Ma ora facciamoli provare

Di un governo dei grillini penso tutto il male possibile. Non hanno alcuna idea di cosa sia governare, alcuna esperienza, alcuna storia, alcuna cultura, alcuna preparazione, non vengono da alcuna selezione, hanno vaghe idee che non so se definirle più irrealizzabili o più dannose, hanno avuto finora un potenziale distruttivo, sfascista, senza nessuna capacità costruttiva e costituente. E le prove dei loro sindaci, a cominciare da Roma, lo confermano. Credono ora che basti il Programma, gli uomini e la realtà non contano, basta scaricare l’App, accettare il Contratto e la Macchina funziona.

Di un governo coi grillini sono diffidente ma non ci sono precedenti. Sarà pure vero che la Lega è il partito avvertito come meno lontano, e ha ragione Luigi Bisignani a dire che lui quell’alleanza l’ha paventata da tempo. Io non ci credevo. Reputo i due populismi diversi, se non opposti su alcuni temi, uniti solo nella pars destruens, contro i poteri vigenti. I rischi sono alti sia che alcune velleità prendano corpo in modo devastante, sia che i due populismi divergenti siano a somma zero e non producano niente. E continuo a non capire perché alla fine Salvini abbia accettato, seppur con una separazione consensuale e forse temporanea, di andare da solo con loro. Forse hanno pattuito un governo fifty-fifty, cioè a parità di condizioni, programmi e ministeri, e non da socio di minoranza. Forse pensa di poter egemonizzare una compagnia di dilettanti sciamannati e senza idee chiare.

Temo invece che questa alleanza possa bruciarlo. Avevo tentato in extremis di suggerire un’intesa pre-politica per un governo a tempo tra centro-destra intero e grillini, con personalità indicate da ambo i vincitori delle urne, in modo da gestire il passaggio, rispettare le scadenze (def, iva, ecc.) e delineare una nuova legge elettorale. Ma senza compromettersi con un’alleanza politica.

E invece l’intesa avanza, tra la reazione isterica del Pd che grida contro quell’alleanza che fino a ieri rimproverava di non fare e la saggia, astuta decisione di Berlusconi di benedire il governo nascente senza votarlo. Cioè di condizionarlo in partenza, in modo da attutire asprezze e minacce, di frenare alcune scelte e alcuni nomi di ministri, salvo sfilarsi appena le cose non si metteranno bene. E intanto scongiurare le urne. A questo punto, lo stesso realismo che portava ad avversare l’ipotesi di un governo coi grillini, porta oggi a sforzarci di vedere la realtà verso cui stiamo andando. La prima reazione è stata di affidarsi alla Provvidenza; un’invocazione del tipo, che la Madonna li accompagni, che Dio salvi la Regina, intesa come Italia.

Ma si è insinuato sotto le vesti adulte del realismo, un folletto, quel fanciullino che cova dentro. È venuto fuori nel vedere il miracolo dello stato nascente, cioè nell’assistere a qualcosa che non c’era, l’assenza assoluta di precedenti, il fervore degli inizi, a volte il candore di chi si adopera perché nasca qualcosa. Ma questo folletto ha fatto capolino appena ha sentito la scomunica pregiudiziale di Mattarella verso il “sovranismo”. Se davvero l’alleanza tra grillini e 5stelle ha quel tratto fondante, un presidente arbitro e garante, al di sopra delle parti, deve rispettarlo e tacere.

Perché il primato della sovranità popolare e degli interessi nazionali non ha nulla di eversivo, è scritto pure nella Costituzione. E assumere questa posizione significa ridursi a fare il Presidente del Pd e non della repubblica, l’ideologo e l’imam dei perdenti e non l’arbitro e il garante di tutti. Una scorrettezza grave. Ma non basta. A sentire la Voce del Palazzaccio, cioè quella specie di Opinione di Regime che si ricava dalla somma di boatos, opinioni espresse dai sacerdoti dell’establishment, giornaloni, ecc., alla fine il vero pericolo per loro non sono i grillini ma la Lega. Perché ciò che loro temono è il sovranismo, la stretta sull’immigrazione e la bioetica, la politica estera filo-putin e non più servo-atlantista, il movimento identitario. Vale a dire l’essenza della Lega. Del reddito di cittadinanza o di altre amene utopie se ne parla poco, e solo in chiave di difficile realizzazione. Quegli altri temi, invece, si condannano a priori, senza scampo.

Ecco, lì il fanciullino mi lascia la mano e ti vien quasi voglia di lasciarlo correre. Mi ricompongo e dico: non cediamo all’impulso di sostenere un esperimento che quasi certamente non andrà a buon fine, perché parte dai presupposti che dicevamo agli inizi. Però quando senti il Palazzaccio reagire non alle sciocchezze ma alle cose serie, quando invoca il ritorno al plumbeo canone contro il quale gli italiani si sono ribellati, e quando li vedi che si attrezzano per annacquare, condizionare o infine demonizzare, ti viene spontaneo concludere: noi non volevamo, ma a questo punto fateli provare.

Come alla corrida, gli applausi e le pernacchie facciamoli partire dopo l’avvio. Siamo il primo paese europeo che sperimenta due populismi al governo. Ma fummo i primi che con Berlusconi sperimentammo l’alleanza al governo tra populisti e popolari, tra “moderati” e “radicali”, tra destra e centro, tra secessionisti e nazionalisti. Non fu un gran che, ma non fu nemmeno un disastro.

Io non volevo, ma ora fateli provare. Che la Madonna ci accompagni.

MV, Il Tempo 12 maggio 2018

Ti potrebbero interessare

Neutrale è una presa in giro Ma dove sono, chi sono, da che pianeta provengono i membri di un Governo Neutrale? Conoscete voi allo stato attuale Garanti super partes riconosciuti dalle parti? Ma soprattutto da...
Non alleatevi con i grillini La tentazione è forte e le ragioni per rompere con Berlusconi ci sarebbero a valanga. Ma, Salvini, non compiere la sciocchezza di un'alleanza coi grillini. Non ti porterebbe da...
Non salvi, ma almeno Salvini… L'Italia riparte da destra. Riparte da Salvini, che è diventato leader del centro-destra dopo aver svoltato a destra. Riparte da Trieste, dal Friuli e dal Molise. Come avevamo prev...
Condividi questo articolo
  • 2K
  •  
  •  

Tags: , ,


2 commenti a Ma ora facciamoli provare

  1. Enrico Taccani ha scritto:

    Spero solo che Salvini si sia seduto al tavolo dicendo: “Hai voluto parlare con una sola persona perché Berlusconi e Meloni ti fanno schifo. Bene, ma sappi che io non sono qui come Lega con il suo 17%, ma come rappresentante di un’alleanza e un programma che ha raccolto il 37% dei voti.” Senza questa premessa qualsiasi accordo sarebbe un disastro.

  2. Ivano Gedda ha scritto:

    Follie di Maggio quelle del sig. Salvini, che, se il governo con i grillini andasse in porto, ammesso anche che riuscisse a durare più di 6 mesi, otterrebbe comunque il risultato di ridare slancio a Forza Italia e al PD e vedrebbe dilapidare in breve tempo il capitale accumulato dalla Lega. Troppe sono le differenze tra quest’ultima e i grillini, che, se ancora ci fossero dubbi, hanno dimostrato nelle esperienze di governo torinese e romano da che parte pendano. Salvini dovrà andare al governo solo in posizioni di forza, cosa che ad oggi ancora difetta, altrimenti verrà stritolato dalla burocrazia nazionale ed europea, dall’assalto dell’oligarchia finanziaria e dalla lobby atlantica. Saggiamente la Meloni non si lascia coinvolgere in questo abbraccio mortale.


Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Miguel Bosè e il suo compagno, dopo aver ‘comprato’ ciascuno una coppia di gemelli da un utero in affitto, si separano. Questa per voi è civiltà, modernità, libertà o egoismo, capriccio, abuso di maternità e violenza a minori?
    MV
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Diego Fusaro avrà tutti gli eccessi verbosi e narcisisti che dite, e saranno pure improponibili i suoi accostamenti tra Marx e la tradizione, a patto di aggiungere che ha belle letture, espone in modo brillante e non è conformista. Non entro nel merito e nella sua vita sessuale ma chiedo solo una cosa: sarebbe stato ridotto a macchietta, a parodia di filosofo se fosse stato pro-migranti, pro-lgbt, gay, antifascista e antipopulista? Ci sono tanti palloni gonfiati in quel mondo, tra scrittori, femministe, preti ong, ma nessuno li prende in giro né li bullizza, come fanno invece con lui.
    MV
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube