Articoli

Il cardinale, lo scienziato e l’aldilà

Che sarà di noi? Alla fine è questa la domanda che rivolgiamo al religioso, al filosofo e allo scienziato. Ci giriamo intorno e parliamo di tante altre cose che ruotano intorno a quell’interrogativo ma quando si va a stringere è quella la domanda delle domande a cui vogliamo una risposta o anche solo un conforto [&hellip

Dante fa rima con migrante

L’unico modo per far sopravvivere Dante Alighieri all’oblio, all’infamia e all’ingratitudine dei posteri è spacciarlo per migrante.  Così succede che Dante nostro padre, dico padre della nostra lingua, della nostra civiltà e della nostra letteratura, classico intramontabile e vero fondatore dell’Italia, si scopra il precursore dei migranti e dei temi a loro annessi: accoglienza, inclusione, [&hellip

Temendo la brace, la Francia resta in padella

A sentire i telegiornali, a leggere i giornali, in Francia e in Europa, c’è un sollievo generale. Tutti contenti, finito l’incubo, pericolo scampato, rompete le righe. Vince il Fronte popolare, siamo liberi e felici. Il quotidiano L’Unità, organo di retroguardia della sinistra condensa le sciocchezze del mainstream in un titolo a tutta pagina: Siamo tutti [&hellip

L’amicizia si nutre di solitudine

Dialogo a Lipari tra Massimo Cacciari e Marcello Veneziani sull’amicizia e la solitudine nell’ambito del festival EOLIè 24i organizzato da Francesco Malfitano. Tema adatto all’isolitudine di Lipari, nell’arcipelago delle Eolie. Qui in sintesi le riflessioni di Veneziani. Che fine fanno la solitudine e l’amicizia nell’epoca delle folle solitarie, per citare David Riesman? La solitudine di [&hellip

Giù le mani, la cultura è cosa nostra

Da che pulpito viene la predica. La casta intellettuale di sinistra rimprovera alla destra di governo di prevaricare, intimidire e censurare la cultura non allineata al potere politico. Leggendo il documento firmato dagli scrittori invitati alla fiera del libro di Francoforte contro le ingerenze del governo Meloni sulla cultura e la denuncia di censure, prevaricazioni [&hellip

L’arte e i regimi

Non esiste l’arte fascista, sostiene Vittorio Sgarbi nel suo eccellente libro Arte e fascismo, pubblicato da sua sorella Elisabetta con la Nave di Teseo. Vero, ma esiste forse un’arte democratica, liberale, socialista? Non si può confondere l’ispirazione e l’estro dell’artista con le categorie della politica, i regimi, la storia e le ideologie che permearono il [&hellip

Dalla parte dei Mostri

Non sarà facile ma spero che la Francia possa svoltare, mandando al governo il Rassemblement national di Marine Le Pen e Jordan Bardella. Spero pure che negli Stati Uniti possa tornare alla Casa Bianca Donald Trump. E mi auguro che Viktor Orban possa allargare il suo gruppo parlamentare di Patrioti per l’Europa e trovare un’intesa [&hellip

E il vertice lasciò solo voglia di Puglia

Cosa ha lasciato di buono il summit del g7 in Puglia? La Puglia. Il vertice coi grandi del pianeta non sembra aver lasciato importanti eredità, svolte o grandi risultati. Di quell’affollata concentrazione di potenti in quella fettina di terra contesa col mare e baciata dal sole, resta lei, la Puglia, una regione scoperta solo col [&hellip

Non cadere nel tranello

Conosco poco i ragazzi di Gioventù nazionale per ragioni d’età e di lontananza da ogni militanza politica. Ma se li paragono ai ragazzi del Fronte della gioventù di ieri e soprattutto se li paragono ai ragazzi militanti della sinistra di oggi, mi sembrano decisamente più miti, più integrati, vorrei dire più inoffensivi. I giovani militanti [&hellip

Imbarcare la Meloni conviene a loro più che a lei

Ha avuto ragione Giorgia Meloni a chiedere più rispetto per l’Italia e per il popolo sovrano che alle ultime elezioni ha premiato in quasi tutta Europa il vento nazional-sovranista (a parte la voragine spopulista del non-voto). Non si può far finta che niente sia successo nelle urne e non si può escludere uno dei soci [&hellip

​La chiamata alle armi degli scrittori contro il regime​

La Fuffa di Francoforte. Prevedibile, scontata. Gli eroici intellettuali sfidano il regime meloniano per la fiera internazionale del libro nel prossimo ottobre e lanciano un grido franco e forte contro gli oppressori che da due anni stanno facendo scempio della libertà e li perseguitano. Lo gridano in un’occasione internazionale, ideale per mettere in cattiva luce [&hellip

Bella ciao, la gente saluta e se ne va

Ma davvero le ultime elezioni europee, premiando la Meloni e la Schlein, hanno rilanciato il bipolarismo in Italia, la vecchia contrapposizione tra destra e sinistra? È la tesi che ha prevalso nei commenti, al punto che il Corriere della sera, sulla scia di Walter Veltroni, ha visto nell’affermazione delle due donne “Una vittoria che fa [&hellip

Potere alle donne

Le ultime elezioni europee hanno confermato una tendenza: il passaggio del comando politico dagli uomini alle donne. Giorgia Meloni ed Elly Schlein guidano i due maggiori partiti nostrani, su cui si fonda il nostro bipolarismo imperfetto. E a livello europeo, Marine Le Pen è la vera vincitrice di questa tornata elettorale. Ma non solo: Ursula [&hellip

Mi dissocio dall’autonomia differenziata

Sarà perché sono meridionale, sarà perché da una vita difendo e sostengo l’unità e l’identità nazionale, ma non posso accettare l’autonomia differenziata approvata dalla maggioranza di centro-destra. Mi dissocio. E adotto anch’io, nel mio piccolo, l’autonomia differenziata: ovvero esprimo un pensiero autonomo e mi differenzio dalla loro decisione. Conosco le ragioni e pure le attenuanti generiche [&hellip

Cosa fu la Dc

Rieccola, la Dc, un pezzo della vita nostra, di noi seniores. Torna per i suoi ottant’anni, ma a dir la verità, già quarant’anni fa ne dimostrava ottanta. O quantomeno così la percepivamo noi italiani, tanto ci pareva eterna, inossidabile, antica. Andreotti ci sembrava un reperto della preistoria già quando aveva solo sessant’anni; si sprecavano ironie [&hellip

Le foto presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a segreteria.veneziani@gmail.com e si provvederà alla rimozione.

© 2023 - Marcello Veneziani Privacy Policy