Ma che c’entrano i valori tradizionali? (18/06/2014)

Ma che c’entrano i valori tradizionali? (18/06/2014)

È tragicamente grottesco che dopo la strage di Motta Visconti qualcuno, come Sofri o Serra, metta sul banco degli imputati la famiglia tradizionale. L’assassino ha detto che voleva liberarsi dalla famiglia che considerava come una gabbia e non certo un guscio protettivo o un punto fermo da tutelare. L’impulso che ha armato lui come tanti, troppi delitti, è il primato assoluto dell’Io Voglio, la convinzione che si possano vivere più vite in una, che si possa cancellare con un sanguinoso reset la vita precedente, riducendo le persone e le famiglie a pure icone su un display, da eliminare per liberare la memoria. Larga parte dei delitti in voga, compresa la corruzione, nasce da un individualismo assoluto che non riconosce limiti e confini, radici e principi, storia, passato e futuro e si concentra sul desiderio individuale del momento. Il presente è malato di soggettivismo egocentrico, non di famiglie tradizionali e comunità. E su quel terreno confluiscono sia i reduci dal socialismo che i derivati liberali, quando perdono principi e realtà. Certo, c’è un abisso tra il primato dell’individuo e i crimini commessi, e questi attengono alle menti bacate di chi li compie. 

Ma il germe, il movente, il clima, è nella convinzione che conta solo la mia vita, la mia libertà, il mio diritto di volere e di mutare. La famiglia tradizionale a volte tollerava altri mostri domestici, soprusi e violenze; ma abolire la realtà per mutare la propria vita non è farina di quel sacco. Semmai dei suoi nemici.

Ti potrebbero interessare

Il degrado dell’uomo in condominio Se volete conoscere la bestialità di un uomo, dovete vederlo in condominio. I peggiori screzi, sfregi e odii non sono in politica o al lavoro, ma covano nel condominio. È lì che dà...
L’abito non fa il Papa A Roma, alle spalle di casa mia, c'è un austero negozio che vende articoli religiosi, abiti talari, tiare e paramenti sacri. Ma da qualche tempo c'è un'inquietante vetrina con un c...
Un sonno a due facce per un letto a due piazze (22/08/2015) Un sonno a due facce per un letto a due piazze (22/08/2015)Mi sveglio e risale negli occhi una scena che vidi per anni. Rivedo mio padre e mia ma­dre dormire insieme.Mia madre dorm...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

  • Twitter

  • Canale Youtube