Siate visionari

Ogni civiltà è animata e sorretta da una visione del mondo. I tedeschi la chiamano Weltanschauung, è una concezione della vita in relazione al cosmo e alle cose visibili e invisibili, concrete e spirituali. Proviene dalla religione, attinge dall’arte e dal pensiero, si lega ai caratteri, i costumi e le tradizioni, si riconosce in una storia. Una visione del mondo funge da modello e da idea fondativa, da riferimento comunitario e da orientamento per la vita; è stato il punto di coesione di ogni civiltà. Per la prima volta nella storia la nostra società si connota invece per l’assenza di una visione del mondo, anzi per il suo rovesciamento: la globalizzazione è infatti il mondo come fatto, senza visione. Il suo principio metafisico è la libertà da ogni visione, il suo orizzonte è la tecnica, il suo paradigma è l’economia, la sua sovranità è l’individuo, a prescindere dalla comunità in cui è situato. Tutto è revocabile rispetto alla natura, tutto è inarrestabile rispetto alla tecnica. Questa è la prima società che rifiuta di riconoscersi in una visione del mondo; la prima senza un modello di riferimento. Volta le spalle a Platone, respinge un’idea del mondo che vede destituito d’ogni fondamento; o se preferite, rigetta un pater, cioè un paradigma di riferimento. Il pater, o il canone, puoi anche confutarlo e perfino ribellarti, ma è necessario.

Ti potrebbero interessare

Il patto del Lazzarone Poi c'è l'Italia. E ci sono gli italiani. Quelli che ascoltano sconcertati e indifesi le registrazioni da Bibbiano e vedono la famiglia sotto attacco, i bambini plagiati e costrett...
Feste patronali per clandestini Il santo, la banda, gli spari, l’illuminazione. In estate i paesi festeggiano il loro compleanno, la festa patronale. Le concentrano nell’arco estivo per farle coincidere col ritor...
Con Salvini senza illusioni Mezzo paese è convinto che l'Italia abbia un solo problema: Salvini. L'altra metà è convinta che l'Italia abbia una sola soluzione: Salvini. Posso dirvi che personalmente non credo...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    ☑️ Ma quando ci sveglieremo da questa pagliacciata d’agosto, tra finti premier, finti dittatori e finti salvatori della democrazia? E noi che li prendiamo sul serio, facciamo le analisi, i ragionamenti, le previsioni. Ma qui siamo al teatrino dei pupi. In guardia fellone!

    ☑️ E il “tiranno” cadde al primo venticello d’agosto. Così scoprimmo che vivevamo sotto un regime twittatoriale...

    ☑️ E nacque l’asse #Bibbiano-#Bibbona, benedetto dai Babbioni della Repubblica. Ora si aspetta #Berlusconi per chiudere il circolo (vizioso). Tutti dentro eccetto uno, il popolo italiano.
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube