Siate visionari

Ogni civiltà è animata e sorretta da una visione del mondo. I tedeschi la chiamano Weltanschauung, è una concezione della vita in relazione al cosmo e alle cose visibili e invisibili, concrete e spirituali. Proviene dalla religione, attinge dall’arte e dal pensiero, si lega ai caratteri, i costumi e le tradizioni, si riconosce in una storia. Una visione del mondo funge da modello e da idea fondativa, da riferimento comunitario e da orientamento per la vita; è stato il punto di coesione di ogni civiltà. Per la prima volta nella storia la nostra società si connota invece per l’assenza di una visione del mondo, anzi per il suo rovesciamento: la globalizzazione è infatti il mondo come fatto, senza visione. Il suo principio metafisico è la libertà da ogni visione, il suo orizzonte è la tecnica, il suo paradigma è l’economia, la sua sovranità è l’individuo, a prescindere dalla comunità in cui è situato. Tutto è revocabile rispetto alla natura, tutto è inarrestabile rispetto alla tecnica. Questa è la prima società che rifiuta di riconoscersi in una visione del mondo; la prima senza un modello di riferimento. Volta le spalle a Platone, respinge un’idea del mondo che vede destituito d’ogni fondamento; o se preferite, rigetta un pater, cioè un paradigma di riferimento. Il pater, o il canone, puoi anche confutarlo e perfino ribellarti, ma è necessario.

Ti potrebbero interessare

Il razzismo sanitario Il corriere del siero, gazzetta ufficiale del vaccino di regime e quotidiano unificato in formato ideologico, divide ogni santo giorno l'umanità in due razze: i vaccinati e i mostr...
Mattarella compie ottocento anni Oggi Sergio Mattarella compie 80 anni o forse ottocento. Ottanta candeline sul capo, bianco come una torta alla panna. Agli auguri più sinceri, uniamo con la stessa sincerità, un r...
Indro, che scrisse sull’acqua Il 22 luglio di vent'anni fa Indro Montanelli se ne andò via da un millennio neonato a cui si sentiva estraneo. Ci lasciò forse col rito abbreviato e agevolato, ma non sta bene dir...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  



Rispondi