Le tre condizioni per sbarcare

I migranti devono conformarsi ai nostri valori, sentenzia la Corte di Cassazione. D’impulso plaudo, ristabiliamo i confini culturali, almeno, poi mi sovvengono due obiezioni: la prima: ma detta così, come l’hanno riferita tg e giornali, ci rendiamo conto che svolta radicale, che portata gigantesca avrebbe una norma del genere?

Non si chiede semplicemente di rispettare le nostre leggi e attenersi alle nostre regole, no, qui si tratta addirittura di conformarsi ai nostri valori, che inevitabilmente discendono dalla civiltà cristiana oltre che greco-romana.

Chiediamo per caso una mezza conversione ai migranti in cambio dell’accettazione in casa nostra? Troppa grazia, mi accontenterei che rispettassero solo le regole.

Seconda obiezione che riguarda più noi che loro: ma “i nostri valori” quali sono? Se escludete quelli derivati dalla civiltà cristiana e greco-romana, se cancellate i valori ideali, morali e nazionali, possiamo davvero limitarci ai diritti dell’uomo e alla democrazia liberale?

Ma poi li vedete in giro questi valori o siamo nel pieno di una società cinica ed egoista, che non ha più uno straccio di valori, nichilista e corrotta, marcia, sporca dentro, non solo nelle vie? L’appello ai valori dovrebbe toccare pure noi.

Lo stop agli sbarchi in vista del vertice  G7 di Taormina e il freno posto dalla Cassazione ci fanno pensare che i flussi migratori non sono così inarrestabili ma si può al contrario fare qualcosa.

Nelle ultime settimane sono sbarcati migliaia di immigrati, a volte in un giorno solo e altri ancora di più, potrebbero arrivare con la bella stagione.

Ma è possibile che non siamo in grado di stabilire, in accordo con l’Europa, alcune regole semplici e chiare? Per esempio, quello di stabilire una soglia non giornaliera o annuale, ma di lungo periodo, di assorbimento dei flussi migratori. E raggiunta, superata quella soglia, entrano da noi solo se ne escono altri.

Se, per dire, 100 mila migranti lasciano l’Italia per andare altrove, tornare a casa o espulsi per il loro comportamento, si possono prevedere centomila nuovi arrivi. Punto.

Magari tenendo conto di altre due condizioni preliminari, oltre il numero prestabilito: la maggiore affinità di cultura, regole e valori e la disponibilità a seguire corsi di integrazione e di lingua. Chi è fuori da questo raggio, chi eccede, viene rimandato a casa, respinto.

Le navi di soccorso non dovrebbero servire per portarli da noi ma per riportarli da dove sono partiti. Certo, questo comporta seri accordi bilaterali con i paesi di partenza e una concertazione europea. Ma questo significherebbe che l’Italia, che l’Europa, esiste, ed esistono i confini.

Questo dovrebbe essere un argomento cardinale per i G7 e per gli eurovertici. Ma forse non ci siamo ancora svegliati, stiamo ancora sognando, dopo la sentenza della Cassazione e la tregua dei flussi per Taormina.

MV, Il Tempo 17 maggio 2017

Ti potrebbero interessare

L’onda idiota del femminismo Ma che sta succedendo in tema di libertà e di censura, di uomini e donne, di uguaglianza e differenze? Da una settimana in America come in Italia, tiene banco la vicenda assurda di...
L’Italia divisa in due Sei per Berlusconi o sei per Salvini, rivuoi Alfano o lo regali a Renzi, preferisci Pisapia oppure Orlando, meglio Grillo vestito da Di Maio o Grillo svestito da Di Battista? No, s...
Pensieri stellari nella notte di San Lorenzo Quando provate dolore nell'anima guardate le stelle. Quando vi sentite tristi,  quando qualcuno vi offende, quando non vi riesce qualcosa o vi sovrasta  la tempesta interiore, ...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    "La classe dirigente è lo specchio del Paese, ma..." ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    [I tweet di MV]

    Dopo il corno di 60 mt. di De Magistris a Napoli, la Raggi a Roma farà una statua di 70 mt. a Grillo che sfancula urbi et orbi. Vaffa dei.

    Dopo il corno alto 60 mt di De Magistris a Napoli, Sala farà a Milano il monumento alla Cotoletta, largo 80 mt.
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    I bambini, i sogni, i fari

    Ascoltavo di nascosto un padre che indicava il faro a suo figlio e gli diceva: “quello si chiama faro, lampeggia sul mare, così le barche di sera e le navi di notte vedono da lontano dov’è il porto”.

    Mi sono messo nei panni del bambino e ho immaginato con i suoi occhi sognanti la frase di suo padre. Quanta magia era racchiusa in quelle parole semplici per il suo sapere sorgivo.

    C’è il mistero della notte e della lontananza, il fascino pericoloso del mare, il rifugio nella stiva, l’insidia urlante dei venti, l’incanto sovrumano delle stelle, la nostalgia di casa, l’occhio magico del faro, la luce materna della terra che richiama casa.

    Ho visto con la sua meraviglia i marinai in alto mare alle prese con le cime e i flutti, in piena notte, che vedono da lontano quella luce e si rincuorano.

    Senti il sapore della vita, i suoi schizzi e le sue onde, spiegato ai nuovi arrivati; è l’avventura umana nel cosmo che cerca riparo e ristoro nella notte; è lo stupore di venire alla luce, come si dice pure della nascita.

    C’è la gerarchia della vita nella distinzione di suo padre tra le barche della sera e le navi della notte: le prime, minorenni, rincasano al primo buio; le altre, maggiorenni, si permettono di star fuori la notte. Una visione del mondo mitica e astrale si posava sui suoi occhi stregati mediante quella luce che fendeva il buio per un istante.

    Come due fari nella notte, gli occhi del bambino si spalancavano alla vita e in un baleno capivano la sorte. (Per uscire dalla crisi ci mancano i bambini, i sogni, i fari).

    MV
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube