Il patto dei quarantenni

Ci siamo incartati. Dico noi Italia. Abbiamo demolito i capataz, abbiamo sfasciato il sistema bipolare, abbiamo generato un mostro a tre teste: la testa di Renzi, Grillo e di Berlusconi, più uno sciame di altre teste.

Andiamo verso il voto sapendo che nessuno dei tre disporrà di una maggioranza per governare.

E l’alternativa è secca: o si fa un governicchio provvisorio e si riva a votare dopo un anno, che è poi l’ipotesi più probabile, o si fa un patto tra due di questi capi e si governa in modo consociativo, come insegna il caso francese o il caso spagnolo e perfino tedesco.

L’establishment fa ormai il tifo sfacciato per un centro-sinistra sorretto da Berlusconi, ormai riabilitato, il Berlusconi-Heidi a cui le caprette fanno ciao, moderato e agnellista, consociativo e merkeliano, neoeuropeista e antipopulista.

L’ideale per loro sarebbe Renzi-Gentiloni al centro, con la benedizione di Mattarella e ai lati l’ala sinistra dei fuorusciti, guidata da Pisapia, e l’ala finto-destra berlusconiana, più centristi.

L’ipotesi alternativa che si fa a sinistra è invece ritentare l’alleanza con Grillo, alleanza solo a progetto, difficile e a rischio quotidiano ma tale da evitare l’inciucio con Berlusconi e ricacciarlo nelle braccia dei populisti.

Visto che qui si gioca sporco e assurdo, suggerirei allora una terza soluzione: un patto dei quarantenni che comprenda Renzi, Salvini e Meloni, più chi ci sta della giovane sinistra (Speranza è un ottantenne travestito da quarantenne visto il suo modo di pensare e i suoi compagni di strada, è la copertura anagrafica del vecchio Pci).

Un patto anch’esso a progetto e a termine. Voi dite, una follia. Lo penso anch’io, ma non meno folle delle altre due ipotesi. Se davvero si vuole tentare di riformare il paese, di ringiovanire la politica italiana, follia per follia, meglio un accordo “tematico” tra i diversi piuttosto che un inciucio contagioso tra assimilatori.

In un patto del genere la possibilità che la destra o la lega si appiattiscano su Renzi o viceversa non è scongiurata dalle buone intenzioni dei leader o dalle loro qualità morali: ma dalla precisa consapevolezza che se fanno un passo del genere il giorno dopo perdono i loro elettori, finiscono come leader.

E anche Renzi l’intortatore può temere di essere a sua volta intortato dal suo maestro Berlusconi, ma non certo da Salvini e Meloni da cui la distanza politica e ideologica, se possono valere ancora queste categorie, è siderale.

A un’ipotesi del genere manca qualche tassello, qualcuno che venga in soccorso da sinistra (tipo Emiliano) e dal centro (tipo Fitto). È un’ipotesi fantapolitica, che i diretti interessati respingerebbero subito con sdegno, almeno apparente, ma a cui ogni tanto, sotto sotto, ci pensano.

E la denuncia di Berlusconi che Renzi sta scavalcandolo e tratta direttamente con Salvini ne è la conferma; del resto pure lui a volte scavalca Renzi e tratta col suo Gentiloni o con altri, cerca sponde anche a sinistra.

Fatta questa ipotesi immaginifica torniamo alla realtà per dire: se si va a votare in queste condizioni non ci sono alternative ragionevoli in campo, solo colpi di testa.

Un Paese estenuato, sfasciato e più che disperato, unito solo dalla sfiducia universale, sta a guardare. O forse neanche guarda.

MV, Il Tempo 19 maggio 2017

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbero interessare

Sindrome Asia Vedevo ieri sui giornaloni pagine sdegnate su Raggi e la Patata e un trafiletto invisibile sul disgustoso tweet di Asia Argento contro la “fascio-lardosa” Giorgia Meloni, colpevole...
Lettera ai capataz. Cara Meloni… Cara Meloni, dopo l'indecoroso tramonto di Fini lei è l'unica faccia, voce e leader di destra emersa nel circo politico-mediatico del nostro Paese. Si è imposta all'attenzione d...
Procediamo per fallimenti alternati Mettiamo da parte i vessilli e le tifoserie e proviamo a ricavare una lezione dai ballottaggi di domenica scorsa. Per cominciare c'è una regola che ormai vige da tempo nel voto: pe...

Tags: , ,



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Maturità, quel giugno sotto esame...

    "Ho un ricordo radioso di quel giugno sotto esame, anche se erano i tempi del colera. Studiavo al mare, con mezzo busto immerso negli studi e mezzo nell’acqua.

    Nel pomeriggio mi rifugiavo con un amico in una lavanderia, sulla terrazza che doveva essere più fresca e isolata ma che era diventata la succursale di un suk tanto era calda e trafficata. Oppure fuggivo in campagna sotto un albero di fico.

    E là ricordo che per ogni pagina di Fichte e Hegel, con sottofondo di cicale e di zanzare, mi pappavo un fiorone, una prunella, o un racioppo di ciliegie appena colte dall’albero.

    Alcune pagine dei miei libri d’esami recano tracce sanguigne; ma niente spavento, non avevo gettato il sangue sui libri, erano solo gelsi schizzati tra le mani. Quel mese fu una splendida agonia tra il mare e la campagna, in una infinita controra durata il giugno intero. (...)

    Ricordo come in un film gli sguardi angosciati dei miei compagni di classe il giorno degli scritti, quelle facce disoneste che tramavano alle spalle dei docenti o che imploravano, con aria tra il pietoso e il criminale, copie sottobanco; e ricordo come in un sogno i capannelli ansiosi intorno a chi era reduce dall’orale, «Che ti ha chiesto, che ti ha chiesto…».

    C’erano quattro categorie tra i miei compagni: i finto-preparati, che simulavano di sapere un sacco e non sapevano un tubo, soprattutto tra le ragazze che impestavano con le chiacchiere per intortare i docenti; i finto-impreparati, che si schernivano dicendo di aver studiato gli ultimi due giorni ma non era vero, smazzavano da una vita; gli straculi, che studiavano solo una cosetta e venivano interrogati giusto su quella; e, viceversa, gli sfigati, che lamentavano esattamente l’inverso: «Avevo studiato tutto, eccetto quella cosetta lì, e quel bastardo mi ha chiesto proprio quella».

    C’erano poi i compiacenti, i seducenti, gli ammiccanti, ma anche gli indisponenti, i cazzeggianti, i terrorizzati e i finto-malati che cercavano di suscitare pena con febbri, malori e pallori procurati.

    Vedevi fior di banditi con la faccia pia della prima comunione; Saverio, che arroventava la maniglia con l’accendino per far ustionare la professoressa di chimica, ora sembrava un santo; Pippo, che inviava bustine di peli del suo pube alle compagne di classe, ora guardava i professori con sguardo puro da colomba; Mauro, che si esprimeva solo in dialetto e con bestemmie atroci, ora si dava le arie delicate del poeta crepuscolare…

    Gli esami furono un mirabile esempio di evoluzionismo darwiniano, o di metamorfosi kafkiana. Alcuni di loro non li ho più visti da quei giorni; a volte penso che stiano seduti ancora là in attesa di chiamata. È l’incertezza dei sogni.

    Non andai mai a vedere i quadri, partii e credetti al sentito dire dei miei amici. Sicché ancora non so se veramente fui maturato oppure no…

    MV, Ritorno a sud
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube