Checco Zalone double face

zalone tolo tolo

Si sono inutilmente accapigliati prima di vedere il film di Checco Zalone, Tolo Tolo, gli uni per condannare il suo presunto spirito anti-migranti, gli altri per difendere la sua comicità politicamente scorretta. Ma Checco Zalone non ha fatto una scelta di campo e in Tolo Tolo non manifesta alcuna fobia per i neri, gli sbarchi e i migranti né strizza l’occhiolino a Salvini. Anzi. Piuttosto mescola notazioni “scorrette” ad altre di segno opposto, è la sua miscela vincente e scaltra, anche se stavolta il risultato è meno riuscito, al di sotto delle altre volte; un film carino e leggero, ma fa ridere meno del solito.

Checco Zalone comunque diverte e al contrario dei suoi critici stupidamente intelligenti, lui è intelligentemente stupido, non fa il comico-guru al servizio della Solita Causa, la sua comicità nasce dallo stridente contrasto tra arcaismo e attualità. È una comicità double-face: i politicamente corretti godono a vedere messi alla berlina i pregiudizi d’una volta; e i politicamente scorretti godono a vedere derisi i nuovi tabù intoccabili in un linguaggio senza veli o precauzioni “progressiste”. Così ognuno ride alle spalle dell’altro. Ma Checco non parteggia né per gli uni né per gli altri, si tiene saggiamente al di fuori e al di qua. La sua satira dei pregiudizi degli italiani su padani, terroni, negri, “ricchioni”, drogati, donne e maschilisti, regge su una semplice ma efficace trovata: fa parlare un ragazzo d’oggi con le parole ingenue di pochi decenni fa, quando quei modi di dire e di pensare erano senso comune e lessico quotidiano, non solo al Sud; l’effetto comico sgorga naturale da questo piccolo ma stridente anacronismo, ma è comicità bipartisan.  Sulla stessa linea è la sua comicità fondata sui doppi sensi, come si usava nelle comitive di una volta; diverte perché è irriverente agli occhi d’oggi, è finto ingenuo, studiatamente naive, con trivialità premeditata. In più c’è il sapore di etno-comicità, in stile pugliese.

Suscita l’effetto comico di battute dette al bar, magari accompagnate da una volgare grattata al “pacco”.

Il segreto di Checco Zalone è un’antica ricetta barese, leggermente aggiornata: riso, patate e cozze. Nel senso che suscita il riso con lo spirito di patata del “cozzalone” (il coatto pugliese che dà il suo nome d’arte).

Non è un classico, non è una leggenda, se non per gli incassi, ma è un comico divertente che non vuol convincere e fustigare nessuno né pensa un domani di fondare un movimento politico. Non ha grillini per la testa. Niente messaggi, solo risate.

MV, 2 gennaio 2020

Ti potrebbero interessare

Mal di Puglia Una bomba atomica a lento rilascio è stata sganciata sul tallone d'Italia, chiamato Puglia. Una bomba che ha devastato lentamente ma inesorabilmente le campagne, l'ambiente, i polm...
Chiese chiuse e porti aperti C'è un prete a Genova che ha capito tutto e perciò ha deciso la serrata della sua chiesa di San Torpete. L'ha chiusa per tutte le vacanze di Natale, per protestare contro l'insensi...
Amazzonia, Migranti & Tortellini Greto II, al secolo Bergoglio, ha indetto da oggi il Sinodo per l'Amazzonia, affermando la missione del cattolicesimo come guardia forestale del pianeta. Pochi giorni prima un “suo...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  

Tags: ,



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

  • Twitter

  • Canale Youtube