L’Italia finisce dopo cena

Se volete avere una proiezione su cosa diventerà l’Italia tra pochi anni, uscite la sera dopo cena. Prendete il bus, la metro, il treno. Andate alla stazione Termini e nei suoi paraggi o comunque intorno alle stazioni delle vostre città.

Ogni sera, dopo cena, l’Italia sparisce. Come Cenerentola nella fretta di rincasare a mezzanotte perdeva la scarpina, così l’italiano la sera perde lo Stivale. L’Italia si barrica in casa, vive davanti agli schermi, il video della tv, del pc, degli smartphone, degli i-pad.

Agli arresti domiciliari. Non è solo questione d’abitudine o di stanchezza, di scelta o di pigrizia. È questione d’insicurezza, paura e disagio. Qualche giorno fa è emerso un dato, le donne non viaggiano da sole di sera.

Ma nessuna di quelle femministe coccodé che solitamente strepitano sulla questione femminile, la parità dei diritti, le donne aggredite e offese– prendine una a caso, la Boldrini – ha aperto bocca e ha denunciato la cosa. Per forza, perché si trattava di ammettere che i treni e i bus di sera sono popolati da torme di sbandati e di immigrati clandestini.

La gente percepisce il pericolo. Non è razzismo, è paura. La radice della parola xenofobia del resto è quella: non odio e disprezzo verso gli stranieri, non senso di superiorità etnica, ma paura unita a una sensazione di smarrimento.

Sentirsi stranieri nella propria città. La sera, soprattutto nei mezzi pubblici di trasporto, gli italiani diventano una minoranza in casa loro: incontri più immigrati che concittadini, connazionali. Sono la maggioranza assoluta.

Se continuano gli sbarchi a migliaia al giorno, finirà che il dopocena si prenderà tutta la giornata. E gli italiani diventeranno una minoranza in casa loro.

Vero, gli italiani non fanno figli. O fuggono all’estero perché non trovano lavoro o trovano la pressione fiscale davvero insopportabile. Così lasciano spazi vacanti che vengono colmati dagli sbarchi.

Ma il risultato, in uscita o in entrata, è poi quello: l’Italia sparisce, si va africanizzando e islamizzando, e in alcune zone cinesizzando e balcanizzando, per non dire degli zingari (Roma perde la finale, si fa rom).

Mi è capitato più volte anche di giorno di uscire dalla stazione di una città e di dover camminare per 300-400 metri prima di vedere un italiano. Solo neri, immigrati, rom, alcuni questuanti, altri languenti, qualcuno minaccioso.

E quando finalmente vedi un concittadino ti viene voglia quasi d’abbracciarlo, di fare una rimpatriata. Vedi solo neri o se cambi percorso, come a Roma andando verso Piazza Vittorio, entri in China town e paraggi. Al centro storico il paesaggio si fa più frastagliato, perché agli immigrati si aggiungono i turisti, la marea di b&b che hanno un ruolo decisivo nell’ampliare a dismisura l’immondizia random per le strade.

Ma l’italiano diventa una minoranza.

Eppure sapevamo, e lo confermavano tanti studi scientifici, che se un territorio in cui sei nato e cresciuto viene gradualmente occupato da una popolazione sostitutiva, si rompe il rapporto tra cittadini e città, si altera il tessuto connettivo di una città, il legame civico, la sensazione elementare di sentirsi a casa e di dover dunque concorrere al bene della tua città.

Ti senti espulso, invaso, alienato. C’è quella legge di natura definita dagli etologi e dai sociobiologi imperativo territoriale. Anche quella soglia è “bio”, perché non tutelarla, voi che riducete tutto  a “bio”, dall’etica ai pomodori?

Ogni comunità ha una soglia di accettazione e di sopportazione per non snaturarsi. Una soglia fisiologica; superata quella, la situazione diventa patologica. Sentiamo che ogni giorno vengono allargate le soglie.

Addirittura si smistano su Roma il 50% dei nuovi sbarchi; giustamente anche se tardivamente, e non so quanto efficacemente, insorge la Raggi. E lo fa perché Roma la spinge a farlo, i romani lo chiedono.

No, non si può stressare una città a tal punto. Roma ha sempre avuto le braccia aperte, è paziente, è accogliente, se ne frega, non ha mai avuto diffidenza verso quelli che a nord si chiamavano vu’cumprà. Però non si può esagerare, non puoi ridurre un popolo a sentirsi straniero in casa sua.

E la stessa sensazione di disagio in scala è nei piccoli paesi, dove accogliere in piccole comunità 50 immigrati di botto, e non immigrati integrati nel tessuto lavorativo, nella città, nella lingua, ma nullafacenti, ciondolanti per le strade, giovani, single, pieni di energie e dunque affamati di tutto, di cibo, di sesso, di soldi, significa spargere mine sul territorio e alterare il rapporto tra cittadini e habitat.

Anziché prendervela con cechi, ungheresi e polacchi che cercano di arginare la marea, è tempo di rivedere in Italia e ai confini la politica dell’accoglienza.

E sottrarla ai demagoghi dell’accoglienza, sia istituzionali che in tonaca, per rispettare il senso della misura e del confine, che è la premessa di ogni civiltà e del bene comune.

MV, Il Tempo 15 giugno 2017

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbero interessare

Ius soli? Non regge da solo Ma cos'è questa frenesia di approvare lo ius soli in un momento in cui gli italiani si sentono assediati, circondati, invasi da imponenti flussi migratori? Perché un Paese col più ...
Zingari o Rom, realtà o menzogna La leggenda dei rom e la realtà degli zingari. Se volete capire che cos'è il politicamente corretto inalberato dalla sinistra e adottato da quasi tutti i media, e quali  danni ...
Procediamo per fallimenti alternati Mettiamo da parte i vessilli e le tifoserie e proviamo a ricavare una lezione dai ballottaggi di domenica scorsa. Per cominciare c'è una regola che ormai vige da tempo nel voto: pe...

Tags: ,



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Maturità, quel giugno sotto esame...

    "Ho un ricordo radioso di quel giugno sotto esame, anche se erano i tempi del colera. Studiavo al mare, con mezzo busto immerso negli studi e mezzo nell’acqua.

    Nel pomeriggio mi rifugiavo con un amico in una lavanderia, sulla terrazza che doveva essere più fresca e isolata ma che era diventata la succursale di un suk tanto era calda e trafficata. Oppure fuggivo in campagna sotto un albero di fico.

    E là ricordo che per ogni pagina di Fichte e Hegel, con sottofondo di cicale e di zanzare, mi pappavo un fiorone, una prunella, o un racioppo di ciliegie appena colte dall’albero.

    Alcune pagine dei miei libri d’esami recano tracce sanguigne; ma niente spavento, non avevo gettato il sangue sui libri, erano solo gelsi schizzati tra le mani. Quel mese fu una splendida agonia tra il mare e la campagna, in una infinita controra durata il giugno intero. (...)

    Ricordo come in un film gli sguardi angosciati dei miei compagni di classe il giorno degli scritti, quelle facce disoneste che tramavano alle spalle dei docenti o che imploravano, con aria tra il pietoso e il criminale, copie sottobanco; e ricordo come in un sogno i capannelli ansiosi intorno a chi era reduce dall’orale, «Che ti ha chiesto, che ti ha chiesto…».

    C’erano quattro categorie tra i miei compagni: i finto-preparati, che simulavano di sapere un sacco e non sapevano un tubo, soprattutto tra le ragazze che impestavano con le chiacchiere per intortare i docenti; i finto-impreparati, che si schernivano dicendo di aver studiato gli ultimi due giorni ma non era vero, smazzavano da una vita; gli straculi, che studiavano solo una cosetta e venivano interrogati giusto su quella; e, viceversa, gli sfigati, che lamentavano esattamente l’inverso: «Avevo studiato tutto, eccetto quella cosetta lì, e quel bastardo mi ha chiesto proprio quella».

    C’erano poi i compiacenti, i seducenti, gli ammiccanti, ma anche gli indisponenti, i cazzeggianti, i terrorizzati e i finto-malati che cercavano di suscitare pena con febbri, malori e pallori procurati.

    Vedevi fior di banditi con la faccia pia della prima comunione; Saverio, che arroventava la maniglia con l’accendino per far ustionare la professoressa di chimica, ora sembrava un santo; Pippo, che inviava bustine di peli del suo pube alle compagne di classe, ora guardava i professori con sguardo puro da colomba; Mauro, che si esprimeva solo in dialetto e con bestemmie atroci, ora si dava le arie delicate del poeta crepuscolare…

    Gli esami furono un mirabile esempio di evoluzionismo darwiniano, o di metamorfosi kafkiana. Alcuni di loro non li ho più visti da quei giorni; a volte penso che stiano seduti ancora là in attesa di chiamata. È l’incertezza dei sogni.

    Non andai mai a vedere i quadri, partii e credetti al sentito dire dei miei amici. Sicché ancora non so se veramente fui maturato oppure no…

    MV, Ritorno a sud
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube