Il comunismo vive sotto falso nome

Il 7 novembre di cent’anni fa il comunismo andò al potere a Mosca. E la storia del mondo cambiò, in peggio. Tutti celebrano da giorni la rivoluzione bolscevica, raccontano il clima e gli accadimenti di quei giorni ma nessuno ha osato fare un bilancio storico dei frutti tragici di quella Rivoluzione.

Eppure il costo umano del comunismo supera quello di ogni altro regime, movimento, evento storico e perfino delle guerre mondiali.

Ricordando giorni fa la Marcia su Roma i media si sono spinti fino alla Shoah che storicamente c’entra poco con l’Italia fascista del ’22; parlando della Rivoluzione d’ottobre invece hanno osservato l’omertà totale sui gulag, le repressioni, i massacri, il regime totalitario e tutta la storia che seguì a quella presa del potere.

Di questo e di altri Tramonti, ho dialogato ieri a Roma con Fausto Bertinotti, comunista non pentito ma mente onesta e appassionata.

Della rivoluzione bolscevica si sono registrate in questi giorni due significative rivendicazioni nostalgiche.

Da una parte Mario Tronti, lucido teorico dell’operaismo, ha elogiato in Parlamento la rivoluzione leninista mentre i suoi colleghi erano presi dalla legge elettorale e lo vedevano come un marziano. La sua nota così vistosamente stonata, così fuori luogo e fuori tempo, ha acquisito perlomeno la nobiltà della sconfitta e il valore di una testimonianza decisamente fuori moda.

Ancor peggio, sfidando la parodia, ha fatto Marco Rizzo, esponente dell’ultimo comunismo, che ha marciato su Mosca in una replica virtuale dell’assalto al Palazzo d’Inverno per onorare la memoria della rivoluzione russa.

C’è qualcosa di grottesco, di patetico ma anche di rispettabile in questi ultimi “conati sovietici” in pieno nichilismo globale. Anche se è l’esatta applicazione di una celebre massima di Marx secondo cui la storia si presenta la prima volta come tragedia e poi si ripete come farsa.

Ma come ricordare oggi il comunismo, a cent’anni dalla nascita e dopo il suo tramonto, più qualche grosso residuo come il comunismo tecno-capitalista in versione cinese? A parte la tragica contabilità delle vittime, qual è il suo bilancio storico?

Quando il comunismo va al potere e in ogni parte del mondo fallisce, si fa apparato poliziesco e regime repressivo, ovunque genera vittime e profughi: questo vuol dire che il difetto non è nelle singole realizzazioni o nei singoli artefici ma è proprio nell’essenza stessa del comunismo.

Qual è allora il vizio d’origine del comunismo che lo ha destinato a produrre ovunque catastrofi e atroci fallimenti? È la pretesa di cambiare la natura umana, il mondo, l’umanità, di sacrificare l’uomo reale all’uomo futuro che non verrà. È la contrapposizione radicale tra la società imperfetta ma reale in cui viviamo e la società perfetta dell’utopia comunista. È l’abolizione del mondo reale per far posto al mondo migliore e venturo.

Finita l’utopia e l’attesa messianica della rivoluzione salvifica, è rimasta un’eredità del comunismo: la pretesa di correggere l’umanità si è fatta politicamente corretto.

Dal PC al PC, dal partito comunista al politically correct. Quello è il viaggio di ritorno del comunismo, a cui ho dedicato un’ampia parte del mio libro Tramonti, uscito il mese scorso.

Dopo il comunismo, è venuto fuori questo canone ideologico ed etico, questo codice progressista dell’ipocrisia che risponde a una nuova lotta di classe dal sapore razzista: noi siamo i custodi, missionari e portatori del Politicamente corretto e chi non si conforma è fuori dalla modernità e dalla democrazia, dal progresso e dal consesso civile, merita disprezzo ed esclusione.

Chi non fa parte della razza illuminata del nuovo PC merita l’infamia, va cancellato o demonizzato, e se va al potere, anche democraticamente, va processato e poi scacciato.

Questa è l’eredità primaria del comunismo, della lotta di classe, della guerra finale tra il mondo migliore e il mondo reale.

Nel politicamente corretto spicca il tema dell’accoglienza. Il nuovo proletariato sono i migranti, accoglierli è la missione del comunismo prossimo venturo. O, se preferite, del catto-comunismo.

Bisogna abbattere ogni frontiera, espiantare ogni legame territoriale, non porre limiti a nessun diritto, come a nessun desiderio. È il diritto di avere diritti, separato da ogni dovere. Il rigurgito dell’utopia calpesta la realtà, la natura, i legami comunitari, l’appartenenza a una civiltà, a una nazione, a una città.

Il comunismo è morto ma le sue eredità sono molto pesanti.

Ma dove confluiscono oggi le speranze del comunismo, i miti di Gramsci, Berlinguer e Che Guevara? Convergono sulla figura di Papa Bergoglio, visto come una specie di misericordioso vendicatore del comunismo, di don Milani giunto al pontificato, di paladino dei migranti, dei poveri e come demitizzatore, se non demolitore della tradizione cattolica. Lui visto come l’antiTrump, l’anti-Curia, lui, leader delle Ong.

Su Bergoglio converge la simpatia sia dei fautori del Politically correct che i reduci del comunismo, sia gli Eugenio Scalfari che i Bertinotti. Atei sì ma papisti… I sorprendenti voltafaccia della storia.

MV, 8 novembre 2017

Ti potrebbero interessare

Marx ha vinto e abita da noi La sinistra muore in Occidente ma si rivede in giro il Nonno da ragazzo. Con un mese d'anticipo sul bicentenario della nascita è uscito in Italia un film dedicato al giovane Karl M...
La verità politica sul caso Moro Ma cosa è stato Aldo Moro nella storia d'Italia? A quarant'anni da quel terribile 16 marzo proviamo a dirlo in breve, in quattro punti, uscendo dalle stucchevoli e rituali celebraz...
Le foibe, il ricordo e l’oblio “Non riusciremo mai a considerare aventi diritto ad asilo coloro che si sono riversati nelle nostre grandi città... Non meritano davvero la nostra solidarietà né hanno diritto a ru...
Condividi questo articolo
  • 2.5K
  •  
  •  

Tags: , ,



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

  • Twitter

  • Canale Youtube