Gustosi momenti di trascurabile pidocchieria (27/03/2011)

Gustosi momenti di trascurabile pidocchieria (27/03/2011)

Come è bello risparmiare due centesi­mi a litro sulla benzina appena rinca­rata dopo che hai girato sei distributori sprecando il triplo di quel che hai rispar­miato. Come è bello trovare per terra una moneta da un euro, anche da mezzo. L’unico imbarazzo è chinarsi a prender­la, sperando che non ti veda nessuno. Ma una moneta trovata vale più di cento gua­dagnate. Ci sono pidocchierie minime e incon­fessabili che offrono miserabili ma genui­ne felicità. Ricevere una lettera con francobollo non timbrato e poterlo riciclare, previo immersione in acqua, distacco, asciugo e riattacco, è un rituale lungo, me­schino e godurioso. Accorgersi scenden­do dall’autobus che la macchinetta non ha obliterato il tuo biglietto, è un’altra in­dicibile minuscola gioia, da pezzente di successo. Il distributore automatico che ti dà più resto del dovuto ti fa sentire ricco e benvoluto dagli dei. Usare ancora una scatola di punti metallici acquistata nel ’76, è una spilorcia delizia storica: il rap­porto con la cucitrice dura assai più di un matrimonio. La frequento sin da ragazzo. Non ci lasceremo mai, i suoi punti metalli­ci sono infiniti. Miracolosa è pure la scato­la di mentine che non finiscono mai: mi sono convinto che di nascosto le liquiri­zie si accoppino e si riproducano. Ritrova­re ar­rotolata nei pantaloni che non mette­vi da una vita un’infima banconota, scolo­rita da un lavaggio, è un’altra proustiana, inesprimibile felicità. E che odio invece quando vai a prendere dal frigo mezza taz­za di caffè avanzato, e lei, insensibile caro­gna, te l’ha buttato via. Che spreco. Felici­tà è comprare un paté d’acciughe in Algar­ve a 20 centesimi, o vedersi abbuonare dieci centesimi da chi non ha resto o recu­perare il cravattino fuori corso da anni con la scusa che è tornato di moda. C’è una tirchieria maniacale e artigianale nelle piccole cose che dà più soddisfa­zione dell’avarizia nelle grandi. Rammen­di invisibili agli occhi altrui, atti piccini che fai di nascosto, te ne vergogni e perciò covi un segreto con te stesso e una compli­cità con le cose. Ti senti più furbo, rispar­mioso e furfantello. E t’illudi di vivere a sbafo. La vita felice è fatta di micragnose delizie.

Ti potrebbero interessare

Il degrado dell’uomo in condominio Se volete conoscere la bestialità di un uomo, dovete vederlo in condominio. I peggiori screzi, sfregi e odii non sono in politica o al lavoro, ma covano nel condominio. È lì che dà...
L’abito non fa il Papa A Roma, alle spalle di casa mia, c'è un austero negozio che vende articoli religiosi, abiti talari, tiare e paramenti sacri. Ma da qualche tempo c'è un'inquietante vetrina con un c...
Un sonno a due facce per un letto a due piazze (22/08/2015) Un sonno a due facce per un letto a due piazze (22/08/2015)Mi sveglio e risale negli occhi una scena che vidi per anni. Rivedo mio padre e mia ma­dre dormire insieme.Mia madre dorm...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

  • Twitter

  • Canale Youtube