Il patto dei quarantenni

Ci siamo incartati. Dico noi Italia. Abbiamo demolito i capataz, abbiamo sfasciato il sistema bipolare, abbiamo generato un mostro a tre teste: la testa di Renzi, Grillo e di Berlusconi, più uno sciame di altre teste.

Andiamo verso il voto sapendo che nessuno dei tre disporrà di una maggioranza per governare.

E l’alternativa è secca: o si fa un governicchio provvisorio e si riva a votare dopo un anno, che è poi l’ipotesi più probabile, o si fa un patto tra due di questi capi e si governa in modo consociativo, come insegna il caso francese o il caso spagnolo e perfino tedesco.

L’establishment fa ormai il tifo sfacciato per un centro-sinistra sorretto da Berlusconi, ormai riabilitato, il Berlusconi-Heidi a cui le caprette fanno ciao, moderato e agnellista, consociativo e merkeliano, neoeuropeista e antipopulista.

L’ideale per loro sarebbe Renzi-Gentiloni al centro, con la benedizione di Mattarella e ai lati l’ala sinistra dei fuorusciti, guidata da Pisapia, e l’ala finto-destra berlusconiana, più centristi.

L’ipotesi alternativa che si fa a sinistra è invece ritentare l’alleanza con Grillo, alleanza solo a progetto, difficile e a rischio quotidiano ma tale da evitare l’inciucio con Berlusconi e ricacciarlo nelle braccia dei populisti.

Visto che qui si gioca sporco e assurdo, suggerirei allora una terza soluzione: un patto dei quarantenni che comprenda Renzi, Salvini e Meloni, più chi ci sta della giovane sinistra (Speranza è un ottantenne travestito da quarantenne visto il suo modo di pensare e i suoi compagni di strada, è la copertura anagrafica del vecchio Pci).

Un patto anch’esso a progetto e a termine. Voi dite, una follia. Lo penso anch’io, ma non meno folle delle altre due ipotesi. Se davvero si vuole tentare di riformare il paese, di ringiovanire la politica italiana, follia per follia, meglio un accordo “tematico” tra i diversi piuttosto che un inciucio contagioso tra assimilatori.

In un patto del genere la possibilità che la destra o la lega si appiattiscano su Renzi o viceversa non è scongiurata dalle buone intenzioni dei leader o dalle loro qualità morali: ma dalla precisa consapevolezza che se fanno un passo del genere il giorno dopo perdono i loro elettori, finiscono come leader.

E anche Renzi l’intortatore può temere di essere a sua volta intortato dal suo maestro Berlusconi, ma non certo da Salvini e Meloni da cui la distanza politica e ideologica, se possono valere ancora queste categorie, è siderale.

A un’ipotesi del genere manca qualche tassello, qualcuno che venga in soccorso da sinistra (tipo Emiliano) e dal centro (tipo Fitto). È un’ipotesi fantapolitica, che i diretti interessati respingerebbero subito con sdegno, almeno apparente, ma a cui ogni tanto, sotto sotto, ci pensano.

E la denuncia di Berlusconi che Renzi sta scavalcandolo e tratta direttamente con Salvini ne è la conferma; del resto pure lui a volte scavalca Renzi e tratta col suo Gentiloni o con altri, cerca sponde anche a sinistra.

Fatta questa ipotesi immaginifica torniamo alla realtà per dire: se si va a votare in queste condizioni non ci sono alternative ragionevoli in campo, solo colpi di testa.

Un Paese estenuato, sfasciato e più che disperato, unito solo dalla sfiducia universale, sta a guardare. O forse neanche guarda.

MV, Il Tempo 19 maggio 2017

Ti potrebbero interessare

Sindrome Asia Vedevo ieri sui giornaloni pagine sdegnate su Raggi e la Patata e un trafiletto invisibile sul disgustoso tweet di Asia Argento contro la “fascio-lardosa” Giorgia Meloni, colpevole...
Lettera ai capataz. Cara Meloni… Cara Meloni, dopo l'indecoroso tramonto di Fini lei è l'unica faccia, voce e leader di destra emersa nel circo politico-mediatico del nostro Paese. Si è imposta all'attenzione d...
L’onda idiota del femminismo Ma che sta succedendo in tema di libertà e di censura, di uomini e donne, di uguaglianza e differenze? Da una settimana in America come in Italia, tiene banco la vicenda assurda di...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  

Tags: , ,



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    "La classe dirigente è lo specchio del Paese, ma..." ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    [I tweet di MV]

    Dopo il corno di 60 mt. di De Magistris a Napoli, la Raggi a Roma farà una statua di 70 mt. a Grillo che sfancula urbi et orbi. Vaffa dei.

    Dopo il corno alto 60 mt di De Magistris a Napoli, Sala farà a Milano il monumento alla Cotoletta, largo 80 mt.
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    I bambini, i sogni, i fari

    Ascoltavo di nascosto un padre che indicava il faro a suo figlio e gli diceva: “quello si chiama faro, lampeggia sul mare, così le barche di sera e le navi di notte vedono da lontano dov’è il porto”.

    Mi sono messo nei panni del bambino e ho immaginato con i suoi occhi sognanti la frase di suo padre. Quanta magia era racchiusa in quelle parole semplici per il suo sapere sorgivo.

    C’è il mistero della notte e della lontananza, il fascino pericoloso del mare, il rifugio nella stiva, l’insidia urlante dei venti, l’incanto sovrumano delle stelle, la nostalgia di casa, l’occhio magico del faro, la luce materna della terra che richiama casa.

    Ho visto con la sua meraviglia i marinai in alto mare alle prese con le cime e i flutti, in piena notte, che vedono da lontano quella luce e si rincuorano.

    Senti il sapore della vita, i suoi schizzi e le sue onde, spiegato ai nuovi arrivati; è l’avventura umana nel cosmo che cerca riparo e ristoro nella notte; è lo stupore di venire alla luce, come si dice pure della nascita.

    C’è la gerarchia della vita nella distinzione di suo padre tra le barche della sera e le navi della notte: le prime, minorenni, rincasano al primo buio; le altre, maggiorenni, si permettono di star fuori la notte. Una visione del mondo mitica e astrale si posava sui suoi occhi stregati mediante quella luce che fendeva il buio per un istante.

    Come due fari nella notte, gli occhi del bambino si spalancavano alla vita e in un baleno capivano la sorte. (Per uscire dalla crisi ci mancano i bambini, i sogni, i fari).

    MV
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube