Tramonti. Un mondo finisce e un altro non inizia

Un estratto dalla prefazione di Tramonti (Giubilei Regnani, 2017)

Un mondo si va sfaldando davanti ai nostri occhi e dentro i nostri cuori. Le nostre menti sciamano nel vuoto, cercando appigli e spiragli, ma trovano solo fantasmi, psicosi e fobie. Un mondo finisce e nulla appare al suo posto, davanti a noi.

Non sorge un mondo nuovo ma si dissolve il mondo da cui proveniamo.

Chiamiamo emancipazione quella decomposizione. D’altra parte se la parola-chiave del nostro tempo è liberazione, se l’atto sovrano per popoli e individui è liberarsi di, è poi comprensibile che tutto lo sforzo sia concentrato sul demolire, sradicarsi, sulla dissoluzione del mondo di provenienza e nulla sia invece seminato e versato per il mondo che verrà.

Abbiamo la forte benché imprecisa percezione di trovarci al capolinea di un mondo, anzi di una costellazione di mondi: mondi politici e mondi culturali, mondi geografici, storici e spirituali. Sembra finire un’epoca e si dichiarano esaurite tutte le cose in cui abbiamo vissuto, pensato e creduto: il pensiero e la carta stampata, le religioni e le loro chiese, la storia e il suo racconto, la politica e i grandi movimenti, i territori, i popoli e le famiglie, la cultura e la natura.

Tutto sembra sgretolarsi e naufragare, perdere senso e consenso, ma nulla sorge al loro posto, solo un magma mutevole e indefinibile, un mondo senza confini e pieno di puntini che si credono tutti al centro dell’universo: un pulviscolo di egoismi cosmici in un mondo spaesato.

Non è la fine del mondo, come non ci fu la fine della storia; semmai è la fine di un mondo, come è accaduto altre volte. Stavolta però manca il fervore degli inizi, manca l’accenno a un nuovo che non sia solo la decomposizione del vecchio o l’emancipazione dal passato. Siamo ancora alla teofania della liberazione. E poi cosa viene, poi cosa accade?

È qui il punto zero, in questo punto preciso, dove un mondo finisce e un altro ancora non appare. Il sapore di vivere in un interregno che non accenna a finire.

Come definire la nostra epoca? Finita la modernità o entrata in crisi radicale, non si può oggi parlare di postmodernità o di ipermodernità, come fanno ancora taluni. Viviamo nel collasso della modernità e i prefissi post o iper sono propaggini enfatiche della modernità, indicano colpi di coda o colpi riflessi della stessa modernità.

Forse la definizione più appropriata della condizione presente è odiernità che rispecchia la riduzione del mondo al tempo e del tempo all’oggi. Dopo la modernità, proiettata sul progresso, siamo entrati nell’odiernità, incentrata sul momentaneo.

La contemporaneità si è fatta estemporaneità. Ciò che è irriducibile al presente scompare, nota Byung-Chul Han, ma la verità per esistere deve perdurare; altrimenti svanisce. E con lei svanisce “il profumo del tempo”, definizione che evoca Proust ma anche l’orologio a incenso dell’antica Cina. “Il raccontare cede il passo al contare”.

Al Punto zero in cui ci troviamo è dedicato questo libro che raccoglie pensieri sparsi e li ricompone in un disegno organico. Questo scritto è stato pensato come una casa; questa è la porta d’ingresso, poi ci sono le cinque stanze entro cui si svolge la vita del libro, scandita da cinque tramonti differenti: Dopo il Comunismo fa il bilancio della più grande e rovinosa utopia a cent’anni dalla rivoluzione che la portò al potere, cercando lasciti ed eredi. Dopo l’Occidente affronta, a cent’anni dalla Grande Guerra che segnò l’inizio della fine europea, lo strano epilogo occidentale che sconfinando finisce. Dopo la Cristianità narra il crepuscolo della fede e della civiltà cristiana che si spegne tra le luci dei media puntate sul Papa estroverso; Dopo la Destra racconta la parabola di una visione verticale sfociata nel populismo e affronta le sue eredità da salvare. Dopo la democrazia, si interroga infine sul tramonto della democrazia schiacciata tra il privato e il globale, soffocata dalle oligarchie e dalla disaffezione, per poi affrontare il tema della libertà e quindi la sorte del liberal-liberismo, liberazione da tutto in vista di niente, prigione senza muri.

Tra i tramonti non c’è quello troppe volte annunciato dell’Italia, a cui dedicammo vari saggi, tra cui uno del ’93 proprio alla sua fine. Parafrasando Prezzolini, l’Italia finisce, il mito è quel che resta.

Il filo rosso che attraversa quei mondi declinanti si compendia in queste domande: che eredità lasciano, cosa succede adesso, da cosa si riparte, quali aspettative abbiamo? La prospettiva che le unisce è una visione controcorrente, fuori dai dogmi del politicamente corretto. Verrebbe quasi da dichiarare in partenza una composta, ragionata disperazione davanti a questa maestosa sequenza di tramonti.

Per tornare a Borges “Resta l’imbrunire. È il drammatico alterco tra l’evidenza e l’ombra, è come un contrarsi e un uscire di senno delle cose visibili. Ci fiacca, ci consuma e ci palpeggia, ma nel suo accanimento le strade recuperano il loro sentire umano” (Fervore di Buenos Aires).

Un mondo finisce e noi ci sentiamo sfiniti. Siamo carichi di tramonti, veniamo da troppi congedi, le notti si allungano, come la nostra età. Eppure, ci ricorda il RigVeda che l’albeggiante Nietszche cita: “Vi sono ancora tante aurore che devono risplendere”.

A quelle aurore venture dedichiamo i presenti tramonti.

Tramonti, leggi la recensione di Fabrizio Giulimondi

Ti potrebbero interessare

Il festival itinerante del Migrante È cominciata in tutta Italia la festa itinerante della Sinistra Pensante. Durerà tutta l'estate e porterà in processione il Santissimo, che quest'anno avrà la faccia nera del Migra...
Tele-Razza Va in onda TeleRazza, il telegiornale monografico a reti unificate che ogni giorno invade le case degli italiani. Razzismo è la parola chiave più ricorrente, anzi ossessiva, che ap...
Non distraeteci coi vitalizi Posso confessarvi una cosa che magari non vi piacerà? Provo fastidio e dissenso per questa incessante campagna contro i vitalizi dei parlamentari. E lo dico da immune, da extraparl...
Condividi questo articolo
  • 247
  •  
  •  



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    [I tweet di MV]
    I barbari a Parigi brindano alla coppa del mondo saccheggiando negozi di vini e champagne. Ieri la presa della Bastiglia oggi la presa della Bottiglia
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Coltivate un paese dentro di voi

    "Sfreccio in treno davanti al mio paese natale e mi appare, come i santi, dentro una campana di vetro chiamata finestrino. In quella scatola trasparente e sfuggente c’è tutto il mio mondo d’origine, le persone, i luoghi, gli anni più cari, compresi tra due torri di guardia sul mare. Stento a riconoscere nella velocità del passaggio sagome di case, di vie, di lame e campagne familiari, strisce di mare all’orizzonte, abbozzi di vita e ombre di campanili. Intravedo al passaggio due figure umane fra gli ulivi e, improvvisato sciamano, trasloco dalla mobile località al loro fermo paesaggio. Tramite loro respiro quell’aria, tocco quei tronchi, entro nella loro inerzia. Cos’è il tuo paese natale…

    Non è il luogo dove resti pietrificato una vita, e nemmeno il luogo che abbandoni e cancelli; ma ti resta per sempre, come irraggiungibile ma sempre vicino nella sua lontananza. Quella cartolina appena balenata al passaggio è la cassaforte dove sono depositati i miei tesori, viventi o sepolti. La mia cassetta di sicurezza di gioielli immateriali, ma non privi di corpo.

    Coltivate un paese dentro di voi. Un posto che ami, dov’è la tua origine e che devi lasciare. Ma quel paese poi torna, nei sogni, nelle pause, nei lampi del viaggiatore che sfreccia veloce davanti ai suoi primi vent’anni. E ai secoli addietro da cui provieni e ai secoli postumi in cui tornerai in quel posto, in mezzo ai tuoi cari, terra tra i tuoi conterranei. Alla fine del viaggio si prega restituirmi al mittente."

    MV, Ritorno al sud ow.ly/Othj30kXnHr
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube