale e popolare. Non è la prima volta che la Lega in versi...
Florenskij, scienziato, pensatore e martire Nel giorno dell’Immacolata del 1937, il filosofo, scienziato e sacerdote Pavel Florenskij fu fucilato in un gulag sovietico. Fa impressione il suo lucido e implacabile argomentare ...
Condividi questo articolo
  • 1.3K
  •  
  •  

Tags:



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Una famiglia ci vuole

    "Una famiglia ci vuole, anche per il gusto di andarsene via. La famiglia non è un monumento senza graffi e non è un lenzuolo candido e profumato. La famiglia è a volte un peso, a volte un incubo e perfino una zona scura o maleodorante come i calzini che vostro figlio semina per casa; a volte la famiglia è un pachiderma che si siede sullo stomaco e da cui sogni di fuggire. Ma una famiglia ci vuole, anche quando pensi di evadere; un punto di riferimento saldo e verace, dove torni te stesso e dove sei accolto a prescindere, non perché dai o perché fai ma perché sei, semplicemente sei. Tu, padre, figlio, fratello, nonno o nipote. Sei uno di loro, non devi pagare l'iscrizione."

    MV, Ritorno al sud ow.ly/Z3Fr30mUQYI
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube