L’eterno comunismo

Neanche il più ottuso e fanatico dei neofascisti si è mai spinto a parlare del fascismo eterno. Lo ha fatto invece il più acuto e fanatico degli antifascisti perenni, Umberto Eco. Che vent’anni fa, di fronte alla solita menata del fascismo tornante (che tornava dunque venti, trenta, quarant’anni, cinquant’anni fa, e venti, trenta, quaranta, cinquanta giorni fa) scrisse un testo sull’Ur-fascismo che la Sgarbi rilancia ancora una volta, sperando di sfruttare la sindrome antifascista, altrimenti nota come boldrinite o fianorragia.

Visto che la storia e la cultura qui non c’entrano, ma solo la psicosi, la paranoia e la loro speculazione, ci siamo divertiti ad applicare il discorso di Eco al comunismo. Echeggiando il suo testo, non fa una grinza in versione ur-comunismo. Ossia il comunismo è eterno, non è finito col Muro di Berlino, con la caduta dell’Urss o con la mutazione del Pci in Pd, ma è vivo e lotta insieme a noi.

Il proletario si chiama oggi migrante, la rivoluzione si denomina accoglienza, le classi da riscattare sono oggi le femministe, i neri, gli omosessuali e i rom. E chi non la pensa come noi, ur-comunisti, va bandito dalla società civile, va criminalizzato ed eliminato da tutti i consessi e insieme a loro tutti quelli che fanno il gioco delle forze reazionarie in agguato.

Il comunismo è dunque ancora vivo e attuale, lotta sotto falso nome e sotto falso colore: non veste più in rosso ma in arcobaleno o in rosa schocking.

Come Eco giustamente osservava in quel suo scritto a proposito del fascismo, il comunismo trans ha inventato la sua neolingua, che è universalmente nota come il politically correct, in cui le verità vengono distorte, sottoposte a censura, fino a essere capovolte: tutto ciò che è reale e naturale appare meritevole di cancellazione e di rovesciamento, fedeli all’essenza del comunismo che è abolizione della realtà, o come scrivevano Marx ed Engels, dello “stato di cose presenti”.

Per difendersi dall’ur-comunismo è necessario invece conservare la memoria storica, come ci ricorda Eco a proposito del fascismo, di quel che è stato il comunismo che è il regime che ha mietuto più vittime tra più popoli, in più continenti e in un periodo storico molto lungo.

Il comunismo al potere ha poi un record unico nel suo genere: ha ucciso più comunisti di ogni altro regime. A differenza di tutte le altre dittature del novecento, fascismo e nazismo inclusi, il comunismo al potere ha sterminato i suoi stessi popoli e lo ha fatto in tempo di pace, senza bisogno di inventarsi guerre e razze.

Perciò è giusto il motto di Roosevelt, “Non dimenticate!” e come l’Eco-fascismo anche l’Ur-comunismo va ricordato infine con una poesia di un ex-comunista, Octavio Paz: “Il bene, volevamo il bene/raddrizzare il mondo./Non ci mancò la fermezza:/ci mancò l’umiltà./Quello che volevamo non lo volevamo con innocenza./Precetti e concetti,/superbia da teologi:/battere la croce,/fondare con il sangue,/edificare la casa con i mattoni del crimine,/decretare la comunione obbligatoria./Alcuni divennero segretari dei segretari/del Segretario Generale dell’Inferno./ La rabbia s’è fatta filosofia, /la sua bava ha coperto il pianeta./La ragione discesa sulla terra/ha preso la forma del patibolo/e in milioni l’adorano”.

Dedicato alla memoria di Eco, ai venditori squallidi dei suoi libretti più infelici e ai suoi amplificatori mediatici ancora attivi. Il comunismo non passerà, Eco invece sì.

P.s. Chi vuole approfondire l’Eco ideologo dell’antifascismo eterno e del comunismo postumo legga il ritratto che gli dedico in Imperdonabili (Marsilio ed.).

MV, Il Tempo 12 gennaio 2018

Ti potrebbero interessare

Jan Palach, la fiamma della libertà C'era un ragazzo che come me amava la patria e la libertà. Viveva a Praga, aveva vent'anni, e fu l’unico sessantottino che pagò la Contestazione con la vita. Il 16 gennaio del '...
Chi si ribellò al ’68 (II puntata) Si sprecano le storie e le mitologie del '68 ma chi racconta il mondo che si oppose all'onda sessantottarda? Davanti alla Contestazione, i moderati, molti democristiani e laici, pr...
Il ’68, quell’anno che pesa ancora (I puntata) Bilancio ed eredità del Sessantotto: viaggio in 4 puntate Cinquant'anni fa, di questi tempi, prendeva corpo e aria la Contestazione globale, che poi diventò più semplicemente il...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  

Tags: ,



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Animali estinti: il Politologo

    Come li compatisco, i politologi. Un tempo fiorivano, sui rami dei giornali erano appesi a grappoli, brillavano giulivi nei cieli della politica, per dirla in gergo mentanese.

    Il politologo era un incrocio tra l'ostetrico, l'esorcista e il veterinario dei politici. Adesso prova a dare del politologo a qualcuno, rischi la querela. I politologi sono animali estinti o quiescenti e i superstiti sono tornati al mestiere d'origine: si fanno chiamare storici, economisti, sociologi, scienziati, perfino giornalisti.

    A me politologo? Dillo a tua sorella. Perché è scomparsa la materia prima, la politica, o è irriconoscibile alle loro analisi, sono saltati i partiti e i sistemi, i paradigmi e le ideologie. E i politologi, come i venditori di mangiadischi, sono fuori mercato.

    Da noi la politica è riassunta nella formula 4.0 – quattro leader animatori e poi zero – si risolve nelle loro personalità e nel sedare gli insubordinati delle rispettive tribù monoteiste. Sicché il politologo si è atrofizzato, prima gli si sono paralizzati gli arti, destro e sinistro, poi è stecchito. Non è colpa sua.

    Anch'io un tempo ero tacciato di essere politologo, poi mi curai, riuscii a smettere. Ora scrivo su tre toni, il comico, per cogliere il lato ridicolo e grottesco della politica e non solo; il nostalgico, per nutrire il sentimento della vita e il pensieroso, per cercare il pensiero dopo la morte della filosofia. Il politologo oggi è un monologante. O un politico virtuale o mancato. O peggio, è un guardone incline alla coprofilia. Scomparso dai media il Politologo lo trovate nei parchi jurassici, tra il mammut e il tirannosauro.
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube