Mummiarella show

Era una voce che da anni saliva dall’Italia, dai media, dalle istituzioni, dalle imprese e dai sindacati, da donne, vecchi e bambini: M-a-t-t-a-r-e-l-l-a.

Si sentiva bisogno di lui, tutti reputavano che i decenni in cui Sergio Mattarella era stato coricato nell’oblio, nelle terze file e nel frigorifero, fossero stati una grande perdita per il Paese o una grande astuzia per tirarlo fuori all’occorrenza, come la risorsa segreta della Repubblica.

E quando fu eletto tre anni o tre millenni fa – non ricordo –  tutti a dire quanto è bravo, santo, eroico Nuvola Bianca, è lui l’uomo necessario all’Italia. Ma in tutti gli anni precedenti non ve ne eravate mai accorti, non avendo mai pensato a lui a proposito di niente?

Continuo a non capire per quale sragione il Capo dello Stato non debba essere una figura di primo piano, un leader di statura internazionale, di grande prestigio o di grande popolarità, che ha inciso nella storia del paese. Per carità, Mattarella è una persona ammodo.

Ma è forse il garbo il criterio per scegliere il capo di qualunque impresa, pubblica o privata? Figuratevi il Capo dello Stato. Renzi tornò alla prima repubblica nella scelta del nome, della sua biografia e dei suoi requisiti, alla canuta Dc della partitocrazia old style.

In più ha aggiunto un requisito: lo voglio morbido, taciturno, insignificante e invisibile, perché la star sono solo io. Così, alla chetichella, spuntò una figura mosciarella. E Matteo partorì Mattarella.

Penso ogni anno con preoccupazione al suo messaggio di fine anno, quando si paleserà in tutto lo splendore del suo sarcofago. Saranno in pochi coloro che dopo aver sentito il narco-messaggio del presidente resisteranno svegli fino alla mezzanotte…

Quando parla, Mummiarella compila moduli prestampati di risapute ovvietà, produce l’effetto tavor, addormenta la popolazione. È l’oppio dei popoli.

Ho solo una flebile speranza: che stavolta nel messaggio di fine anno, Mattarella ci stupisca, ci spiazzi e ci faccia capire che è pure il nostro presidente. Ma è uno di quei miracoli…come dare la parola ai muti e togliere la parola ai renzi.

MV

Ti potrebbero interessare

Che la mattanza cominci Odore di urne, odore di giostra e di mattanza. Per due mesi filati. Passo tra i Palazzi della politica, dopo lo scioglimento delle Camere e mi sembra di passare tra i banconi della...
Anno zero Ieri il nostro Millennio è diventato maggiorenne. Ha compiuto 18 anni e può dunque votare, patentarsi, è l'anno zero della vita adulta. Degli anni precedenti eredita il disagio. ...
Mussolini, il personaggio dell’anno Il personaggio del corrente e morente anno 2017 è pelato, mascella volitiva, nascita romagnola, coniugato con svariati figli e qualche amante, professione giornalista, vocazione di...
Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  

Tags:



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

    Animali estinti: il Politologo

    Come li compatisco, i politologi. Un tempo fiorivano, sui rami dei giornali erano appesi a grappoli, brillavano giulivi nei cieli della politica, per dirla in gergo mentanese.

    Il politologo era un incrocio tra l'ostetrico, l'esorcista e il veterinario dei politici. Adesso prova a dare del politologo a qualcuno, rischi la querela. I politologi sono animali estinti o quiescenti e i superstiti sono tornati al mestiere d'origine: si fanno chiamare storici, economisti, sociologi, scienziati, perfino giornalisti.

    A me politologo? Dillo a tua sorella. Perché è scomparsa la materia prima, la politica, o è irriconoscibile alle loro analisi, sono saltati i partiti e i sistemi, i paradigmi e le ideologie. E i politologi, come i venditori di mangiadischi, sono fuori mercato.

    Da noi la politica è riassunta nella formula 4.0 – quattro leader animatori e poi zero – si risolve nelle loro personalità e nel sedare gli insubordinati delle rispettive tribù monoteiste. Sicché il politologo si è atrofizzato, prima gli si sono paralizzati gli arti, destro e sinistro, poi è stecchito. Non è colpa sua.

    Anch'io un tempo ero tacciato di essere politologo, poi mi curai, riuscii a smettere. Ora scrivo su tre toni, il comico, per cogliere il lato ridicolo e grottesco della politica e non solo; il nostalgico, per nutrire il sentimento della vita e il pensieroso, per cercare il pensiero dopo la morte della filosofia. Il politologo oggi è un monologante. O un politico virtuale o mancato. O peggio, è un guardone incline alla coprofilia. Scomparso dai media il Politologo lo trovate nei parchi jurassici, tra il mammut e il tirannosauro.
    ... EspandiRiduci

    Leggi su Facebook
  • Twitter

  • Canale Youtube