Tra i due litiganti la terza gode?

La gara tra Berlusconi e Salvini per la guida del centro-destra ecciterà le rispettive tifoserie ma disorienta e allontana il vasto elettorato potenziale di centro-destra.

A spingere i due verso l’alleanza è l’odore della vittoria e il realismo dei numeri, ma a spingerli in direzione opposta c’è non solo l’indole dei due leader e il pressing dei loro ambienti di riferimento: c’è una divergenza ormai troppo forte di linea.

Non si può stare con la Merkel e contro la Merkel, non si può stare coi popolari e coi populisti, non si può sottostare all’Europa e insieme dare priorità all’Italia. E non si può essere alternativi e insieme complementari al renzismo e paraggi.

Per non dire del resto. La controprova dell’impossibile intesa è data proprio dai giornaloni che non rappresentano più l’opinione pubblica ma sono utili termometri per misurare le tendenze del potere: per loro cambia tutto se l’egemonia sarà nelle mani da Salvini o di Berlusconi.

Nel primo caso si schiereranno contro, nel secondo caso saranno accondiscendenti, se non di supporto. E questo, per l’elettore-tipo che si rivolge al centro-destra sarebbe una ragione per diffidarne, per darsi alla macchia e alla protesta, trastullarsi coi grillini o altre liste del cuore.

Intanto un modo per mandare un segnale ai poteri e ai duellanti può essere la simpatia crescente per la loro alleata nazionale, Giorgia Meloni. Che assume agli occhi di molti una posizione terza, di equilibrio, tra Salvini e Berlusconi in tema di migranti, di questione nazionale, di popolari e populisti, di moneta e di Europa.

Decisamente alternativa al politically correct, come Salvini, ma decisamente schierata in difesa dell’unità nazionale, rispetto a una Lega in cuor suo nordista, la Meloni gioca tutto sul tasto nazionale che la distingue anche dal moderatismo europeista dell’ultimo Berlusconi.

Nel derby milanese tra Berlusca e Salvini, la Meloni – irrimediabilmente romana – ci ricorda che esiste poi anche il resto d’Italia e quella cosa grande, sporca e gloriosa che è la Capitale, per non dire del sud. Dopo la Pontida leghista e debossizzata, dopo la Fiuggi forzista ed euromoderata, arriva ora Atreju, a Roma, la festa nazionale di Fratelli d’Italia nel prossimo fine-settimana.

È un’occasione per rilanciare un movimento di “patrioti”, non contro l’Europa ma per un’Europa diversa da quella vigliacca, finanziaria e politically correct vigente; tesa a stabilire il primato dell’unità nazionale e a rilanciare un’idea forte di Stato e Civiltà.

Disposta a integrare gli immigrati compatibili sul territorio ma ferma nel respingere nuovi flussi, frenare l’accoglienza ed espellere sul serio chi non accetta le regole, usa violenza, minaccia e ci odia.

Una linea che si dovrebbe riassumere in tre priorità: prima l’Italia e gli italiani, prima la famiglia e le nascite, prima il merito e i migliori. Per una democrazia comunitaria, decisionista, responsabile.

Una forza non risolta nel presente, ma capace di forte memoria storica, vivo senso della civiltà e dell’identità, proiettata nel futuro. Quella destra nazionalpopolare può essere il ponte e la cerniera tra la Lega e Berlusconi, il punto d’incontro e distinzione; ma se è il caso può essere la terza via, irriducibile alle due.

Perché non basta vincere, bisogna chiedersi per far cosa. A patto che sappia raccogliere tutte le “destre” sparse, anche in forma di umori, dando unità e compostezza e volgendo la rabbia in amore. A tale proposito torno a lanciare l’idea che Fratelli d’Italia punti alla Camera su energie nuove, giovanili, e al Senato su veterani, figure di prestigio e tutti coloro che hanno rappresentato qualcosa nella storia della destra, anche se ora ne sono fuori o ai lati.

Qui iuniores là seniores.

Non è ragionevole nutrire molte aspettative. Ma può succedere che tra i due litiganti la terza goda. E possa aprire brecce di speranza agli italiani che non vogliono finire sotto un Carroccio o, peggio, sotto un protettorato tedesco-fiorentino.

E non vogliono assistere succubi e passivi alla guerra lombarda tra Arcore e Pontida.

MV, Il Tempo 20 settembre 2017

Ti potrebbero interessare

Ripartire da Salvini Spegnete la tv all'ora dei tg o perlomeno togliete il sonoro e domandatevi fuori dal minuetto inconcludente che vi propinano ogni giorno: ma in questa situazione qual è meglio per ...
Il Centro-destra, fine corsa Il centro-destra come lo abbiamo conosciuto non esiste più. Lo ha detto l'altro giorno Giorgetti, il numero due della Lega parlando a una platea di destra. Ha detto semplicemente l...
Chi di Rai ferisce, di Rai perisce Non so come finirà la fiction sul presidente della Rai, se Foa resterà comunque alla guida, magari da consigliere anziano come accadde nel 2004 al berlusconiano Alberoni o se gli s...
Condividi questo articolo
  • 950
  •  
  •  
  •  

Tags: , , ,



Rispondi

  • Eventi

  • Facebook

  • Twitter

  • Canale Youtube