L’amore più puro è quello autarchico (26/06/2011)

L’amore più puro è quello autarchico (26/06/2011)

La palma d’oro della settimana va al Te­st­imonial Universale e valoroso onco­logo Umberto Veronesi che ha detto: l’amore più puro è quello omosessuale, perché è fine a se stesso e non mira a pro­creare.

Capisco il professor Veronesi, e non mi riferisco all’età grave, ma con la sua fama di tombeur de femmes e di pa­dre plurimo aggravato, con tanti figli, for­se vorrà scusarsi di aver ingravidato trop­po. Da estremista solitario, radicalizzo la sua tesi e la porto alle conseguenze estreme: se è così, l’amore più puro è quello del masturbatore che non conta­mina eros con i corpi ma vive la passione erotica allo stato ideale, nell’immagina­zione, appena aiutato da una mano. Ev­viva Onan, che non è la posizione eroti­ca del nano capovolto, ma è il biblico per­sonaggio che amava il sesso solitario, o se vogliamo elevarlo, il vizio leopardia­no. Quella sarebbe la vera purezza, pro­fessore, il sesso autarchico e idealista, al­tro che quel groviglio di corpi, quel pa­sticcio di saliva, sudore e sperma. Per non gettare il bambino con l’acqua spor­ca, Veronesi getta il bambino, così l’ac­qua torna pulita. A nobilitarla, la sua tesi è l’applicazione della teoria di Scho­penhauer: per lui l’amore è una trappola della specie, si serve dell’istinto sessua­le per perpetuarsi tramite gli arrapati. Ma la teoria di Schopenhauer è caduta miseramente sul preservativo: con il condom, la pillola o la spirale, si aggira l’astuzia della specie per riprodursi, ep­pure non è cessato l’impulso erotico.

Il suo messaggio, professore, è brutto, in una società senza figli e con famiglie in crisi. E non perché sia una marchetta ai gay, ma perché degrada il ruolo dei genitori e la procreazione. Se l’omoses­sualità è pura, la paternità è sporca. Leg­gevo la battuta di Veronesi la mattina del 24 giugno. Era San Giovanni e per la prima volta nella mia vita non potevo fa­re gli auguri a mio padre e sentire ogni anno più flebile e accorato il suo ringra­ziamento. Se non ci fosse stato il suo amore impuro con mia madre, non sarei qui. E così i miei figli, e voi tutti, e lei, professore. Se quell’amore era impuro, preferisco vivere in una sporca società. Al diavolo la purezza.

Ti potrebbero interessare

Il degrado dell’uomo in condominio Se volete conoscere la bestialità di un uomo, dovete vederlo in condominio. I peggiori screzi, sfregi e odii non sono in politica o al lavoro, ma covano nel condominio. È lì che dà...
L’abito non fa il Papa A Roma, alle spalle di casa mia, c'è un austero negozio che vende articoli religiosi, abiti talari, tiare e paramenti sacri. Ma da qualche tempo c'è un'inquietante vetrina con un c...
Un sonno a due facce per un letto a due piazze (22/08/2015) Un sonno a due facce per un letto a due piazze (22/08/2015)Mi sveglio e risale negli occhi una scena che vidi per anni. Rivedo mio padre e mia ma­dre dormire insieme.Mia madre dorm...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

  • Twitter

  • Canale Youtube