Ius soli? Non regge da solo

Ma cos’è questa frenesia di approvare lo ius soli in un momento in cui gli italiani si sentono assediati, circondati, invasi da imponenti flussi migratori? Perché un Paese col più pesante deficit della sua storia, afflitto da mille piaghe urgenti, deve dare la priorità al varo di questa norma prima che il governo vada a casa?

Che razza di Paese è questo se governo, parlamento ed establishment danno la priorità assoluta non agli italiani ma agli stranieri? Che segnale diamo al mondo se non di cedimento, disponibilità e di accoglienza prima di ogni altra realistica considerazione?

Stanno scherzando col fuoco, non si rendono conto di quanto costerà il loro” bel gesto”, quali effetti produrrà nel tempo. E ancor più disgusta vedere il panorama uniforme dei media dove non trovi rappresentate le due opinioni divergenti ma solo una, sempre la stessa, ripetuta all’infinito da tutti i pappagalli finto-pensanti e i loro ripetitori automatici.

Chi è contrario o solo perplesso sullo ius soli, o magari si limita a dire che non è la priorità assoluta prima di finire la legislatura, si becca del fascista, razzista, disumano. La stessa cosa si ripete su ogni altro tema sensibile.

Fatta questa premessa, proviamo a ragionare fuori da ogni partito preso.

Di chi siamo figli? In primo luogo dei nostri genitori e tramite loro dei nostri avi, della terra e della storia da cui provengono. Poi diventiamo figli del luogo e del tempo in cui siamo nati.  In linea di principio lo ius soli regge su una negazione e un inganno.

La negazione riguarda l’identità del neonato e la famiglia in cui nasce, perché considera irrilevante o comunque meno rilevante il ruolo del padre e della madre rispetto al luogo in cui si trovano a vivere.

L’inganno è che lo ius soli non evoca un legame col suolo, con la patria o la madre terra, non riguarda il popolo, la nazione, la cultura e la religione, la civiltà da cui origina il neonato, ma semplicemente lo stato, il territorio, l’ospedale in cui si è trovato a nascere.

Il retropensiero è che l’identità non conta, vale solo la situazione. Il suolo è un alibi perché subito dopo aggiungono che siamo cittadini del mondo, non abbiamo territorio, siamo delocalizzati.

Sul piano pratico possiamo pure ammettere che chi nasce in Italia e qui cresce, va a scuola e ha come sua prima lingua l’italiano, debba essere considerato a tutti gli effetti cittadino italiano. Ma non semplicemente in virtù del fatto di essere nato, da genitori stranieri, su suolo italiano; lo è diventato perché a quel dato di partenza, che non attiene a nulla di costitutivo della sua identità, si è aggiunto un percorso di vita e un’adesione via via consapevole alla cittadinanza italiana.

Insomma lo ius soli in sé non basta, non è un criterio sufficiente per determinare diritti e doveri, va correlato allo ius sanguinis e coltivato tramite lo ius culturae che trasforma un fatto occasionale in un’appartenenza consapevole.

Ma è inutile ragionare, qui si procede per impulsi emotivi, anatemi e riflessi condizionati. Altro che ius soli, siamo alla desolazione.

MV, Il Tempo 17 giugno 2017

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbero interessare

L’Italia finisce dopo cena Se volete avere una proiezione su cosa diventerà l'Italia tra pochi anni, uscite la sera dopo cena. Prendete il bus, la metro, il treno. Andate alla stazione Termini e nei suoi par...
Zingari o Rom, realtà o menzogna La leggenda dei rom e la realtà degli zingari. Se volete capire che cos'è il politicamente corretto inalberato dalla sinistra e adottato da quasi tutti i media, e quali  danni ...
Procediamo per fallimenti alternati Mettiamo da parte i vessilli e le tifoserie e proviamo a ricavare una lezione dai ballottaggi di domenica scorsa. Per cominciare c'è una regola che ormai vige da tempo nel voto: pe...

Tags: ,



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Maturità, quel giugno sotto esame...

    "Ho un ricordo radioso di quel giugno sotto esame, anche se erano i tempi del colera. Studiavo al mare, con mezzo busto immerso negli studi e mezzo nell’acqua.

    Nel pomeriggio mi rifugiavo con un amico in una lavanderia, sulla terrazza che doveva essere più fresca e isolata ma che era diventata la succursale di un suk tanto era calda e trafficata. Oppure fuggivo in campagna sotto un albero di fico.

    E là ricordo che per ogni pagina di Fichte e Hegel, con sottofondo di cicale e di zanzare, mi pappavo un fiorone, una prunella, o un racioppo di ciliegie appena colte dall’albero.

    Alcune pagine dei miei libri d’esami recano tracce sanguigne; ma niente spavento, non avevo gettato il sangue sui libri, erano solo gelsi schizzati tra le mani. Quel mese fu una splendida agonia tra il mare e la campagna, in una infinita controra durata il giugno intero. (...)

    Ricordo come in un film gli sguardi angosciati dei miei compagni di classe il giorno degli scritti, quelle facce disoneste che tramavano alle spalle dei docenti o che imploravano, con aria tra il pietoso e il criminale, copie sottobanco; e ricordo come in un sogno i capannelli ansiosi intorno a chi era reduce dall’orale, «Che ti ha chiesto, che ti ha chiesto…».

    C’erano quattro categorie tra i miei compagni: i finto-preparati, che simulavano di sapere un sacco e non sapevano un tubo, soprattutto tra le ragazze che impestavano con le chiacchiere per intortare i docenti; i finto-impreparati, che si schernivano dicendo di aver studiato gli ultimi due giorni ma non era vero, smazzavano da una vita; gli straculi, che studiavano solo una cosetta e venivano interrogati giusto su quella; e, viceversa, gli sfigati, che lamentavano esattamente l’inverso: «Avevo studiato tutto, eccetto quella cosetta lì, e quel bastardo mi ha chiesto proprio quella».

    C’erano poi i compiacenti, i seducenti, gli ammiccanti, ma anche gli indisponenti, i cazzeggianti, i terrorizzati e i finto-malati che cercavano di suscitare pena con febbri, malori e pallori procurati.

    Vedevi fior di banditi con la faccia pia della prima comunione; Saverio, che arroventava la maniglia con l’accendino per far ustionare la professoressa di chimica, ora sembrava un santo; Pippo, che inviava bustine di peli del suo pube alle compagne di classe, ora guardava i professori con sguardo puro da colomba; Mauro, che si esprimeva solo in dialetto e con bestemmie atroci, ora si dava le arie delicate del poeta crepuscolare…

    Gli esami furono un mirabile esempio di evoluzionismo darwiniano, o di metamorfosi kafkiana. Alcuni di loro non li ho più visti da quei giorni; a volte penso che stiano seduti ancora là in attesa di chiamata. È l’incertezza dei sogni.

    Non andai mai a vedere i quadri, partii e credetti al sentito dire dei miei amici. Sicché ancora non so se veramente fui maturato oppure no…

    MV, Ritorno a sud
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube