Rimpatriate chi non lavora

Che brutta piega sta prendendo la lotta elettorale. Non bastava la gara dei piazzisti a chi offre di più e non bastavano le risse a pesci in faccia come quella tra Renzi e Di Maio.

La bomba di Macerata è esplosa in piena campagna elettorale e non risparmia nessuno. L’ultimo a essere colpito è stato Berlusconi, tornato ad essere la bestia nera di una volta perché ha condiviso la posizione di Salvini in tema di migranti.

La Repubblica che fino a ieri gli strizzava l’occhio ora si preoccupa perché vede crescere l’ipotesi di un centro-destra al governo. E titola: “Berlusconi come Salvini”. Ma la chiave di lettura è sbagliata o in malafede: Berlusconi non si adegua a Salvini perché ne subisce l’egemonia, ma al contrario teme di perdere la leadership del centro-destra sul tema dei migranti e allora abbraccia quelle tesi per evitare il sorpasso della Lega.

Non è questione di convinzioni, ma solo di sondaggi.

Ma il problema che emerge in quella brutta storia non è il fascio-leghismo, il razzismo e nemmeno la questione dei neri e l’accoglienza ai migranti. Ma un’altra, drammatica questione, che è poi al centro della tragedia di Macerata della ragazza fatta a pezzi presumibilmente da un gruppo di nigeriani.

Mi riferisco allo spaccio della droga. Il vero tema non è “i razzisti” e nemmeno “i negri”, ma il fatto che migliaia di migranti senza lavoro sono manovalanza facile e disperata, senza scrupoli, per la criminalità e lo spaccio della droga.

Allora il discorso da fare è un altro: un migrante è accolto in Italia, ospitato, curato e rifocillato i primi tempi; ma se dopo alcuni mesi non trova lavoro, va rispedito a casa.

Perché diventa una bomba a orologeria, prima o poi esplode. A quel punto o viene mantenuto dallo Stato italiano e questo è assurdo, insostenibile e offende gli italiani che se la passano male. Oppure si guadagna la vita spacciando droga, rubando, dandosi alla criminalità, violentando per sfogare la sua sessualità.

Quel che dicono gli stessi nigeriani è vero: fateci lavorare e queste cose non succederanno. Lo penso anch’io, se lavorano in modo onesto e s’integrano nei tessuti urbani queste cose è più difficile che succedano.

L’assurdità è nella pretesa di arrivare clandestinamente in un paese pieno di guai e disoccupati, senza alcuna specializzazione e senza conoscenza della lingua, e pretendere il lavoro. Se fossimo un paese serio e ben governato, potremmo regolamentare gli ingressi e accogliere in ragione delle nostre effettive disponibilità lavorative.

Ma non si può accogliere senza nessuna garanzia di lavoro e integrazione.

Per questo dico: ti assistiamo i primi giorni, ti sfamiamo e ti vestiamo; poi hai sei mesi di tempo per trovare un lavoro, ma per muoverti devi accettare di essere rintracciabile (per esempio, un provvisorio braccialetto elettronico per evitare fughe; se non l’accetti, in quanto clandestino torni al tuo paese).

Poi, se cominci a lavorare via il controllo e resti, segui la trafila per integrarti, studi la lingua, accetti le norme e alla fine del percorso ottieni la cittadinanza e diventi a pieno titolo italiano. Viceversa se non hai nulla, neanche un lavoro precario con cui dimostri di mantenerti, devi essere rispedito a casa.

Mi sembra l’unica soluzione, tanto difficile ad attuarsi quanto più realista e più sensata delle altre.

Trovate una vaga traccia di razzismo in questo ragionamento? Quante violenze di migranti sbandati e quante reazioni folli di italiani esasperati o esagitati, ci risparmieremmo?

Se l’Italia è una repubblica fondata sul lavoro, come recita il primo articolo della Costituzione, lasciate che il lavoro sia la condizione necessaria per essere accolti e diventare cittadini italiani.

MV, Il Tempo 6 febbraio 2018

Ti potrebbero interessare

Breve storia di sette anni infami Nel pieno di una deprimente schermaglia elettorale, guardiamoci indietro per capire come siamo arrivati a questo punto. Ricostruiamo la storia degli ultimi sette anni. In princi...
L’Europa si è calata le braghe Non è stato un piccolo incidente da dimenticare la sentenza dei giorni scorsi della Corte europea per i diritti umani sul diritto di usare Gesù Cristo e la Madonna per vendere jean...
Torna il duce, scappa la Raggi, l’America attacca Lui è tornato. Ieri, mentre il Duce tornava in Italia nelle sale cinematografiche, temuto dall'establishment e invocato dalle popolazioni, il Washington Post pubblicava un allarmat...
Condividi questo articolo
  • 1K
  •  
  •  

Tags: ,


Un commento a Rimpatriate chi non lavora

  1. Massimo ha scritto:

    Che l’Italia sia una democrazia fondata sul lavoro ho qualche dubbio. Ho qualche dubbio anche che sia una democrazia


Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    L’anticipazione di “68 TESI CONTRO IL ‘68”

    I. NON-EVENTO
    Nel '68 cambiò tutto ma non successe nulla. Non c'è un evento cruciale, storico, simbolico che abbia caratterizzato il 1968. Nessuna presa della Bastiglia, nessun assalto al Palazzo d'Inverno, nessuna decapitazione di sovrani e nessun avvento al potere. Non accadde nessuna rivoluzione e nemmeno un'insurrezione con vincitori e vinti, vittime e prigionieri. Non ci fu una guerra e nemmeno vere battaglie. Un anno povero di grandi eventi legati alla Contestazione ma pieno di parole, traboccante di slogan, di gesti simbolici, di sfilate, di proteste, di scontri, ma senza bilanci storici. Verboso, parolaio; interminabili e scontrose assemblee. Pochi fatti, tanta Chiacchiera. Il '68 non è un avvenimento storico ma un clima, un humus, forse un virus, una nube tossica o un gas esilarante, insomma un'ineffabile atmosfera che permeò un'epoca tutt'ora vigente e ne dettò le tendenze. Fuochi fatui per un incendio globale.

    (MV, “68 TESI CONTRO IL 68” (PP.120, 7 EURO) IN VENDITA DA MARTEDI' PROSSIMO NELLE EDICOLE CON “IL GIORNALE”
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    [I tweet di MV]
    È penoso, ma ci tocca difendere il governo-feto dei grillo-leghisti dall’aborto forzoso imposto dalla dittatura eurotedesca e dai domestici nostrani. I tiranni di fuori e i servi di dentro.
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Da martedì in edicola in allegato a “Il Giornale”
    “‘68 tesi contro il ‘68”, un pamphlet su un anno che dura da un’eternità (120 pp, 7 euro)
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube