La falsa guerra alle bufale

Ma cosa sono mai le fake news che spaventano l’establishment mondiale e che Renzi ha denunciato in apertura della Leopolda? Sono le notizie false e tendenziose come un tempo si diceva.

Non è una novità dei nostri giorni: si chiamava “disinformazia” ai tempi dell’Unione Sovietica, si chiamava manipolazione mediatica o storica negli anni più recenti. La maldicenza, la falsificazione, la disinformazione esistono dacché esiste l’umanità, anzi prima, col serpente biblico.

Qual è allora la novità di oggi? Che tra la disinformazione di regime, la propaganda di partito e il pettegolezzo da ballatoio, la maldicenza da bar, si è insinuata una forma nuova, pubblica e privata al tempo stesso: la bufala in rete. Renzi ce l’aveva con i 5Stelle, perché trattandosi di un movimento cresciuto con la Rete si ritiene che sia cresciuto a suon di fake.

Non mancano episodi che lo confermano anche se certo non bastano a spiegare il successo dei grillini.

Ma il discorso ha assunto una grande rilevanza mondiale da quando c’è Donald Trump, che si ritiene il Re delle fake, una specie di Buffalo Bill nel senso delle bufale. Sarebbe facile dimostrare che le notizie incontrollate, sommarie, imprecise, usate dalla propaganda di Trump si equivalgono almeno alla deformazione mediatica e alla falsificazione usata contro di lui dall’apparato mediatico-istituzionale.

Trump è stato vittima e artefice delle fake news. E per certi versi anche i movimenti populisti in Europa lo sono. Per dare una spiegazione colta, le fake news sono state definite “postverità”, cioè nell’epoca in cui tramonta la verità, restano solo le interpretazioni soggettive.

Ognuno si costruisce la sua verità su misura dei suoi interessi. Vero. Però ci sono da considerare due cose.

1) La prima è che se la rete abbonda di postverità, i media abbondano di pre-falsità, ovvero di falsità costruite a priori, pregiudizi che precedono i fatti e prescindono dai fatti. C’è una vera e propria fabbrica delle notizie corrette e filtrate, dei linguaggi costretti e ipocriti, delle omissioni e delle menzogne organizzate.

La Rete è figlia di questo contesto. Una figlia che si ribella a tutto questo ma poi finisce per somigliare tutto a sua madre.

2) La seconda osservazione invece scende a un livello più profondo. Quando sento filosofi, intellettuali, politici e giornalisti che attaccano le post-verità mi ricordo che sono poi gli stessi che nei loro saggi, nella loro militanza, nella loro professione e nella loro esperienza, hanno sempre rifiutato di credere all’esistenza di una verità oggettiva, riconosciuta e universale.

Hanno sempre sostenuto che la verità non esiste, è un retaggio della tradizione e della religione, perché le verità sono tante quante sono gli uomini, e di solito rispecchiano i rapporti di potere, servono al potere. Perché, come diceva Mar e ripeteva Gramsci, le idee dominanti sono sempre le idee della classe dominante.

Dunque, la verità non esiste. Da questo rifiuto è discesa la condotta dei nostri anni dove tutto è “a modo mio”: non mi devo attenere a una verità e a un canone, ma vivere secondo i miei diritti e desideri. Questa in fondo è l’eredità del ’68.

Ora, invece, sorge un nuovo bigottismo, un nuovo clericalismo, che liquida come postverità sia le bufale bell’e buone sia le interpretazioni o addirittura i fatti che non rispecchiano l’ideologia dominante, il pensiero unico (che è una definizione sbagliata perché se un pensiero è unico, e uniforme, non è un pensiero ma un comandamento). Il nuovo bigottismo clericale somministra ai sudditi una rete di falsità prefabbricate.

Torno alla realtà d’oggi. Non so se siano peggio le bufale di cui si è nutrita la rete e che ha nutrito il grillismo o le bugie, le promesse mancate, i raggiri e gli annunci da piazzista di Renzi e dei suoi dirimpettai.

È malapolitica in ambo i casi.

Infine un appello animalista e agroalimentare: è già falso e fuorviante definire bufale le notizie false. Smettetela di diffamare le bufale, animali innocenti e mozzarelle deliziose.

MV, Il Tempo 26 novembre 2017

Ti potrebbero interessare

De profundis per il centro-sinistra Vi do un'anteprima assoluta. Il centro-sinistra è finito, bocciato dalle urne. Otto italiani su dieci non vogliono questo governo, il centrosinistra e i partiti che lo sostengono. ...
La fiction della sinistra La sinistra ritrova la sua unità quando si divide dagli italiani. È capitato l'altro giorno con le manifestazioni antifasciste, quando tutti - Renzi e D'Alema, Gentiloni e i centri...
Il festival itinerante del Migrante È cominciata in tutta Italia la festa itinerante della Sinistra Pensante. Durerà tutta l'estate e porterà in processione il Santissimo, che quest'anno avrà la faccia nera del Migra...
Condividi questo articolo
  • 869
  •  
  •  

Tags: ,



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    [I tweet di MV]
    I barbari a Parigi brindano alla coppa del mondo saccheggiando negozi di vini e champagne. Ieri la presa della Bastiglia oggi la presa della Bottiglia
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Coltivate un paese dentro di voi

    "Sfreccio in treno davanti al mio paese natale e mi appare, come i santi, dentro una campana di vetro chiamata finestrino. In quella scatola trasparente e sfuggente c’è tutto il mio mondo d’origine, le persone, i luoghi, gli anni più cari, compresi tra due torri di guardia sul mare. Stento a riconoscere nella velocità del passaggio sagome di case, di vie, di lame e campagne familiari, strisce di mare all’orizzonte, abbozzi di vita e ombre di campanili. Intravedo al passaggio due figure umane fra gli ulivi e, improvvisato sciamano, trasloco dalla mobile località al loro fermo paesaggio. Tramite loro respiro quell’aria, tocco quei tronchi, entro nella loro inerzia. Cos’è il tuo paese natale…

    Non è il luogo dove resti pietrificato una vita, e nemmeno il luogo che abbandoni e cancelli; ma ti resta per sempre, come irraggiungibile ma sempre vicino nella sua lontananza. Quella cartolina appena balenata al passaggio è la cassaforte dove sono depositati i miei tesori, viventi o sepolti. La mia cassetta di sicurezza di gioielli immateriali, ma non privi di corpo.

    Coltivate un paese dentro di voi. Un posto che ami, dov’è la tua origine e che devi lasciare. Ma quel paese poi torna, nei sogni, nelle pause, nei lampi del viaggiatore che sfreccia veloce davanti ai suoi primi vent’anni. E ai secoli addietro da cui provieni e ai secoli postumi in cui tornerai in quel posto, in mezzo ai tuoi cari, terra tra i tuoi conterranei. Alla fine del viaggio si prega restituirmi al mittente."

    MV, Ritorno al sud ow.ly/Othj30kXnHr
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube