San Grillo, accolto nella Chiesa di Bergoglio

Dopo l’Opus dei e la Mater dei, verrà anche il Vaffa dei? È il dubbio che sale dopo l’apertura della Chiesa e del quotidiano episcopale al Movimento 5 Stelle.

Se fossi Grillo o un grillino mi preoccuperei. Quando le Vecchie zie cominciano a prendersi cura dei nipoti ribelli è brutto segno, vuol dire che vogliono intortarli o metterli sotto tutela, o comunque pensano di usarli, anche come segnali verso terzi. Attenti, voi di centro-sinistra e di centro-destra a trascurarci o a maltrattarci, altrimenti noi apriamo al terzo forno, quello grillino…

Ma nei panni dei cattolici praticanti io mi preoccuperei ancora di più. Perché mentre i grillini si pronunciavano a favore dell’eutanasia seppur nella forma rateale del biotestamento, la Chiesa, in particolare il prudente direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, si spingeva a dire che tra cattolici e grillini ci sono i tre quarti di concordanze.

Nemmeno con De Gasperi, ha osservato giustamente Alberto Melloni, c’erano così tanti punti d’intesa.

Ma se andiamo nello specifico, ci accorgiamo che in realtà le concordanze significative si limitano a un paio, l’accoglienza dei migranti e il velleitario reddito di cittadinanza. In aggiunta, magari, un po’ di sano anticonsumismo.

Diventa totalmente irrilevante la posizione prevalente dei grillini in temi bioetici, su famiglia, diritto alla vita, liberalizzazione delle droghe, dei sessi e delle unioni. E non è minimamente preso in considerazione il tono furente e aggressivo di molte loro polemiche, il facile uso della gogna mediatica, la totale indifferenza ai temi, alle posizioni e ai simboli della civiltà cristiana.

L’apertura ai grillini risponde in realtà all’estrema astuzia della chiesa che cerca di abbracciare e avvolgere chi non riesce a controllare; è la mossa del pugile in difficoltà. È l’astuzia di addomesticare il nemico, sin dal tempo delle invasioni barbare.

Ed è anche il realismo antico della Chiesa di includere movimenti di massa sotto la sua ala benevola o perlomeno di non escludere, anche in considerazione di un’eventuale vittoria elettorale dei grillini. D’altra parte la scristianizzazione della nostra società era già avviata quando c’era al potere un partito d’ispirazione cristiana come la Dc. Quindi tanto vale giocare a tutto campo…

Resta però una contraddizione grave. Perché la Chiesa bergogliana, o almeno alcuni suoi settori, si apre al populismo grillino e invece respinge altri populismi che pure si professano più vicini alla fede e alla civiltà cristiana?

Perché, per esempio, Marine Le Pen, che si professa cattolica praticante e difende la civiltà cristiana, i simboli della cristianità, il diritto alla vita, la famiglia, è esclusa da ogni dialogo e da ogni apertura e invece si aprono le porte a Grillo il laico, il libertario radicale, il giacobino?

Certo, quella dei movimenti nazional-populistici, in Francia come in Italia, è un’altra visione cristiana rispetto a quella di Bergoglio e dei suoi fan, è la visione cattolica tradizionale, nel segno di Giovanna d’Arco più che di don Milani.

Ma se conta poco o nulla la difesa dei principi cristiani, della civiltà cattolica e della famiglia, quel che conta per la Chiesa bergogliana e i suoi altoparlanti è il politically correct, è l’accoglienza agli immigrati, è l’aderire allo Spirito del tempo…

Già Augusto Del Noce, tanti anni fa, notava che i cattolici progressisti si sentono più vicini ai progressisti non cattolici che ai cattolici non progressisti; ovvero essere progressisti contava di più che essere e professarsi cristiani e cattolici.

Così la Chiesa di Bergoglio dialoga coi Pannella, le Bonino, gli Scalfari e i Grillo, ma non con Le Pen, Meloni o Salvini… È una scelta di campo. Non cristiana, ma ideologica e furbetta.

MV, Il Tempo 21 aprile 2017

Ti potrebbero interessare

Se vanno i grillini al governo Se andranno i grillini al governo, le banche popolari si chiameranno banche populiste, non faranno più credito e saranno gestite dalla Rete. Accetteranno i depositi o erogheranno i...
Il voto psicolabile Non si fa in tempo a dire che l'onda populista di Grillo sommergerà l'Italia che un test importante delle amministrative ti smentisce in modo secco: il Movimento 5 stelle arretra e...
Il conte Zorro E mò? Tre lettere e un punto interrogativo riassumono lo sguardo spaesato degli italiani davanti al Mite Ignoto che si è assunto la veste di Avvocato del Popolo. Si procede per imp...
Condividi questo articolo
  • 457
  •  
  •  

Tags: ,


Un commento a San Grillo, accolto nella Chiesa di Bergoglio

  1. ex biondo ha scritto:

    con Papa Bergoglio ,il più politico dei pontefici degli ultimi anni si conferma che la chiesa ,salvo rare eccezioni,èstoricamente un organismo secolare che in quanto tale si adatta alle circostanze e alla ricerca del consenso come ogni altro organismo politico.


Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    L’anticipazione di “68 TESI CONTRO IL ‘68”

    I. NON-EVENTO
    Nel '68 cambiò tutto ma non successe nulla. Non c'è un evento cruciale, storico, simbolico che abbia caratterizzato il 1968. Nessuna presa della Bastiglia, nessun assalto al Palazzo d'Inverno, nessuna decapitazione di sovrani e nessun avvento al potere. Non accadde nessuna rivoluzione e nemmeno un'insurrezione con vincitori e vinti, vittime e prigionieri. Non ci fu una guerra e nemmeno vere battaglie. Un anno povero di grandi eventi legati alla Contestazione ma pieno di parole, traboccante di slogan, di gesti simbolici, di sfilate, di proteste, di scontri, ma senza bilanci storici. Verboso, parolaio; interminabili e scontrose assemblee. Pochi fatti, tanta Chiacchiera. Il '68 non è un avvenimento storico ma un clima, un humus, forse un virus, una nube tossica o un gas esilarante, insomma un'ineffabile atmosfera che permeò un'epoca tutt'ora vigente e ne dettò le tendenze. Fuochi fatui per un incendio globale.

    (MV, “68 TESI CONTRO IL 68” (PP.120, 7 EURO) IN VENDITA DA MARTEDI' PROSSIMO NELLE EDICOLE CON “IL GIORNALE”
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    [I tweet di MV]
    È penoso, ma ci tocca difendere il governo-feto dei grillo-leghisti dall’aborto forzoso imposto dalla dittatura eurotedesca e dai domestici nostrani. I tiranni di fuori e i servi di dentro.
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Da martedì in edicola in allegato a “Il Giornale”
    “‘68 tesi contro il ‘68”, un pamphlet su un anno che dura da un’eternità (120 pp, 7 euro)
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube