La sigla di chiusura dell’Italia

Con soli settantun’anni di ritardo, l’Italia s’è desta e nel mese dei morti si è data ufficialmente l’inno nazionale; ma a questo punto diventa la sua sigla di chiusura.

Erano anni che la destra, in solitudine, proponeva senza successo – neanche con i governi di centro-destra – di riconoscere l’Inno di Mameli come Inno nazionale; macché, l’inno figurava come il primo clandestino senza permesso di soggiorno.

Alla fine, di riffa o di raffa, con una proposta pieddina, Mameli entra con glorioso ritardo nella Gazzetta Ufficiale, ma nel frattempo il suo Canto degli italiani diventa il canto del cigno nazionale.

Il suo debutto come inno ufficiale sarebbe stato naturalmente con la Nazionale di calcio ai mondiali di Mosca, perché l’inno diventa veramente nazionale e popolare solo quando c’è di mezzo il calcio e la tv e viene cantato in tv, negli stadi, per le strade e nelle case; ma l’Italia – come ben sapete – si è giocata i mondiali.

Ergo, l’inno ufficiale servirà solo come colonna sonora delle performance di Mattarella e dintorni.

Considerando questa Italia con gli indicatori in picchiata – denatalità, mortalità, anzianità da record, evasione all’estero di ragazzi e pensionati, invasione di migranti, crescita del disavanzo, colonizzazione commerciale e da ultimo declino del calcio, bandiera nazionale – l’inno di Mameli arriva come una specie di marcia funebre o quantomeno sigla di chiusura, mentre scorrono i titoli di coda di uno Stato che non riesce a darsi una prospettiva di futuro.

Per decenni è stato impossibile dare dignità e rilievo all’inno nazionale; lo cantavano solo nello sport e nei raduni militari. Anche la destra lo rispettava fino a un certo punto, perché i monarchici e i nazional-risorgimentali preferivano la Marcia reale, i nostalgici della destra sociale e nazionale preferivano l’Inno a Roma se non i canti fascisti, e a sinistra trionfava il canto del lavoro, l’inno dell’Internazionale.

Inni con una solennità epica e storica più grandiosa e più coinvolgente, forse più poetici. Ma gli inni sono come i nomi di battesimo, non vanno distinti tra belli e brutti, in o out, ma tra significativi e insignificanti.

E l’Inno di Mameli evoca il legame nazionale, anche se propriamente più che la Patria evoca la Fratria, non la terra dei Padri ma la terra dei fratelli d’Italia.

Erano in pochi ad amare un inno nato nel risorgimento ma nel versante perdente, quello repubblicano. L’inno non ci accompagnò nelle due guerre mondiali né le imprese più significative della storia d’Italia. Restò come un’invocazione a Roma capitale in versione repubblicana e dunque apertamente antimonarchica e sottilmente anticattolica.

Senza dire, poi, che la musica di Novaro è sempre stata dimenticata come se di un inno valessero solo le parole un po’ retoriche e poco rispondenti al temperamento nazionale.

Stringiamoci a coorte, siam pronti alla morte… Però la morte precoce di Mameli a Roma combattendo per la repubblica romana, lo elevò al rango di eroe e di mito: desta ammirazione quel ragazzo che cantò l’Italia e si sacrificò in suo nome, non si limitò a scrivere un testo che esortava a esser pronto alla morte per l’Italia ma ci rimise davvero la vita.

Neanche per i 150 anni dell’Unità d’Italia, lo scorso 2011, fu possibile al governo Berlusconi dare solennità istituzionale all’Inno nazionale, per non scontentare la Lega di Bossi e per non irritare gli esterofili e gli internazionalisti di casa nostra.

In seguito nacque perfino un partito dall’inno, Fratelli d’Italia, guidato però da una sorella, Giorgia Meloni, che già dai tempi in cui era ministro della gioventù aveva cantato le lodi di Mameli in una mostra tricolore.

Ora, la scena pubblica non offre figure in cui riconoscersi, lo Stato è un’entità a cui nessuno mostra attaccamento; e sul piano politico avanza il deserto: cala l’ultimo astro Renzi, la sinistra si spappola, il centrodestra si ritrova intorno al corpo imbalsamato di Berlusconi, alcune regioni cercano autonomia e tanta Italia contro si vota a Grillo.

Ma ora, proprio ora, in piena decomposizione, ti arriva questo colpo di coda nazionale, questo inno retroattivo. Abbiamo l’Inno ma non c’è più l’Italia. L’Italia è morta, viva l’Italia.

MV, Il Tempo 19 novembre 2017

Ti potrebbero interessare

Qualcosa si muove Ma i giovani che fine hanno fatto? Non esistono più come categoria, come bioclasse, come generazione. Esistono come singoli, come utenti, come platee di haters chattanti, come mass...
Ripartire da Salvini Spegnete la tv all'ora dei tg o perlomeno togliete il sonoro e domandatevi fuori dal minuetto inconcludente che vi propinano ogni giorno: ma in questa situazione qual è meglio per ...
C’è vita sul pianeta destra Ha vinto il migliore. Nello Musumeci era il miglior candidato che la Sicilia potesse esprimere. E seppur incalzato dal non-voto e dal voto-non, vale a dire quello rabbioso ai grill...
Condividi questo articolo
  • 218
  •  
  •  
  •  

Tags: , ,



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

  • Twitter

  • Canale Youtube