Che brutta Fini

Tanto tuonò che piovve sulla testa di Gianfranco Fini un avviso di garanzia per la Tulliani story, da Montecarlo ai Caraibi. È indagato per riciclaggio ma lui, tanto per cambiare, è sereno. Atto dovuto, fiducia nella magistratura e menate rituali varie. Per rispondere con le stesse ovvietà, aspettiamo il corso delle indagini, non ci pronunciamo prima dei giudici.

La “coglioneria” che Fini aveva addotto per giustificare il suo ruolo nella vicenda potrà essere usata come attenuante sotto il profilo giudiziario; ma è un’aggravante sotto il profilo politico. Sotto i tuoi occhi di leader e di presidente della Camera accadono tutte queste cose che riguardano direttamente tua moglie e i suoi famigliari e ti coinvolgono perché nascono dal tuo ruolo politico e istituzionale; e tu non se ne accorgi, non dici nulla, non spezzi il circolo vizioso. E non solo.

Neghi sdegnato e giuri e spergiuri di non essere minimamente sfiorato da questa vicenda, assumi quel tono sprezzante, seccato e presuntuoso che abbiamo avuto modo di vedere anche qualche sera fa dalla Gruber, quando qualcuno osava appena alludere alla vicenda.

Per chi è di destra, e magari lo è da una vita, e ha pagato un prezzo personale e professionale perché di destra, questa vicenda è imperdonabile e ingiustificabile. E fa il paio col “tradimento” politico della destra ad opera di Fini, quando si fece adottare dai media e dalla sinistra per sfasciare il centro-destra e voltare le spalle ai suoi valori.

Lo scrivemmo allora e lo scriviamo oggi: non è aver “tradito” Berlusconi la cosa che ci indigna, rientra nel gioco politico e neanche il Cavaliere è uno stinco di santo, anzi.

Ma l’aver tradito il suo popolo, il suo movimento, la destra, questo si, fa rabbia. E aver lasciato rottami e rotture dietro di sé, un mondo in frantumi e in rissa permanente, è l’eredità che lascia alla destra. Aver rubato quei sogni ai ragazzi di ieri e dell’altro ieri è il furto più grave che Fini ha compiuto e per il quale il suo popolo l’ha già condannato.

Del resto se ne occuperanno i magistrati, ma ci interessa meno.

MV, Il Tempo 15 febbraio 2017

Condividi questo articolo

Tags:

  • Facebook

  • Instagram

  • Twitter

  • Canale Youtube

    Canale Youtube
  • L'ultimo libro di Marcello Veneziani

    Marcello Veneziani

    Giornalista, scrittore, filosofo

    Marcello Veneziani è nato a Bisceglie e vive tra Roma e Talamone. E’ autore di vari saggi di filosofia, letteratura e cultura politica. Tra questi, Amor fati e Anima e corpo, Ritorno a Sud, I Vinti, Vivere non basta e Dio Patria e famiglia (editi da Mondadori), Comunitari o Liberal e Di Padre in Figlio- Elogio della Tradizione (Laterza); poi Lettera agli italiani, Alla luce del mito, Imperdonabili, Nostalgia degli dei, La Leggenda di Fiore, La Cappa e l’ultimo suo saggio Scontenti (Marsilio).
    Ha dedicato libri alla Rivoluzione conservatrice e alla cultura della destra, a Dante e Gentile. Ha diretto e fondato riviste settimanali, ha scritto per vari quotidiani, attualmente è editorialista de La Verità e di Panorama.

    Leggi la biografia completa

Le foto presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a segreteria.veneziani@gmail.com e si provvederà alla rimozione.

© 2023 - Marcello Veneziani Privacy Policy