Draghi era a tempo, non poteva essere in eterno

Intervista a cura di Michele De Feudis

Dal 2011 al 2022 è stato ricorrente la formula del governo tecnico. Con la chiusura dell’esperienza di Mario Draghi, si apre una nuova stagione politica sotto il Solleone? I tecnici hanno un senso se hanno un mandato breve in un momento eccezionale. L’idea di Draghi for ever è uno strappo alla democrazia. La fine del suo governo dovrebbe segnare il ritorno della politica con la sovranità popolare.

Il governo di SuperMario ha svolto la sua missione?
Francamente mi aspettavo di più sin dalla scelta dei “migliori”. E la linea dei falchi scelta da Draghi a fianco dell’interventismo Nato mi è parso un dannoso errore e un tradimento della politica estera italiana, mai schierata dalla parte dei falchi.

Politica in subbuglio. A sinistra Letta congeda il campo largo. Che succede adesso?
Momento fluido, aperto a varie ipotesi, sia ritorni di alleanze pd-5S, nonostante gli attuali dinieghi o tentativi di dem più centrini vari in nome di Draghi e dell’anti-sovranismo.

Il centrodestra ha ritrovato una minima coesione. Giorgia Meloni, leader del primo partito italiano, Fdi, può ambire alla guida di un futuro governo conservatrice?
Dipenderà dell’entità del suo successo e dalle grandi pressioni dell’establishment internazionale, prima che dall’intesa con gli alleati.

Che succede in Fi dopo le fuoriuscite dei ministri?
Forza Italia è in balia delle fluttuazioni di Berlusconi, ma era già chiaro che l’area dei ministri sarebbe passata con draghi in caso di rottura con Berlusconi.

Cosa resta del grillismo?
Tante, ingombranti rovine, in più direzioni, col rischio di continuare a intralciare la nostra già tormentata situazione. È un po’ come i rifiuti romani abbandonati per strada.

Rinascerà una casa centrista, una nuova Balena?
Nessuno riconosce a qualcuno il ruolo di federatore, per cui saranno possibili apparentamenti e accorpamenti, ma la grande alleanza dei piccoli e degli scappati di casa la vedo difficile. Ma “più che il dolor poté il digiuno”, la fame e il bisogno di salvare la pelle, può fare miracoli…

Nel 2018 furono le politiche del boom del vento populista. Soffia ancora quella tendenza?
Il populismo assume altre forme, si separa dal grillismo e da altre esperienze fallite, ma esprime il disagio sociale, il rifiuto delle oligarchie e contesta la linea dell’establishment su pandemia e guerra.

Un consiglio per la lettura a Mario Draghi?
Direi Siddharta per un pellegrinaggio in Oriente, lontano da banche e poteri…

(la Gazzetta del Mezzogiorno, 23 luglio)

Ti potrebbero interessare

“Lega e M5S? Uniti solo dalla lotta all’UE” La Lega vola e il M5S perde consenso. Durerà l'alleanza? Libero lo ha chiesto a Marcello Veneziani. «La Lega di Salvini ha una direzione. Un orientamento politico, se vogliamo a...
Dialogo tra Veneziani Quando mi chiedono dello zio famoso e sospettano un caso di nepotismo, io rispondo che mi sento un po’ come Plinio il Giovane nei confronti di Plinio il Vecchio. Anche perché da qu...
Mussolini l’arci-americano Sin dalla marcia su Roma, cent'anni fa, l'America coltivò una passione speciale per Benito Mussolini e una simpatia spiccata per il fascismo. La prima motivazione fu anticomunista:...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  


Comments are closed.