Dieci pensieri per Leo

1) Da 64 anni Leo Longanesi è morto. Ma i colleghi a lui sopravvissuti erano morti più di lui.

2) Longanesi fu mezzo conservatore, mezzo anarchico, ma soprattutto mezzo. Anche del Novecento visse mezzo secolo d’Italia.

3) Longanesi fu breve, nel parlare, nello scrivere, nella statura e nella vita. Ma per lui non vale “mens nana in corpore nano”: fu acuto come gli angoli più corti. E spigoloso.

4) In piedi e seduti. Il miracolo fotogenico di Longanesi: in posa tra i longilinei Malaparte e Montanelli riusciva a stare in piedi sembrando di star seduto come loro.

5) Longanesi fondò L’Italiano presentandolo come “settimanale della gente fascista”. Ma non fu settimanale perché diventò presto mensile; non fu della gente perché fu solo per pochi, singoli lettori; e non fu poi fascista, perché allevò spiriti critici e frondisti.

6) Longanesi fu fascista ironico e all’antica. Ai dissidenti avrebbe dato rosolio di ricino.

7) Mussolini secondo Longanesi fu l’amante e non lo sposo dell’Italia; da qui la passione che suscitò in vita e l’odio bestiale in morte. Dopo, l’Italia ebbe amanti lontani, russi o americani; zie, precettori e governanti, ma non si è più maritata.

8) Col suffragio libero e universale gli italiani votarono in maggioranza partiti non liberali, divisi tra nostalgici del Papa Re, del Re e del Duce, e fautori del comunismo, socialismo e dittatura del proletariato. Usarono la libertà per invocare l’autorità.

9) Longanesi non separò mai la borghesia dal suo habitat nazionale e naturale. Sognò una borghesia cattolica, solare, mediterranea, allegra e tradizionalista. Ma il sognò annegò tra filistei, mariuoli e finti americani.

10) Il conformista fustigato da Longanesi oscilla tra furbizia e imbecillità. Quando prevale la prima è col potere, quando prevale la seconda viaggia con un regime di ritardo.

MV

Condividi questo articolo

  • Facebook

  • Instagram

  • Twitter

  • Canale Youtube

    Canale Youtube
  • L'ultimo libro di Marcello Veneziani

    Marcello Veneziani

    Giornalista, scrittore, filosofo

    Marcello Veneziani è nato a Bisceglie e vive tra Roma e Talamone. E’ autore di vari saggi di filosofia, letteratura e cultura politica. Tra questi, Amor fati e Anima e corpo, Ritorno a Sud, I Vinti, Vivere non basta e Dio Patria e famiglia (editi da Mondadori), Comunitari o Liberal e Di Padre in Figlio- Elogio della Tradizione (Laterza); poi Lettera agli italiani, Alla luce del mito, Imperdonabili, Nostalgia degli dei, La Leggenda di Fiore, La Cappa e l’ultimo suo saggio Scontenti (Marsilio).
    Ha dedicato libri alla Rivoluzione conservatrice e alla cultura della destra, a Dante e Gentile. Ha diretto e fondato riviste settimanali, ha scritto per vari quotidiani, attualmente è editorialista de La Verità e di Panorama.

    Leggi la biografia completa

Le foto presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a segreteria.veneziani@gmail.com e si provvederà alla rimozione.

© 2023 - Marcello Veneziani Privacy Policy