La differenza tra memoria e ricordo

Che stress per un Paese sbadato e smemorato come il nostro dover subire per due domeniche alternate, come nei ballottaggi elettorali, la giornata della Memoria e oggi la giornata del Ricordo.

Ma non vi parlerò di foibe e non farò paragoni con la shoah, ogni tragedia è unica e orribile a suo modo.

Vi dirò della differenza tra memoria e ricordo. E citerò un autore indenne d’ambedue gli orrori, perché nato giusto due secoli fa. Il ricordo, spiegava Soren Kierkegaard nell’opera In Vino veritas, non è la memoria. Il vecchio, ad esempio, perde la memoria ma gli resta qualcosa di profetico e poetico, i ricordi. Il ragazzo, invece, ha una forte memoria e pochi ricordi. Miopia e presbiopia delle menti.

Il ricordo suscita il sentimento della perdita, la nostalgia. «Un fatto nella vita che sia ricordato, è già entrato nell’eternità».

Chi ricorda non è indifferente, mentre la memoria può essere anche un magazzino di date e di fatti. La memoria, poi, è soprattutto pubblica e storica, il ricordo è soprattutto intimo e affettivo: commemori i defunti, ricordi i tuoi cari.

Ricordo, lo dice la parola, chiama al cuore; la memoria è più una facoltà intellettiva. È sbagliato usare le parole memoria e ricordo per evocare solo gli orrori, quasi che la storia sia il cimitero del Male.

Ci sono memorie importanti del passato che non sono funeste e ci sono ricordi teneri e dolci: quel che è vivo in loro si fa tradizione. Salviamo i ricordi e la memoria dall’identificazione con l’Orrore. Altrimenti verrà solo voglia di cancellare il passato.

MV, Il Giornale 10 febbraio 2012

Ti potrebbero interessare

Le labbra di zia Ninetta Zia Ninetta rimase nei secoli vacantina (nubile) perché non avrebbe mai sopportato di avere un uomo accanto; le avrebbe sporcato casa, infastidito a letto, preteso servizi, stirate...
Nostalgia di casa Per la prima volta nella mia vita sono quasi sei mesi che non torno al paese natale, non torno a Casa e non rivedo i miei fratelli. Potreste giustamente obbiettare che questa comun...
Nostalgia di Natale Confesso che negli anni passati alla vigilia di Natale sognavo d'ibernarmi e poi farmi scongelare dopo la Befana. Non sopportavo le feste, le case ripiene di tutto, anche di gente;...
Condividi questo articolo
  • 21
  •  
  •  
  •  

Tags:



Rispondi