Julius Evola tra filosofia e tradizione

Evola, un contemporaneo che dista millenni: le sue radici sono moderne, ma i suoi frutti nascono nel segno della tradizione. Qual è il reale significato della filosofia evoliana, quale la sua incidenza storica? In quali rapporti è il pensiero evoliano con il nichilismo ed il cristianesimo, l’attualismo gentiliano e la rivoluzione conservatrice, il pensiero negativo e il sacro? Sono questi i temi affrontati in questo saggio sul principale ispiratore del radicalismo di destra.


“Evola non è un filosofo, almeno nella accezione moderna e accademica che si attribuisce al termine, onde il suo sistema filosofico, elaborato negli anni giovanili, non esaurisce i suoi orizzonti dottrinari ed esistenziali”.

“Quando Evola sostiene che la “nostra patria è l’idea (e lo ripete in un opuscolo divulgativo come “Orientamenti”), Evola taglia i ponti su cui si regge la Tradizione, la destoricizza e la disumanizza, ne fa un’essenza disincarnata che può ben figurare nel campionario delle “ideologie” moderne, ove ciò che conta non è più la propria specificità naturale, la propria appartenenza etnica, rituale, genealogica, ma solo la “comune idea”.

Pubblicato:
Editore: Ciarrapico

Le foto presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a segreteria.veneziani@gmail.com e si provvederà alla rimozione.

© 2023 - Marcello Veneziani Privacy Policy