Tempo perduto e tempo ritrovato

Marcello Veneziani, scrittore, filosofo maître à penser della destra italiana al festival Popsophia interverrà stasera in piazza del Popolo (ore 21.30) prima del Philoshow “Il tempo perduto”, la poetica della nostalgia ideato e diretto da Lucrezia Ercoli. E proprio il tema del tempo, legato a doppio filo a quello della nostalgia, sarà il centro delle riflessioni dell’intellettuale pugliese. 

1) Veneziani, secondo lei che tempo stiamo vivendo?

Direi il tempo dell’angoscia. Viviamo sotto il dominio delle emergenze – pandemia, guerra, collasso ambientale, carestia economica e nel nome di queste emergenze si è instaurata una dominazione assoluta, che esige restrizioni, rinunce, vigilanza e controlli sempre più capillari.

2) È questo davvero un tempo ritrovato o ne stiamo perdendo il senso?

Viviamo sotto la dittatura del presente, che non permette di coltivare tempi perduti o ritrovati, cancella il passato. Consegnato il futuro all’angoscia, ripieghiamo sull’attaccamento morboso al presente, di cui siamo prigionieri.

3) E secondo lei che ruolo gioca la nostalgia nelle nostre vite?

La nostalgia è una dimensione essenziale, costitutiva dell’animo umano. Siamo animali nostalgici, anche quando ci volgiamo al futuro. E l’assedio alla nostalgia, nel tentativo di sradicarla, è una minaccia alla nostra umanità.

4) Non è d’accordo sul fatto che la nostalgia ci renda impotenti rispetto a una visione di futuro?

 C’è nostalgia e nostalgia. C’è la nostalgia che inibisce la voglia del futuro e impedisce di vivere il presente, c’è la nostalgia come alibi per non scegliere, non vivere, non fare. E c’è la nostalgia come sentimento dell’origine, legame di fedeltà e di amore verso i cari perduti, i miti e gli eroi, ma anche verso la propria infanzia e giovinezza.

5) Quanta nostalgia c’è dietro a tutto quello che sta accadendo nel mondo?

C’è più revanscismo che nostalgia, volontà di ripristinare imperi e poteri perduti; da parte degli USA e della Russia. La nostalgia riguarda semmai chi patisce quel che sta accadendo nel presente e vorrebbe riavere libertà e identità perdute.

6) Lei si sente un nostalgico? Pensa in fondo che le cose funzionassero meglio un tempo?

Quel tipo di nostalgia ha poco senso anche perché riguarda ogni epoca e ogni generazione che rimpiange il passato. E nei paragoni storici bisogna considerare lo scarto inevitabile dei tempi e confrontare perdite e conquiste. 

7) C’è più nostalgia nella destra o nella sinistra italiana?

Per un conservatore la nostalgia è più “ naturale” e coerente , per un progressista è innaturale e contraddittoria. Ma in ambedue c’è solo l’attenzione all’immediato. (

Il Resto del Carlino,7 luglio 2022)

Ti potrebbero interessare

Draghi era a tempo, non poteva essere in eterno Intervista a cura di Michele De Feudis Dal 2011 al 2022 è stato ricorrente la formula del governo tecnico. Con la chiusura dell'esperienza di Mario Draghi, si apre una nuova st...
La cupola vuole fermare Meloni. Accadrà di tutto prima del voto. LR... Intervista di Alberto Maggi In caso di elezioni anticipate dopo l'estate, il Centrodestra è favorito con Fratelli d'Italia primo partito. Lei vede Giorgia Meloni premier? "Non ...
La porta del tramonto europeo Qual è il futuro dell' Europa oggi? Mi ricorda ciò che diceva Rozanov quando descriveva il nichilismo. La rappresentazione è finita. Il pubblico si alza. È tempo d’ infilarsi il ca...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  


Comments are closed.