Sarve, so’ er fijo daa Meloni Adesso parlo io

Sarve, so’ er fijo daa Meloni Adesso parlo io (Il Tempo, 17/03/2016)

Sarve, so’ er fiio daa Meloni, ma la volete finì co’ sto casino? Nun avete mai visto nasce na’ creatura, che ve state tutti ad agità? Non so’ affari de stato, non so affari vosti; so’ affari nosti. E dico affari perché so’ ‘na creatura. Ma de che v’empicciate? Nun so’ fiio de du’omini, nun abbito ne l’utero in affitto (ma l’inquilino der pancione paga pure lui la piggione o è come ar’ comune de Roma?), non m’hanno fatto pe’ corispondenza. Non so’ fiio artificiale ma artiggianale, fatto a casa. Nun me pagheno pe’ nasce, famo alla romana. Semo Meloni ma nun ce compri dar fruttarolo. Berluscone, che ‘na vorta ie piaceveno ‘e regazzine, mo’ che è veggettariano e ama li cani, se preoccupa de tenemme a casa co’ mamma. Pure quer coso d’a protezzione civile dice che devo sta’ a casa co’ mamma. Ma perchè nun ve fate li beati stracavoli vosti? E se a me me piace sta’ in piazza, in mezzo a tanta ggente, e se a me me piace famme vedè a mezzo monno, pure se dentro a ‘sto impermeabbile che chiameno placenta? E se ogni tanto se collegheno co’ l’ecografia, se me fanno parlà dar citofono de la cabbina, che me sembra un seggio pe’ votà, ie faccio sentì io come la penso davero. E se annamo ar Campidoio ciò pure ‘na lupa che me dà er latte bbono. A dì la verità ci hò ‘na preoccupazzione che me rode er chiccherone. Me sento come se ce fosse n’artro inquilino in questo monolocale de mamma Giorgia. Lo sento come scalcià e lagnasse. Vuoi vedè che se chiama Remo, ed io so’ Romolo? Sarà ‘n impressione, ma sento dar citofono de mamma tanta ggente che ogni volta che ce vede, dice «Fratelli d’Italia». Che vor dì? Se sa già in giro che semo du’ gemelli e che se dovemo menà pe’ avè raggione? Nun basta a scannasse pe’ a Roma e a Lazio, nun basta avè du papi, nun basta er ballottaggio coll’artri candidati, dovemo litigà pure a casa nostra? Se vedemo.

Condividi questo articolo

  • Facebook

  • Instagram

  • Twitter

  • Canale Youtube

    Canale Youtube
  • L'ultimo libro di Marcello Veneziani

    Marcello Veneziani

    Giornalista, scrittore, filosofo

    Marcello Veneziani è nato a Bisceglie e vive tra Roma e Talamone. E’ autore di vari saggi di filosofia, letteratura e cultura politica. Tra questi, Amor fati e Anima e corpo, Ritorno a Sud, I Vinti, Vivere non basta e Dio Patria e famiglia (editi da Mondadori), Comunitari o Liberal e Di Padre in Figlio- Elogio della Tradizione (Laterza); poi Lettera agli italiani, Alla luce del mito, Imperdonabili, Nostalgia degli dei, La Leggenda di Fiore, La Cappa e l’ultimo suo saggio Scontenti (Marsilio).
    Ha dedicato libri alla Rivoluzione conservatrice e alla cultura della destra, a Dante e Gentile. Ha diretto e fondato riviste settimanali, ha scritto per vari quotidiani, attualmente è editorialista de La Verità e di Panorama.

    Leggi la biografia completa

Le foto presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a segreteria.veneziani@gmail.com e si provvederà alla rimozione.

© 2023 - Marcello Veneziani Privacy Policy