Il Grasso superfluo

Scusate non mi sono ancora ripreso dall’ultimo parto della politica, Liberi e Uguali. Ma vi prego, fatemi capire. Le sinistre sparse del nostro Paese vivevano male la dominazione di un Corpo Estraneo come Matteo Renzi, lo subivano e lo odiavano.

Riuscirono perfino a superare le avversioni incrociate tra sinistra movimentista, briciole di Rifondazione, lasciti del vecchio Pci e giovani sfigati di tristi speranze, più gloriose reliquie della seconda repubblica e, accomunati dal disprezzo per il Vanesio Fiorentino, riuscirono a farsi un loro partitino.

Beh, alla fine cosa fanno? Chiamano a guidarlo un altro Corpo Estraneo, un papa straniero, un magistrato e uomo dell’establishment, il presidente del senato Grasso. Uno che a giudicare dal curriculum e dalle oscillazioni, avrebbe potuto tranquillamente militare con Renzi, con Berlusconi e con chiunque altro.

Grasso accetta perché la vanità è l’ultima a morire, e si gonfia, s’illumina d’incenso. Ma si può capire, un anno fa temeva di essere abolito insieme al Senato, e ora gli offrono di guidare un cartello intero con una visibilità assai forte.

E appartenendo alla genia degli Ego-magistrati, da Di Pietro a Ingroia, da De Magistris a Emiliano, assumere un ruolo di vetrina coi gradi di Comando, sputace sopra.

Ma loro, i combattenti e reduci della sinistra, gli esuli dal Pd e i profughi del ciclone renziano, che quando finalmente si fanno una casa tutta loro e possono darsi un leader di sinistra, schietto, vanno a pescare il presidente del senato.

Non la presidente della Camera, che almeno è un’icona della sinistra e una custode del Politicamente Corretto, del Tardo-Femminismo e dell’Antifascismo sacro; ma Grasso, che con la sinistra c’entra poco o nulla e solo per ragioni onomastiche può dirsi l’Unto del Signore.

La sinistra aveva due possibilità: poteva scegliere un leader che rappresentasse la sua tradizione e la sua identità, uno che indossa con dignità il novecento, comunismo incluso. Oppure uno che fosse la traduzione italiana di Tsipras o degli Indignados spagnoli, una specie di postsinistra protestataria del terzo millennio.

E invece che ti vanno a pescare? Un Grasso che non incarna né l’una né l’altra, che non è carne né pesce, ma colesterolo allo stato grezzo.

Grasso superfluo.

Come spiegare questa scelta suicida, che conferma in casa propria quel che sostengono gli avversari della sinistra: ossia l’incapacità di partorire una leadership chiara e distinta di sinistra?

Solo in un modo. La loro priorità non era chiamare a raccolta la sinistra ma danneggiare Renzi e allora hanno pensato che nuocesse di più al fiorentino un leader sferico e mobile, privo di identità politica e capace di suonare il piffero per l’elettore qualunque, pescando così nel target renziano.

In questa motivazione, però, sono rimasti fieramente, ferocemente di sinistra: l’odio a sinistra unisce più dell’affinità, il fratricidio vince sempre sulla fratellanza. Lividi e Uguali.

MV, Il Tempo 6 dicembre 2017

Ti potrebbero interessare

Solgenitsyn, dal gulag all’oblio «Sono infinitamente difficili tutti gli inizi, quando la semplice parola deve smuovere l’inerte macigno della materia. Ma non c’è altra strada se tutta la materia non è più tua, no...
La marcia leghista su Roma SPQR, Salvinus PopulusQue Romanus. Oggi ci sarà a Roma il battesimo ufficiale della Lega di Salvini come prima forza nazionale e popolare. Non è la prima volta che la Lega in versi...
Florenskij, scienziato, pensatore e martire Nel giorno dell’Immacolata del 1937, il filosofo, scienziato e sacerdote Pavel Florenskij fu fucilato in un gulag sovietico. Fa impressione il suo lucido e implacabile argomentare ...
Condividi questo articolo
  • 1.7K
  •  
  •  


Un commento a Il Grasso superfluo

  1. Luigino Di Priamo ha scritto:

    Veneziani, sono d’accordo con il tuo scritto, il centro sinistra ,è ormai alla frutta, purtroppo, questa povera ne fa le spese, la storia è maestra di vita, sembra di essere al 1020 – 1921, ma non c’è Mussolini, abbiamo solo mezze cartucce. Gigi Balilla


Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Una famiglia ci vuole

    "Una famiglia ci vuole, anche per il gusto di andarsene via. La famiglia non è un monumento senza graffi e non è un lenzuolo candido e profumato. La famiglia è a volte un peso, a volte un incubo e perfino una zona scura o maleodorante come i calzini che vostro figlio semina per casa; a volte la famiglia è un pachiderma che si siede sullo stomaco e da cui sogni di fuggire. Ma una famiglia ci vuole, anche quando pensi di evadere; un punto di riferimento saldo e verace, dove torni te stesso e dove sei accolto a prescindere, non perché dai o perché fai ma perché sei, semplicemente sei. Tu, padre, figlio, fratello, nonno o nipote. Sei uno di loro, non devi pagare l'iscrizione."

    MV, Ritorno al sud ow.ly/Z3Fr30mUQYI
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube