Kim, ecce bombo

Siamo vicini a una catastrofe mondiale ma non riusciamo a trattenere le risate quando vediamo le immagini dalla Corea. C’è qualcosa di irresistibile nella comicità involontaria dell’annunciatrice coreana, nella sua mimica facciale e vocale, nella sua posa e nei suoi vestiti.

Comica è la faccia ebete e gluteiforme del dittatore, sormontata da uno spazzolone di capelli compatti; comico quel bambino gommoso e chiattone, dispettoso e prepotente che gioca alla guerra col lanciarazzi.

Comica è pure l’esultanza infantile dei generali che per compiacerlo davanti a ogni razzo o bomba esplosi, battono le mani freneticamente e cercano lo sguardo del Caro Leader per godere della sua benevolenza di capriccioso compagno di giochi.

Meno comico quel “popolo” coreano, o coreografico, secondo l’uso della propaganda di regime, costretto all’entusiasmo e a sorbirsi le parate militari e guerresche del loro paese simulando orgoglio, esultanza e interesse.

È tutto comico, da fiction, con Razzi che diventa l’unico occidentale abilitato a trattare con la Corea del nord, l’unico in grado di capire non la loro lingua ma la loro testa bacata e i loro ragionamenti contorti. E alla comicità asiatica sembra a volte fare pendant la sagoma chiomata di Trump, presentato in duetto col dittatore come in un gag di Ric e Gian, Cochi e Renato, Lillo e Greg, Tom e Jerry. Eccoli, Kim e Trump, quasi un cartoon.

Sarebbe tutto ridicolo se non fosse in gioco il pianeta, se non fossimo davvero sull’orlo di una crisi mondiale. A cui in fondo non crediamo, perché ci pare troppo bambinesco ritenere davvero possibile una guerra “per futili motivi”, come certe bischerate da bulli e certe bravate di balordi.

A noi italiani, poi, si unisce per antica autopersuasione d’incolumità, un fondo supplementare d’incredulità per la convinzione che la cosa in fondo non ci riguardi; il conflitto è lontano, evoca il Pacifico, mica l’Atlantico, figuriamoci il Mediterraneo.

Roba da cinesi, da giapponesi, da statunitensi oltre che da coreani del nord e del sud.

Noi non c’entriamo, ci salva la nostra storia e la nostra geografia. Ma non contate troppo sulle distanze in un mondo interconnesso e interdipendente e soprattutto non ritenete esonerata dal contesto l’Europa. Finora l’unico paese al mondo che ha usato l’atomica contro un popolo è stata l’America.

L’Italia per decenni subì l’ignominia della Corea, anzi “Corea Corea” fu il grido per umiliarci e autodenigrarci per una sconfitta subita dagli azzurri ad opera dei coreani ai Mondiali del ’66.

Qui si cazzeggia, ma quelle bombe sono vere e quelle teste sono veramente frecate, come si dice da noi. Eppure sento ripetere come un mantra disperato e spiritoso che da noi per rifare l’Italia ci vuol ben altro dei grillini o dei populisti.

Ci vuole Kim, il bambolotto bombastico che usa mezzi atomici per radere al suolo i nostri mali. Ecce Bombo.

MV, Il Tempo 1 dicembre 2017

Ti potrebbero interessare

Dov’è la Vittoria Le istituzioni si accingono a celebrare la Vittoria come una festa dell'Europa, mettendo in sordina la Vittoria dell'Italia. Invece la Prima guerra mondiale fu esattamente il contr...
Lo spread esiste, il popolo no Il Corriere della sera, in un editoriale di Angelo Panebianco, è arrivato a sostenere che lo spread è reale, mentre il popolo è un’astrazione, non esiste, se non nella propaganda s...
Il Centro-destra, fine corsa Il centro-destra come lo abbiamo conosciuto non esiste più. Lo ha detto l'altro giorno Giorgetti, il numero due della Lega parlando a una platea di destra. Ha detto semplicemente l...
Condividi questo articolo
  • 799
  •  
  •  



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Miguel Bosè e il suo compagno, dopo aver ‘comprato’ ciascuno una coppia di gemelli da un utero in affitto, si separano. Questa per voi è civiltà, modernità, libertà o egoismo, capriccio, abuso di maternità e violenza a minori?
    MV
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Diego Fusaro avrà tutti gli eccessi verbosi e narcisisti che dite, e saranno pure improponibili i suoi accostamenti tra Marx e la tradizione, a patto di aggiungere che ha belle letture, espone in modo brillante e non è conformista. Non entro nel merito e nella sua vita sessuale ma chiedo solo una cosa: sarebbe stato ridotto a macchietta, a parodia di filosofo se fosse stato pro-migranti, pro-lgbt, gay, antifascista e antipopulista? Ci sono tanti palloni gonfiati in quel mondo, tra scrittori, femministe, preti ong, ma nessuno li prende in giro né li bullizza, come fanno invece con lui.
    MV
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube