Mummiarella show

Era una voce che da anni saliva dall’Italia, dai media, dalle istituzioni, dalle imprese e dai sindacati, da donne, vecchi e bambini: M-a-t-t-a-r-e-l-l-a.

Si sentiva bisogno di lui, tutti reputavano che i decenni in cui Sergio Mattarella era stato coricato nell’oblio, nelle terze file e nel frigorifero, fossero stati una grande perdita per il Paese o una grande astuzia per tirarlo fuori all’occorrenza, come la risorsa segreta della Repubblica.

E quando fu eletto tre anni o tre millenni fa – non ricordo –  tutti a dire quanto è bravo, santo, eroico Nuvola Bianca, è lui l’uomo necessario all’Italia. Ma in tutti gli anni precedenti non ve ne eravate mai accorti, non avendo mai pensato a lui a proposito di niente?

Continuo a non capire per quale sragione il Capo dello Stato non debba essere una figura di primo piano, un leader di statura internazionale, di grande prestigio o di grande popolarità, che ha inciso nella storia del paese. Per carità, Mattarella è una persona ammodo.

Ma è forse il garbo il criterio per scegliere il capo di qualunque impresa, pubblica o privata? Figuratevi il Capo dello Stato. Renzi tornò alla prima repubblica nella scelta del nome, della sua biografia e dei suoi requisiti, alla canuta Dc della partitocrazia old style.

In più ha aggiunto un requisito: lo voglio morbido, taciturno, insignificante e invisibile, perché la star sono solo io. Così, alla chetichella, spuntò una figura mosciarella. E Matteo partorì Mattarella.

Penso ogni anno con preoccupazione al suo messaggio di fine anno, quando si paleserà in tutto lo splendore del suo sarcofago. Saranno in pochi coloro che dopo aver sentito il narco-messaggio del presidente resisteranno svegli fino alla mezzanotte…

Quando parla, Mummiarella compila moduli prestampati di risapute ovvietà, produce l’effetto tavor, addormenta la popolazione. È l’oppio dei popoli.

Ho solo una flebile speranza: che stavolta nel messaggio di fine anno, Mattarella ci stupisca, ci spiazzi e ci faccia capire che è pure il nostro presidente. Ma è uno di quei miracoli…come dare la parola ai muti e togliere la parola ai renzi.

MV

Ti potrebbero interessare

Fico della Mirandola Magari sarà un buon presidente. Magari è un bravo ragazzo. Però uno come Roberto Fico presidente della Camera parte coi peggiori requisiti. Culturali, professionali, politici, ideo...
Italia senza padri Mai come quest'anno la festa del papà è una festa contro ignoti. Da tempo, diciamo almeno dal '68, celebriamo i parricidi rituali e simbolici. Da tempo, i padri sono ridotti a bign...
Una sola via d’uscita Non se ne ricorderà nessuno ma oggi è il compleanno dell'Italia unita. Lo Stato compie oggi 157 anni; è dunque uno Stato di avanzata putrefazione. Nel dubbio se fare gli auguri o l...
Condividi questo articolo
  • 1.2K
  •  
  •  

Tags:



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    L’anticipazione di “68 TESI CONTRO IL ‘68”

    I. NON-EVENTO
    Nel '68 cambiò tutto ma non successe nulla. Non c'è un evento cruciale, storico, simbolico che abbia caratterizzato il 1968. Nessuna presa della Bastiglia, nessun assalto al Palazzo d'Inverno, nessuna decapitazione di sovrani e nessun avvento al potere. Non accadde nessuna rivoluzione e nemmeno un'insurrezione con vincitori e vinti, vittime e prigionieri. Non ci fu una guerra e nemmeno vere battaglie. Un anno povero di grandi eventi legati alla Contestazione ma pieno di parole, traboccante di slogan, di gesti simbolici, di sfilate, di proteste, di scontri, ma senza bilanci storici. Verboso, parolaio; interminabili e scontrose assemblee. Pochi fatti, tanta Chiacchiera. Il '68 non è un avvenimento storico ma un clima, un humus, forse un virus, una nube tossica o un gas esilarante, insomma un'ineffabile atmosfera che permeò un'epoca tutt'ora vigente e ne dettò le tendenze. Fuochi fatui per un incendio globale.

    (MV, “68 TESI CONTRO IL 68” (PP.120, 7 EURO) IN VENDITA DA MARTEDI' PROSSIMO NELLE EDICOLE CON “IL GIORNALE”
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    [I tweet di MV]
    È penoso, ma ci tocca difendere il governo-feto dei grillo-leghisti dall’aborto forzoso imposto dalla dittatura eurotedesca e dai domestici nostrani. I tiranni di fuori e i servi di dentro.
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook

    Da martedì in edicola in allegato a “Il Giornale”
    “‘68 tesi contro il ‘68”, un pamphlet su un anno che dura da un’eternità (120 pp, 7 euro)
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube