Il presepe, stupore e stupidità

Il giorno dell’Immacolata, a casa mia, facevamo il presepe e io continuo a casa mia la tradizione. Qualche giorno dopo lo facevamo a scuola ed era un bel momento di tenerezza comunitaria, di ricreazione con la maestra e di confronto puerile tra diverse piccole tradizioni famigliari.

Vorrei dire ai cretini che aboliscono il presepe per non offendere i non-cristiani, cosa si perdono e cosa fanno perdere ai bambini.

Il presepe era la nascita di un Bambino, di una famiglia, di una comunità. Era il calore in pieno inverno, era il cielo stellato nel gelo di dicembre, era la luce al buio della notte. Il presepe consacrava la famiglia, quella composta da padre, madre e figlio, e celebrava la casa, anche se ricordava una nuda grotta, domicilio provvisorio.

Il presepe era un esempio magico di edilizia sacra, tramite un lavoro collettivo; bambini di ceto diverso e capacità diversa insieme costruivano una miniatura di universo e umanità, una città di anime e corpi, umili e gloriosi.

E in quella famiglia vedevano la loro, anche se si trattava di una famiglia speciale, povera ma molto altolocata, che partoriva a cielo aperto, senza un’ostetrica; in quel paese che si chiamava città del pane (tale è il significato di Betlemme) riconoscevano il loro; in quelle facce di pastori, venditori, pellegrini ritrovavano quelle dei loro conoscenti.

Il presepe era il modo concreto e favoloso per rappresentare l’alleanza tra il cielo e la terra, tra uomini e animali, tra popoli e sovrani, tra oriente ed occidente. Nel presepe vedevamo per la prima volta insieme bianchi e neri, arabi ed ebrei, persino i re magi rispettavano l’integrazione perché uno dei tre era moro.

Nel presepe imparavamo a riconoscere ed amare la natura, la bellezza dei monti riprodotti in carta da imballaggio travestita e maculata, dei fiumi e dei laghetti, anche se erano specchietti rubati alla vanità femminile, il muschio vero e la neve finta, poi gli alberi e le palme, il cielo stellato e il prodigio di una stella cometa posata sopra una grotta, spesso in modo precario.

Nel presepe acquistavano dignità gli animali più umili, a cominciare dall’asino e dal bue, primi caloriferi animati per un Divino Utente e per i suoi santi congiunti. Poi c’erano le papere, le pecore e le oche, ondeggiavano tra le dune serafici cammelli, si affacciava qualche maiale e gli agnelli avevano facce umane.

Il presepe apriva i cuori all’aspettativa, alla nascita. Era un esempio di fiducia miracolosa nell’avvenire, una comunità fondata non sull’interesse e sullo sfruttamento ma sul comune amore per il Bambino che nasce e una fede che unisce.

Ed era una celebrazione della natività che oggi più di allora dovrebbe essere propagata nella società tirchia di nascite che ci troviamo.

Chi offenderebbe una rappresentazione così dolce e innocua di vita, religione e comunità?

Del presepe si possono sentire leggermente offesi solo gli eredi di Erode, o quelli che a Gesù Bambino preferiscono Gesù abortino.

Da cosa dovrebbero sentirsi offesi gli islamici, se perfino la location del presepe è loro assai famigliare e non c’è nulla ma proprio nulla contro la loro religione, anche perché l’evento natalizio precede Maometto di alcuni secoli?

E i bambini atei o semplicemente non credenti, o meglio figli di atei e di non credenti, in cosa dovrebbero sentirsi offesi, da un bambino che nasce, da un tributo d’amore, dallo sfarfallio di angeli con la chitarra? Più che l’angelo sospeso in cielo magari a loro colpirà il filo a cui sono appesi, ma che danno avrebbero da un presepe?

Al più sarà per loro una bella favola, meglio di Babbo Natale e di Halloween, anzi una “narrazione”, un mito. Per chi crede, invece, il presepe è il sacro ad altezza d’uomo, è la santità a domicilio, la spiritualità che si fa carne, popolo e paesaggio, una divinità che prende in braccio il mondo e lo accarezza.

È anche aspra la religione, è anche tosta, esige sacrifici, è martirio e sopraffazione, a volte è l’alibi per esercitare violenza e dominio; ma nel presepe no, è un esempio mite di comunità armoniosa, di una beatitudine casereccia, perfino musicale.

Poi quando si spegnevano le luci intorno e restavano accese solo le luci del presepe e ciascuno aveva in mano una candelina e si allestiva una piccola, sgangherata processione, in aula o in casa, per far nascere il Bambino, quella comunità si faceva comunione e avvertivi in quella stanza la magia di una nuova presenza.

Tu scendi dalle stelle e porti il cielo in una stanza.

E lorsignori, idioti a norma di progresso e di direttive europee, vorrebbero cancellare pure questa innocua, casereccia tradizione. Rimuovono la mamma di Gesù Bambino per sostituirla con la mamma degli imbecilli che, come è noto, è sempre incinta.

MV, Il Tempo 12 dicembre 2017

Ti potrebbero interessare

La Pasqua vegana secondo Greta Come si traduce Greta in versione pasquale? Pranzo vegano, come ha detto lei stessa. Il gretismo dalle piazze si è spostato sulle tavole pasquali e alimenta la guerra civile dell'A...
Come Pasqua il tempo Al mio paese, a Pasqua, c’era un ingorgo onomastico: quando non erano ancora in uso i nomi artificiali, di moda tv o d’importazione, erano in tanti a chiamarsi Pasqua e Pasquale, c...
Salvini è all’apice ma davanti al burrone Avanti il prossimo. Giù nella scarpata ci sono le icone semoventi di Silvio Berlusconi, Beppe Grillo, Matteo Renzi, per dire solo dei più noti e dei più recenti. Ora il primo in al...
Condividi questo articolo
  • 2.8K
  •  
  •  
  •  


4 commenti a Il presepe, stupore e stupidità

  1. Enrico Taccani ha scritto:

    Da non credente cresciuto in una famiglia cattolica pensavo che la questione fosse la verità sull’esistenza o la non esistenza di Dio, poi mi sono reso conto che non è la verità storica delle sacre scritture che conta, ma la verità del mito che evocano e in cui tanta parte del mondo occidentale si riconosce (o si riconosceva). Da allora ho riscoperto il valore della tradizione religiosa che lei stupendamente dipinge e in cui mi sono riconosciuto profondamente. Grazie per le emozioni che ci regala.

  2. Adolfo Mellone ha scritto:

    Vero, ma Cristo è un personaggio storico. Non ha grande importanza che fosse figlio di Dio, piuttosto che di Giuseppe e di Maria. L’ importante è la sua predicazione, e fondamentalmente il fatto che per primo abbia detto “Date a Cesare quel che è di Cesare, a Dio quel che è di Dio”, esattamente il contrario di ciò che ci vorrebbero imporre con la sharia. Da ateo convinto continuerò ad avere un presepe in casa fino a quando ce la farò!

  3. Italo Amitrano ha scritto:

    Raramente ci si interroga sui veri motivi per cui i cosiddetti laicisti chiedono la rimozione di presepi, crocifissi, e immagini cristiane in genere. Senza soffermarmi sullo squallore di un alibi che in nome del “rispetto per chi ha un diverso credo religioso” attribuisce ad altri proprie idiosincrasie, provo a dire la mia opinione : le rappresentazioni sacre turbano profondamente chi è in “collusione con il nemico” (non c’è bisogno che specifico chi è il “nemico”) e pertanto , più che le mie argomentazioni, a costoro potrebbe giovare l’aiuto di un esorcista….

  4. Gianni Dall’Aglio ha scritto:

    Condivido l’opinione di Veneziani. Il presepe è poesia pura, nulla toglie ai problemi di ogni giorno che poesia non sono… non dimentico quando da piccolo individuavo nella simbologia del presepe tutto quello che immaginavo amorevole e fantasioso, ancora oggi credo nei suoi valori che rifuggono dubbi su cosa sia volersi bene. Ringrazio la vita per questa gioia che riscalda nell’anima l’aria fredda di dicembre.
    Gianni Dall’Aglio.


Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Per la Cassazione un migrante se si professa perseguitato in famiglia, magari perché gay va accolto in Italia. Ma è un incubo o una farsa? Chiunque potrà dirsi perseguitato domestico e noi dovremo accoglierlo. Passaporto diplomatico per i gay e reddito di omocittadinanza.
    MV
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    E il mitra di Macron non vi scandalizza?
    MV
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube