Fraticelli d’Italia torniamo a San Francesco

Ai miei tempi il 4 ottobre era festa a scuola e in giro. Non facevi in tempo a tornare a scuola il 1° ottobre che il terzo giorno San Francesco ti resuscitava dai banchi e ti restituiva agli ultimi bagliori di settembre.

Era la vera festa nazionale condivisa perché San Francesco è l’unico italiano che mette d’accordo tutti, credenti e laici.

Piace ai cattolici, naturalmente, perché è santo, converte alla santità e alla carità, è cristianissimo, ha pure le stimmate. Non dispiace ai filo-islamici perché dialogava col sultano e i seguaci di Allah al tempo delle Crociate.

Piace ai comunisti, socialisti e loro derivati perché è coi poveri e i bisognosi ma il suo è l’unico comunismo che ammiriamo tutti, perché è volontario e personale, scontato sulla propria pelle e non imposto con la violenza da una dittatura.

Piace ai mistici e ai credenti perché la sua scelta di povertà non nasce da pauperismo ideologico o da rivolta sociale ma è una rinuncia ai beni del mondo, spogliarsi di tutto per entrare nudi e puri nel regno dei cieli al cospetto di Dio.

Piaceva ai fascisti e ai nazionalisti perché è il Santo Patrono d’Italia e Mussolini lo definì “il più italiano dei santi, il più santo degli italiani”, esaltando in lui lo spirito di rinuncia e dedizione, fino a diventare un modello di sacrificio per l’Autarchia.

Piace ai laici perché era in conflitto col potere clericale e fu a suo modo un obiettore di coscienza; piace ai pacifisti anche non credenti, che non a caso marciano su Assisi, da Aldo Capitini in poi e piace a tutti i dialoganti con altre fedi.

Piace alle femministe perché aveva un rapporto paritario nella santità con Chiara. Piace agli ambientalisti, ai salutisti e agli animalisti perché fu il primo a difendere la Natura, cantare il creato, amare l’acqua, la terra e parlava con gli animali secoli prima della Brambilla.

Piace ai critici del consumismo, è un esempio vivente di decrescita felice. È il perfetto testimonial per i sacrifici imposti dalle crisi, modello di lieta austerity con lo spirito del giullare di Dio.

E mette d’accordo tutti perché non è padano, non è terrone, non è romano, ma cammina per tutta l’Italia, a nord e a sud.

È il precursore di tutti i ribelli e i viandanti, andò on the road prima di Kerouac e dei vagabondi del Dharma; è un irrequieto alla Chatwin, è il Siddharta nostrano e cristiano, senza rifarsi a Buddha e a Hermann Hesse. Unisce fedi, culture, generazioni, pensieri opposti, cammini divergenti.

Francesco fu forse il primo poeta italiano, e il suo Cantico, il suo Laudato sì mio Signore, è una gioiosa accettazione della vita, del creato e pure della morte – sora nostra Morte corporale; è la versione cristiana dell’Amor fati.

Celebrò in semplicità e in povertà le nozze tra il naturale e il soprannaturale.

Chesterton, nel libro che gli dedicò, definì Francesco un innamorato di Dio e degli uomini, ma non era un filantropo. Perché l’amore per gli uomini era in lui il riflesso dell’amore per Dio e si estendeva alle altre creature. Non a caso un gesuita astuto e piacione come Bergoglio ha scelto il suo nome come Papa. E fu subito successo, prima ancora di farsi conoscere.

Allora, Fraticelli d’Italia, perché non ripartire da San Francesco? Il Santo di Assisi ci unisce, il Papa omonimo ci divide.

MV, Il Tempo 4 ottobre 2017

Ti potrebbero interessare

Seppellitemi in camicia nera Lettera aperta ad Andrea Cangini, direttore di Qn, in memoria di suo padre Franco, grande firma del giornalismo, che ha voluto essere sepolto indossando la camicia nera Caro And...
La marcia da Roma Val la pena continuare a vivere a Roma? Me lo chiedo sempre più spesso, quasi ogni giorno, navigando tra il degrado, le sporcizie, il caos e i disservizi. Avverto come tanti una...
Distruzioni per il voto Vedo l'aula sorda e grigia che vota con sordido grigiore una legge bruttarella, detta Rosatellum, che risponde a una sola logica, che è poi quella che prevale da anni: essere utile...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Il Principe Lillio Sforza Ruspoli presenta il suo ultimo libro. Interverranno Marcello Veneziani, Giuseppe Sanzotta e Carla Pilolli ... EspandiRiduci

    Presentazione del libro “Vite da Leoni”

    ottobre 19, 2017, 5:30pm - ottobre 19, 2017, 7:00pm

    Il Principe Lillio Sforza Ruspoli presenta il suo ultimo libro. Interverranno Marcello Veneziani, Giuseppe Sanzotta e Carla Pilolli

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube