Il viaggio negli astri ci avvicina a casa (Corriere della Sera, 13/06/2015)

Il viaggio negli astri ci avvicina a casa (Corriere della Sera, 13/06/2015)

Caro Direttore,

A vederla da lontano, l’Italia è una serpentina illuminata che contorna zone tenebrose come una sagoma brunita con bordi d’oro lucente. A vederla dallo spazio la penisola sembra quasi un corpo umano, forse l’unico paese che abbia le fattezze di una persona. L’ultima visione dell’Italia, bella anche nella lontananza, ci è stata consegnata da Samantha Cristoforetti nella sua missione spaziale appena conclusa. Tanti nella sua impresa hanno esaltato, non a torto, le conquiste della scienza e della tecnologia, il passo avanti planetario oltre la globalizzazione, e hanno sottolineato che sia stata una donna a compierlo, quasi una rappresentazione cosmica dell’emancipazione femminile dall’ambito domestico in cui era stata relegata per secoli.

Lasciate che io mi soffermi invece su alcuni dettagli trascurati. Quali sono i segni distintivi che Samantha si è portata nel cosmo e che abbiamo visto occhieggiare sullo sfondo dei suoi collegamenti dallo spazio? Una bandiera tricolore e l’immagine della Madonna di Loreto, protettrice degli Aviatori. Erano gli unici segni distintivi nell’asettico habitat dell’astronave. E poi la foto della penisola dallo spazio, come un poster riassuntivo di un paese animato, l’ecografia di una nazione, dove la storia si annuncia tramite la geografia. A vederla dall’astronave era come spiare la propria casa da lontano, vederla brillare negli affetti e adombrarsi nelle sue profondità domestiche. E andando a ritroso nei duecento giorni vissuti nello spazio, la sua prima telefonata dallo spazio con la madre, intensa e vera… Quando siamo ridotti in condizioni di assoluta lontananza e solitudine, avvertiamo il bisogno di ricorrere ai simboli e all’esperienze salienti della nostra vita: e quei segni di vita e di identità si legano inevitabilmente agli affetti famigliari, ai simboli e alle visioni di una casa e di una patria, alle icone di un comune sentire religioso. Sono quelle le uniche luci che si scorgono da lontano. Quegli stessi segni che qui sulla terra, in Italia, nella vita di ogni giorno, ci pesano come macigni obsoleti, palle al piede, ingombri molesti o residui spenti di appartenenze e devozioni antiche, perdono gravità nello spazio, acquistano un’affabile leggerezza, si fanno eterei e vivi. Diventano fili d’Arianna per non perderci e per ritrovare la strada di casa, come le molliche di Pollicino sparse lungo la via, promesse di ritorno…

A viverla ogni giorno, l’Italia è difficile, a volte impossibile, ma nella siderale lontananza dello spazio la senti come la casa comune, la sagoma famigliare, il luogo a cui tornare.

La stessa cosa accadde con l’impresa spaziale di Luca Parmitano in una missione europea chiamata arcitalianamente Volare. Anche lui trascorse sei mesi nel blu dipinto di blu e poi atterrò nella steppa del Kazakistan. E scrisse sul suo blog note liriche e nostalgiche; come Ulisse verso Itaca, pregustava il ritorno. Non so quale sia stato il bilancio tecno-scientifico della sua missione, ma credo che sia da considerare anche l’esito di natura spirituale. Parmitano scoprì che viaggiando nello spazio, l’uomo sente come suo impulso principale, insopprimibile, la voglia di tornare a casa, la nostalgia della Terra madre e patria. L’ulteriore scoperta venuta dalla sua missione, in parole e foto, fu poetica ed estetica: la bellezza delle immagini e la commozione che le accompagnava mostrarono che la molla principale dell’uomo non è l’utile ma l’inutile, il desiderio religioso e poetico di stupirsi, “per seguir virtute e canoscenza”. La parola stessa desiderio deriva dalle stelle (de-sidera), ha natura astrale, come un richiamo celeste. Del resto, il primo italiano a esplorare spiritualmente l’infinito fu Giacomo Leopardi, astronauta di poesia, imbarcato da ragazzo sulla sua navicella di versi. Ora Samantha Cristoforetti ci mostra che oltre la globalizzazione, negli spazi siderali e tra le galassie, la rotta è sempre sulla via del ritorno. Come scriveva Novalis in Enrico di Ofterdingen: “Dove stiamo andando? Sempre verso casa”.

Condividi questo articolo

  • Facebook

  • Instagram

  • Twitter

  • Canale Youtube

    Canale Youtube
  • L'ultimo libro di Marcello Veneziani

    Marcello Veneziani

    Giornalista, scrittore, filosofo

    Marcello Veneziani è nato a Bisceglie e vive tra Roma e Talamone. E’ autore di vari saggi di filosofia, letteratura e cultura politica. Tra questi, Amor fati e Anima e corpo, Ritorno a Sud, I Vinti, Vivere non basta e Dio Patria e famiglia (editi da Mondadori), Comunitari o Liberal e Di Padre in Figlio- Elogio della Tradizione (Laterza); poi Lettera agli italiani, Alla luce del mito, Imperdonabili, Nostalgia degli dei, La Leggenda di Fiore, La Cappa e l’ultimo suo saggio Scontenti (Marsilio).
    Ha dedicato libri alla Rivoluzione conservatrice e alla cultura della destra, a Dante e Gentile. Ha diretto e fondato riviste settimanali, ha scritto per vari quotidiani, attualmente è editorialista de La Verità e di Panorama.

    Leggi la biografia completa

Le foto presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a segreteria.veneziani@gmail.com e si provvederà alla rimozione.

© 2023 - Marcello Veneziani Privacy Policy