Un ponte tra vecchi e giovani

Ma non si può correggere strada facendo il reddito di cittadinanza, renderlo socialmente più utile, eticamente più degno, economicamente più sostenibile, collegato a un’attività anziché a una passività? Non dico abolirlo, a questo punto, dico almeno correggerlo, riportandolo alla realtà. Cerco di spiegarmi.

Innanzitutto, cosa non va del reddito di cittadinanza? Che viene assegnato lasciando praticamente a casa il beneficiato o lasciando che questi possa lavorare in nero. Un reddito assegnato a prescindere dall’impegno, dai meriti e dalle capacità. Le prime avvisaglie del suo perverso funzionamento non mancano e restano avvolti nella mitologia parastatale i cosiddetti navigator o coach che dovrebbero vagliare le richieste e gli accessi al reddito di cittadinanze.

Non va che sia un reddito improduttivo, un gravoso onere a carico della collettività, e che sia affidato a un vago percorso di inserimento nel lavoro, in base al quale saranno via via presentate al beneficiario offerte di lavoro (scaturite da dove, generate da chi?). Tutto molto fumoso, anche se lastricato di buone intenzioni. Invece proviamo a fare un altro discorso, partendo dalla società in cui viviamo.

Dunque, viviamo in una società di vecchi, sempre più vecchi e soli, abbandonati al loro destino e alla tv. I giovani a loro volta abbandonano le città, soprattutto i paesi del sud, vanno via in cerca di fortuna. Si crea nelle nostre società un terribile razzismo anagrafico per cui i vecchi possono stare solo coi vecchi e i giovani stanno solo coi giovani, non c’è più comunicazione attiva tra le generazioni, si è aperto un baratro tra le età. Le famiglie si sfasciano tra i vecchi da assistere e i figli che “divorziano” dai loro genitori perché devono andare a cercarsi un lavoro lontano. Che ne sarà di tanti centri in cui i ragazzi vanno via, ridotti a cronicari o a luoghi di ricovero per migranti senza lavoro? È una grave emergenza ma non c’è nessun discorso politico e sociale che provi ad affrontare la questione.

A questo punto dico: perché non trasformare il reddito di cittadinanza in un rinnovato patto generazionale? Perché non destinare un sussidio a chi se lo merita, ovvero a chi accompagna e assiste uno o più anziani, aiutandoli a fare la spesa, a uscire di casa, a leggere loro il giornale, ad accompagnarli in chiesa, a seguirli nelle pratiche burocratiche e sanitarie? Un angelo custode per ogni vecchio che ne ha bisogno, quasi un nipote adottivo per aiutarlo nella vita quotidiana. Il reddito di cittadinanza sarebbe legato a un’attività realmente svolta. E per evidenti ragioni sarebbe assegnato per ragioni di prossimità a ragazzi del posto, che conoscono la località in cui vive l’anziano e il suo habitat, sono in grado di accompagnarlo, parlano la sua lingua e magari il suo dialetto, insomma sono un po’ di casa e perciò più rassicuranti per l’anziano. Il sussidio di compagnia darebbe un beneficio non solo ai ragazzi ma anche agli anziani e sarebbe un sollievo per le famiglie di entrambi. E ristabilirebbe quel ponte tra le generazioni, quella comunicazioni di vita tra giovani e vecchi che oggi non c’è. Ma non solo: eviterebbe quel baratro che solitamente si apre tra la fine degli studi e l’inizio del lavoro, creando per i ragazzi un periodo di compensazione e di maturazione prima di decidere d’andare via, di abbandonare il paese.

Non si tratterebbe di assistenza sanitaria per la quale occorre personale specializzato ma l’aiuto riguarderebbe quella fase precedente, dovuta all’età, all’incertezza della vista e dei passi, al primo insorgere di dimenticanze e insicurezze, sarebbe un prendersi cura, una premura. E potrebbe dar vita in certi casi a belle amicizie oltre l’età, a mutui soccorsi, episodi reciproci di gratitudine, adozione nelle proprie abitazioni di ragazzi, perfino legami affettivi.

Anche questa ipotesi, come il reddito di cittadinanza, presenta probabilmente difficoltà pratiche nell’attuazione, oltre che costi altrettanto rilevanti; necessita di filtri complessi, agenzie che individuino i vecchi realmente bisognosi e i giovani realmente operosi, e siano capaci di metterli in collegamento e garantire reciprocamente che questo avvenga senza danno. Occorre anche in questo caso vigilare per evitare casi di furbizia, patti sottobanco e altri raggiri. Così come nulla esclude che questo tipo di assistenza e di compagnia possa estendersi anche a pensionati benestanti che potrebbero concorrere con una quota proporzionata al loro reddito, a sostenere l’angelo custode a cui sono stati affidati.

Sarebbe una società più umana, più solidale, più consapevole della sua realtà. Una legge del genere magari piacerebbe anche a Papa Bergoglio, anche se non riguarda i migranti. E darebbe davvero un lavoro dignitoso, eticamente e moralmente dignitoso, oltre che socialmente utile: restituirebbe dignità ai giovani e ai vecchi. C’è qualcuno disposto a cimentarsi nell’impresa? Si escludono perditempo e furbi cercatori di slogan elettorali…

MV, La Verità 9 aprile 2019

Ti potrebbero interessare

Cosa resta del metodo Bibbiano Se un italiano insulta un nero sta tornando il razzismo. Se un ragazzo schiaffeggia un coetaneo antifascista sta tornando il fascismo. Se qualcuno offende un gay sta dilagando l'om...
Che resti in famiglia Una tempesta di fake news si è abbattuta sul Congresso Mondiale delle famiglie in corso a Verona. Mai vista una concentrazione così massiccia di false notizie, giudizi sprezzanti, ...
Il reddito di cittadinanza onoraria Sapete che c’è il reddito di cittadinanza onoraria? Lo stanno varando le giunte di centro-sinistra sparse in Italia che portano all’incasso la cancellazione delle cittadinanze onor...
Condividi questo articolo
  • 844
  •  
  •  
  •  

Tags: ,


Un commento a Un ponte tra vecchi e giovani

  1. Paolo Cragnolini ha scritto:

    La formulazione attuale del reddito non esclude tra i datori di lavoro comuni che avviassero attività di assistenza – diventando i beneficiari del reddito in cambio dell’assunzione. Rifare tutto sarebbe invece il definitivo affossamento di ina misura di politica economica che ha una sua chiara razionalità, oltre ad una flessibilità di attuazione già incorporata. Le economie centrate sull’esportazione sono in grave crisi, prima la Grrmania con la flessione del 4% della produzione industriale di febbraio. Il sostegno al mercato interno diventa la chiave; anche misure puramente assistenziali sarebbero giuste, a condizione che generino immediatamente spesa e non si scarichino su un aumento delle importazioni – tutte condizioni che il reddito ragionevolmente assicura. Inoltre la riorganizzazione dei centri pubblici di collocamento è un altro provvedimento fondamentale e indifferibile che il reddito promuove.
    Il PD e la UE hanno ottime ragipni e una gran fretta di far cadere questo governo, ma quelli che hanno a cuore le sorti dell’Italia invece non dovrebbero averle. Purtropp stanno lavorando in questa infelice direzione.


Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Camilleri, senza esagerare

    Quando muore un personaggio pubblico bisogna rispettare la memoria e difenderlo dai suoi impietosi detrattori ma anche dai suoi esagerati incensatori. Andrea Camilleri era uno scrittore televisivo che vendeva libri, che intrigava con le sue trame e il suo linguaggio fantasiculo; che sapeva gigioneggiare dall’alto dei suoi novant’anni, recitando un ruolo ironico-profetico da oracolo televisivo che parodiava bene Fiorello. E poi, per compiacere la Ditta, Camilleri andava sul sicuro, faceva l’antifascista, seppure molto postumo, ieri antiberlusconiano, oggi antisalviniano ma sempre contro il Duce, a babbo morto. Una polizza per la gloria.

    Era uno scrittore bravo, non un Grande Scrittore, come lo presentano. Non entra nella grande letteratura, non esagerate, ma rimane nella bestselleria corrente e nella personaggeria letterario-televisiva. Non rendetelo ridicolo, paragonandolo a Pirandello e Verga, e pure a Sciascia. Via, abbiate senso della misura. Non mettetegli pennacchi e aureole, abbiate rispetto di un morto.

    MV
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube