Il patto dei quarantenni

Ci siamo incartati. Dico noi Italia. Abbiamo demolito i capataz, abbiamo sfasciato il sistema bipolare, abbiamo generato un mostro a tre teste: la testa di Renzi, Grillo e di Berlusconi, più uno sciame di altre teste.

Andiamo verso il voto sapendo che nessuno dei tre disporrà di una maggioranza per governare.

E l’alternativa è secca: o si fa un governicchio provvisorio e si riva a votare dopo un anno, che è poi l’ipotesi più probabile, o si fa un patto tra due di questi capi e si governa in modo consociativo, come insegna il caso francese o il caso spagnolo e perfino tedesco.

L’establishment fa ormai il tifo sfacciato per un centro-sinistra sorretto da Berlusconi, ormai riabilitato, il Berlusconi-Heidi a cui le caprette fanno ciao, moderato e agnellista, consociativo e merkeliano, neoeuropeista e antipopulista.

L’ideale per loro sarebbe Renzi-Gentiloni al centro, con la benedizione di Mattarella e ai lati l’ala sinistra dei fuorusciti, guidata da Pisapia, e l’ala finto-destra berlusconiana, più centristi.

L’ipotesi alternativa che si fa a sinistra è invece ritentare l’alleanza con Grillo, alleanza solo a progetto, difficile e a rischio quotidiano ma tale da evitare l’inciucio con Berlusconi e ricacciarlo nelle braccia dei populisti.

Visto che qui si gioca sporco e assurdo, suggerirei allora una terza soluzione: un patto dei quarantenni che comprenda Renzi, Salvini e Meloni, più chi ci sta della giovane sinistra (Speranza è un ottantenne travestito da quarantenne visto il suo modo di pensare e i suoi compagni di strada, è la copertura anagrafica del vecchio Pci).

Un patto anch’esso a progetto e a termine. Voi dite, una follia. Lo penso anch’io, ma non meno folle delle altre due ipotesi. Se davvero si vuole tentare di riformare il paese, di ringiovanire la politica italiana, follia per follia, meglio un accordo “tematico” tra i diversi piuttosto che un inciucio contagioso tra assimilatori.

In un patto del genere la possibilità che la destra o la lega si appiattiscano su Renzi o viceversa non è scongiurata dalle buone intenzioni dei leader o dalle loro qualità morali: ma dalla precisa consapevolezza che se fanno un passo del genere il giorno dopo perdono i loro elettori, finiscono come leader.

E anche Renzi l’intortatore può temere di essere a sua volta intortato dal suo maestro Berlusconi, ma non certo da Salvini e Meloni da cui la distanza politica e ideologica, se possono valere ancora queste categorie, è siderale.

A un’ipotesi del genere manca qualche tassello, qualcuno che venga in soccorso da sinistra (tipo Emiliano) e dal centro (tipo Fitto). È un’ipotesi fantapolitica, che i diretti interessati respingerebbero subito con sdegno, almeno apparente, ma a cui ogni tanto, sotto sotto, ci pensano.

E la denuncia di Berlusconi che Renzi sta scavalcandolo e tratta direttamente con Salvini ne è la conferma; del resto pure lui a volte scavalca Renzi e tratta col suo Gentiloni o con altri, cerca sponde anche a sinistra.

Fatta questa ipotesi immaginifica torniamo alla realtà per dire: se si va a votare in queste condizioni non ci sono alternative ragionevoli in campo, solo colpi di testa.

Un Paese estenuato, sfasciato e più che disperato, unito solo dalla sfiducia universale, sta a guardare. O forse neanche guarda.

MV, Il Tempo 19 maggio 2017

Ti potrebbero interessare

Tra i due litiganti la terza gode? La gara tra Berlusconi e Salvini per la guida del centro-destra ecciterà le rispettive tifoserie ma disorienta e allontana il vasto elettorato potenziale di centro-destra. A spi...
Ma ora facciamoli provare Di un governo dei grillini penso tutto il male possibile. Non hanno alcuna idea di cosa sia governare, alcuna esperienza, alcuna storia, alcuna cultura, alcuna preparazione, non ve...
Neutrale è una presa in giro Ma dove sono, chi sono, da che pianeta provengono i membri di un Governo Neutrale? Conoscete voi allo stato attuale Garanti super partes riconosciuti dalle parti? Ma soprattutto da...
Condividi questo articolo
  • 179
  •  
  •  

Tags: , ,



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    L’anticipazione di “68 TESI CONTRO IL ‘68”

    I. NON-EVENTO
    Nel '68 cambiò tutto ma non successe nulla. Non c'è un evento cruciale, storico, simbolico che abbia caratterizzato il 1968. Nessuna presa della Bastiglia, nessun assalto al Palazzo d'Inverno, nessuna decapitazione di sovrani e nessun avvento al potere. Non accadde nessuna rivoluzione e nemmeno un'insurrezione con vincitori e vinti, vittime e prigionieri. Non ci fu una guerra e nemmeno vere battaglie. Un anno povero di grandi eventi legati alla Contestazione ma pieno di parole, traboccante di slogan, di gesti simbolici, di sfilate, di proteste, di scontri, ma senza bilanci storici. Verboso, parolaio; interminabili e scontrose assemblee. Pochi fatti, tanta Chiacchiera. Il '68 non è un avvenimento storico ma un clima, un humus, forse un virus, una nube tossica o un gas esilarante, insomma un'ineffabile atmosfera che permeò un'epoca tutt'ora vigente e ne dettò le tendenze. Fuochi fatui per un incendio globale.

    (MV, “68 TESI CONTRO IL 68” (PP.120, 7 EURO) IN VENDITA DA MARTEDI' PROSSIMO NELLE EDICOLE CON “IL GIORNALE”
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    [I tweet di MV]
    È penoso, ma ci tocca difendere il governo-feto dei grillo-leghisti dall’aborto forzoso imposto dalla dittatura eurotedesca e dai domestici nostrani. I tiranni di fuori e i servi di dentro.
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Da martedì in edicola in allegato a “Il Giornale”
    “‘68 tesi contro il ‘68”, un pamphlet su un anno che dura da un’eternità (120 pp, 7 euro)
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube