L’erba di casa mia

Ci mancava. Mancava anche a noi pugliesi che andammo via il millennio scorso, tanti decenni fa.  Era un grido di richiamo e ora torna in edicola dopo alcuni mesi, la Gazzetta del Mezzogiorno.

La Gazzetta è l’erba di casa mia. È tra le dieci cose che servono per dire Puglia, per spiegare cos’è quella regione lunga e trina, lunga come un balcone sul mare, penisola di una penisola, di cui siamo figli e figliastri. Ci sono piatti, luoghi, dicerie che fanno la Puglia, ma a incartarle è stata lei, per più generazioni. Senza nulla togliere agli altri giornali. La Gazzetta fu per anni il giornale di casa mia, di casa nostra, dei nostri bar e dei nostri circoli, il diario collettivo, anzi l’autobiografia di una comunità nel corso dei giorni. Un luogo che guarda un tempo, un tempo che parte e arriva a un luogo. Geornalismo, se permettete il neologismo. Per indicare un giornale, per dire in generale la stampa, da noi si diceva semplicemente la Gazzetta. Serviva a tutto, la Gazzetta: per sapere dei vivi e dei morti, per sapere i fatti della tua provincia, per sapere cosa fanno i nostri, da noi e nel mondo, per leggere e gustare la regione paese per paese, perfino per incartare il pesce e schiacciare le mosche col picchietto. Perché un giornale è lo specchio della vita in alto e in basso, sa essere “umile et utile”, per dirla col santo; e serve a tutto, a informarci, a ricordare, a capire, a metterselo sul petto, come si faceva una volta, per andare in bicicletta e non prendere vento.

La Gazzetta ci raccontava il mondo visto da qui e noi proiettati nel mondo; sulla Gazzetta leggemmo da piccoli e poi scrivemmo da grandi, da ospiti, con la direzione di Lino Patruno, di Peppino De Tommaso, ora di Oscar Iarussi.

Ritorna dopo una lunga attesa, mamma Gazzetta; quando le cose ci vengono a mancare più ne avvertiamo l’importanza. Non è possibile che città del nord, neanche metropoli, abbiano il loro quotidiano, e una regione grande, lunga e navigata, ormai celebrata non solo in Italia, con città grandi a partire da Bari, non debba più avere il suo giornale regionale, con affaccio nella sorella Basilicata. Una piccola tradizione, una fetta d’identità, un grumo di fatti, di genti, di voci e la Puglia ritrova il suo cuore di carta. Noi da lontano non la vedremo fisicamente ma in video; però conforta sapere che la vita alle volte ci dona i ritorni.

MV, La Gazzetta del Mezzogiorno (19 gennaio 2022)

 

Condividi questo articolo

  • Facebook

  • Instagram

  • Canale Youtube

    Canale Youtube
  • L'ultimo libro di Marcello Veneziani

    Marcello Veneziani

    Giornalista, scrittore, filosofo

    Marcello Veneziani è nato a Bisceglie e vive tra Roma e Talamone. E’ autore di vari saggi di filosofia, letteratura e cultura politica. Tra questi, Amor fati e Anima e corpo, Ritorno a Sud, I Vinti, Vivere non basta e Dio Patria e famiglia (editi da Mondadori), Comunitari o Liberal e Di Padre in Figlio- Elogio della Tradizione (Laterza); poi Lettera agli italiani, Alla luce del mito, Imperdonabili, Nostalgia degli dei, La Leggenda di Fiore, La Cappa e l’ultimo suo saggio Scontenti (Marsilio).
    Ha dedicato libri alla Rivoluzione conservatrice e alla cultura della destra, a Dante e Gentile. Ha diretto e fondato riviste settimanali, ha scritto per vari quotidiani, attualmente è editorialista de La Verità e di Panorama.

    Leggi la biografia completa

Le foto presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a segreteria.veneziani@gmail.com e si provvederà alla rimozione.

© 2023 - Marcello Veneziani Privacy Policy