Kim, ecce bombo

Siamo vicini a una catastrofe mondiale ma non riusciamo a trattenere le risate quando vediamo le immagini dalla Corea. C’è qualcosa di irresistibile nella comicità involontaria dell’annunciatrice coreana, nella sua mimica facciale e vocale, nella sua posa e nei suoi vestiti.

Comica è la faccia ebete e gluteiforme del dittatore, sormontata da uno spazzolone di capelli compatti; comico quel bambino gommoso e chiattone, dispettoso e prepotente che gioca alla guerra col lanciarazzi.

Comica è pure l’esultanza infantile dei generali che per compiacerlo davanti a ogni razzo o bomba esplosi, battono le mani freneticamente e cercano lo sguardo del Caro Leader per godere della sua benevolenza di capriccioso compagno di giochi.

Meno comico quel “popolo” coreano, o coreografico, secondo l’uso della propaganda di regime, costretto all’entusiasmo e a sorbirsi le parate militari e guerresche del loro paese simulando orgoglio, esultanza e interesse.

È tutto comico, da fiction, con Razzi che diventa l’unico occidentale abilitato a trattare con la Corea del nord, l’unico in grado di capire non la loro lingua ma la loro testa bacata e i loro ragionamenti contorti. E alla comicità asiatica sembra a volte fare pendant la sagoma chiomata di Trump, presentato in duetto col dittatore come in un gag di Ric e Gian, Cochi e Renato, Lillo e Greg, Tom e Jerry. Eccoli, Kim e Trump, quasi un cartoon.

Sarebbe tutto ridicolo se non fosse in gioco il pianeta, se non fossimo davvero sull’orlo di una crisi mondiale. A cui in fondo non crediamo, perché ci pare troppo bambinesco ritenere davvero possibile una guerra “per futili motivi”, come certe bischerate da bulli e certe bravate di balordi.

A noi italiani, poi, si unisce per antica autopersuasione d’incolumità, un fondo supplementare d’incredulità per la convinzione che la cosa in fondo non ci riguardi; il conflitto è lontano, evoca il Pacifico, mica l’Atlantico, figuriamoci il Mediterraneo.

Roba da cinesi, da giapponesi, da statunitensi oltre che da coreani del nord e del sud.

Noi non c’entriamo, ci salva la nostra storia e la nostra geografia. Ma non contate troppo sulle distanze in un mondo interconnesso e interdipendente e soprattutto non ritenete esonerata dal contesto l’Europa. Finora l’unico paese al mondo che ha usato l’atomica contro un popolo è stata l’America.

L’Italia per decenni subì l’ignominia della Corea, anzi “Corea Corea” fu il grido per umiliarci e autodenigrarci per una sconfitta subita dagli azzurri ad opera dei coreani ai Mondiali del ’66.

Qui si cazzeggia, ma quelle bombe sono vere e quelle teste sono veramente frecate, come si dice da noi. Eppure sento ripetere come un mantra disperato e spiritoso che da noi per rifare l’Italia ci vuol ben altro dei grillini o dei populisti.

Ci vuole Kim, il bambolotto bombastico che usa mezzi atomici per radere al suolo i nostri mali. Ecce Bombo.

MV, Il Tempo 1 dicembre 2017

Ti potrebbero interessare

Il festival itinerante del Migrante È cominciata in tutta Italia la festa itinerante della Sinistra Pensante. Durerà tutta l'estate e porterà in processione il Santissimo, che quest'anno avrà la faccia nera del Migra...
Tele-Razza Va in onda TeleRazza, il telegiornale monografico a reti unificate che ogni giorno invade le case degli italiani. Razzismo è la parola chiave più ricorrente, anzi ossessiva, che ap...
Non distraeteci coi vitalizi Posso confessarvi una cosa che magari non vi piacerà? Provo fastidio e dissenso per questa incessante campagna contro i vitalizi dei parlamentari. E lo dico da immune, da extraparl...
Condividi questo articolo
  • 799
  •  
  •  



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    [I tweet di MV]
    I barbari a Parigi brindano alla coppa del mondo saccheggiando negozi di vini e champagne. Ieri la presa della Bastiglia oggi la presa della Bottiglia
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Coltivate un paese dentro di voi

    "Sfreccio in treno davanti al mio paese natale e mi appare, come i santi, dentro una campana di vetro chiamata finestrino. In quella scatola trasparente e sfuggente c’è tutto il mio mondo d’origine, le persone, i luoghi, gli anni più cari, compresi tra due torri di guardia sul mare. Stento a riconoscere nella velocità del passaggio sagome di case, di vie, di lame e campagne familiari, strisce di mare all’orizzonte, abbozzi di vita e ombre di campanili. Intravedo al passaggio due figure umane fra gli ulivi e, improvvisato sciamano, trasloco dalla mobile località al loro fermo paesaggio. Tramite loro respiro quell’aria, tocco quei tronchi, entro nella loro inerzia. Cos’è il tuo paese natale…

    Non è il luogo dove resti pietrificato una vita, e nemmeno il luogo che abbandoni e cancelli; ma ti resta per sempre, come irraggiungibile ma sempre vicino nella sua lontananza. Quella cartolina appena balenata al passaggio è la cassaforte dove sono depositati i miei tesori, viventi o sepolti. La mia cassetta di sicurezza di gioielli immateriali, ma non privi di corpo.

    Coltivate un paese dentro di voi. Un posto che ami, dov’è la tua origine e che devi lasciare. Ma quel paese poi torna, nei sogni, nelle pause, nei lampi del viaggiatore che sfreccia veloce davanti ai suoi primi vent’anni. E ai secoli addietro da cui provieni e ai secoli postumi in cui tornerai in quel posto, in mezzo ai tuoi cari, terra tra i tuoi conterranei. Alla fine del viaggio si prega restituirmi al mittente."

    MV, Ritorno al sud ow.ly/Othj30kXnHr
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube